Creato da: tizianacorreale il 16/12/2007
Attraverso i miei occhi a volte una semplice eco, altre un'inarrestabile surrealtà...

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

stefano.rigillocomelunadinonsolopolantpicacap.harlock74tizianacorrealefelisia6farfallanarranteProfumoColoratoTopoCanguroocsurtegossipcoccinellagiannyalfieriblaisemodestyCantastorie61ORCHIDEA693
 

Ultimi commenti

Ciao a tutti! Ci tengo molto a dire che il testo "Lo...
Inviato da: Lorenzo Simonini
il 28/05/2012 alle 20:21
 
Davvero grazie per il commento. Non c'è niente di più...
Inviato da: tizianacorreale
il 27/05/2012 alle 22:36
 
"Qui c'è soave indecisione" Brivido.
Inviato da: zr
il 27/05/2012 alle 14:24
 
Ho letto poche poesie moderne così belle e dense di...
Inviato da: antonio
il 07/04/2012 alle 19:07
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 17:09
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 
« E me ne andai a contar l...Lucy on the Earth withou... »

Tra i banchi...

Post n°6 pubblicato il 21 Dicembre 2007 da tizianacorreale

In classe: un compagno parla con la ragazza alle sue spalle, non seguendo le parole del professore, che ci parla dei personaggi principali del libro letto come compito del giorno. Il professore dice: -Il caro alunno Martinez, si sta perdendo nei brandelli della sua distrazione che in un batteri di ciglio, scrive il suo destino._ La classe ride, pensando che il professore voleva solo dire qualcosa di poetico rimproverando il compagno. Nessuno immagina che in realtà il professore sta entrando nel punto focale della lezione del giorno - Nel libro da voi letto, si parla del destino, quanti di voi credono nel destino? - buona parte della classe alza la mano. Tutti tranne me e un paio di altre persone. Intervengo:- Professore, lei ci sta chiedendo se crediamo in una carta già scritta dove si possono trovare tutti i risultati delle nostre esistenze, oppure se pensiamo che alla fin fine le cose vanno nel verso che DEVONO prendere?- dico - Ci spieghi meglio la differenza tra i due tipi di destino signorna Carletti, siamo ansiosi di ascoltarla - dice il professore, ma la classe non è poi così entusiasta del mio intervento. Tento di chiarire i concetti da me espressi : - Il destino, a mio parere, può essere inteso come volontà divina oppure come scienza. In entrambi i casi non siamo noi a deciderlo, solo che nel primo qualcuno lo scrive per noi, nel secondo è tutto un intreccio di psicologie, sentimenti, invenzioni, fatti, cincidenze...che possono essere calcolati.- interviene Marta - Qual'è la differenza? Nessun uomo potrebbe calcolare tutte le coincidenze, solo Dio potrebbe farlo, perciò il destino delle cose e degli uomini, sarebbe comunque in mano a Dio.- Io ribatto: - C'è molta differenza:si può credere in una figura x, che possiamo indicare con il nome di Dio, e questa ha in mano il destino. Ma si può credere che il Dio può scegliere a suo piacimento cosa deve accadere nel mondo, e ciò comporta la credenza nella possibilità che intervenga qualche ente superiore, se il mondo va in subbuglio; oppure si può credere che la psiclogia umana e animale, pur risultando all'uomo molto complessa, per esseri con intelletto più acuto del nostro, può risultare banale e perciò essere intuita in modo da anticipare le mosse dell'uomo e deglio altri esseri viventi su questa terra. In questo caso si crede che nulla e nessuno possano intervenire, in caso di bisogno, bensì che si rischino perennemente impatti fatali tra universi opposti. Il primo esempio di destino è ottimista, il secondo realista. - Il professore chiude il dibattito: - riprenderemo domani questo argomento, quando mi porterete una relazione scritta di almeno 4 pagine su quello che il destino, rappresenta, ha rappresentato e rappresenterà per l'uomo. Arrivederci, buon lavoro!- 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Realtaparallele/trackback.php?msg=3801577

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 22/12/07 alle 09:48 via WEB
il racconto non finisce qui... dopo che il professore aveva assegnato la relazione di 4 pagine, quest'ultimo usci dalla classe ed la ragazza che aveva posto il problema del destino, venne ammazzata di botte dalla classe inferocita; cioè, statti zitta e neanche oggi facevamo un cazzo, mamma mia.
(Rispondi)
 
ludmilla68
ludmilla68 il 31/12/07 alle 09:37 via WEB
buon anno piccola....un abbraccio
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 04/01/08 alle 18:50 via WEB
...qualcuno filosofeggia... hihi^^
VoldeMorta
P.S: xkè nn commenti mai sul mio bloggolo?! sigh... :'(
(Rispondi)
 
 
tizianacorreale
tizianacorreale il 05/01/08 alle 23:58 via WEB
perchè mi scordo sempre di andarci!!! comunque ora mi faccio un giro ;)...
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.