Creato da cuccuruccuz il 31/10/2008

EL PUEBLO UNIDO

JAMAS SERA VENCIDO

SIAMOVIVI

 



MI TROVI
SU FACEBOOK

Nico Guevara

 

QUALCUNO ERA COMUNISTA..

Qualcuno era comunista perché si sentiva solo.

Qualcuno era comunista perché credeva di
poter essere vivo e felice solo se lo erano anche gli altri.
Qualcuno era comunista perché aveva bisogno
di una spinta verso qualcosa di nuovo.
Perché sentiva la necessità di una morale diversa.
Perché forse era solo una forza, un volo,
un sogno era solo uno slancio, un desiderio
di cambiare le cose, di cambiare la vita.
Sì, qualcuno era comunista perché,
con accanto questo slancio,
ognuno era come… più di sé stesso.
Era come… due persone in una.
Da una parte la personale fatica quotidiana
e dall'altra il senso di appartenenza a
una razza che voleva spiccare il volo
per cambiare veramente la vita.
No. Forse anche allora molti avevano aperto
le ali senza essere capaci di volare…
come dei gabbiani ipotetici.
E ora? Anche ora ci si sente come in due.
Da una parte l'uomo inserito che
attraversa ossequiosamente
lo squallore della propria sopravvivenza quotidiana
e dall'altra il gabbiano senza più neanche
l'intenzione del volo perché
ormai il sogno si è rattrappito.
Due miserie in un corpo solo.

 

 

 

 

HO VISTO ANCHE DEGLI ZINGARI FELICI

...ho visto degli zingari felici...

ubriacarsi di luna,

di vendetta e di ...guerra...

...i poeti amano l'odore delle armi,

odiano la fine della giornata...

 

 

« Parola di guerriglieroSONO COSE CHE SUCCEDONO... »

IL BAMBINO CON LA PISTOLA

Post n°68 pubblicato il 17 Aprile 2009 da cuccuruccuz
 

Inizia con questo una serie di post dedicato ai minori e la giustizia, per il semplice fatto che i minori sono il futuro della società.

Lo chiamiamo IVAN.

A poco più di dieci anni fu trovato in giro per le strade della città vecchia di Bari con una pistola di grosso calibro da consegnare a qualcuno. Si tentò di recuperarlo collocandolo in una comunità in Toscana da dove è fuggito non resistendo al richiamo della foresta, ovvero del contesto malavitoso nel quale era cresciuto. Ha ripreso a delinquere e, come prevedibile, ora che è maggiorenne, si legge di lui nelle cronache cittadine per il suo coinvolgimento in gravi fatti delittuosi.

La vicenda, comune a tanti ragazzi, pone problematiche sociali, psicologiche, giuridiche, politiche. L'aspetto che sembra non valutato (ed è strano in un mondo dominato dal business) è quello del danno economico che la devianza minorile e la successiva criminalità adulta arrecano alla comunità.

Quanto ci costa Ivan?

Partiamo dal momento in cui è stato trovato con la pistola e facciamo dei conti: intervento della polizia, lavoro della magistratura e dei servizi sociali, spese per il trasferimento e per la permanenza nella comunità. E poi, quando è rientrato a Bari, costi della degenza in ospedale (per il suo ferimento in uno scontro tra bande) e, ancora, costi giudiziari per altri processi, costi della carcerazione. Senza dire delle vittime dei reati da lui compiuti, dei danni a queste vittime. Senza calcolare il contagio deviante diffuso nell'ambiente circostante e la conseguente moltiplicazione di "casi Ivan".

E la storia dell'ex bambino con la pistola è soltanto all'inizio, con la facile previsione che la sua carriera sarà lunga e quindi molto "costosa". Un costo pesante, pagato per una vita criminale che è destinata a restare tale perchè nulla fa pensare ad una "conversione" di Ivan alla legalità.

I primi dieci anni di vita di Ivan, il momento in cui si è svelata la sua inclinazione a delinquere, sono stati sufficienti a segnarlo per sempre. Ed è proprio in quei suoi primi anni bisognava tentare di intervenire. Certo non si poteva sottrarlo alla famiglia (anche se sulle famiglie malavitose si potrebbe effettuare un controllo di routine da parte dei servizi sociali), ma si poteva inserire in un asilo nido e poi in una scuola materna di qualità. Si poteva consentirgli di muoversi in parchi per giocare all'aperto, in strutture sportive, in ambienti ricreativi e culturali nel suo stesso quartire adattati a misura di bambino. E poi scuole studiate apposta per operare in realtà difficili, con programmi speciali ed insegnanti specializzati.

MA TUTTO QUESTO A BARI E NEL SUD E' INCONCEPIBILE!!!!!!!

Tutti questi bellissimi progetti potrebbero essere obiettati dai costi  consistenti per realizzarli, che se attuati potrebbero sanare il degrado ambientale in cui tanti bambini come IVAN vivono, in tanti luoghi sopratutto dell'Italia meridionale. C'è bisogno di molti soldi, è vero, ma facendo bene i conti, si scopre che l'investimento è economicamente redditizio. Come mai non ci si pensa?

SONO troppo interessati alle speculazioni, al clientelarismo, a costruire i BUBBONI come punta PEROTTI. Da qui la constatazione che oltre , i politici , a perseguire interessi personali e di cordata, sono anche e sopratutto degli INCAPACI.

Un ultima considerazione di carattere morale...forse in molti casi simili ad IVAN...sarebba bastata...UNA CAREZZA...

(LA STORIA DI IVAN è reale e l'argomento è stato da me elaborato attingendo notizie dalla rivista MINORI E GIUSTIZIA) 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/SIAMOVIVI/trackback.php?msg=6906514

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
judeus
judeus il 17/04/09 alle 12:50 via WEB
Grande post!!!! HASTA SIEMPRE COMANDANTE NICO FARO' IL POSSIBILE PER ESSERCI A FIRENZE ANCHE SOLO PER CONOSCERTI
 
abracciaaperte1
abracciaaperte1 il 17/04/09 alle 14:16 via WEB
Ciao, i bambini sono la mia ossessione. Credo nell' educazione e che bisogna dare amore, spazio e cultura ai ragazzi e sono convinta che debbano essere allontanati dalle famiglie se queste sono indegne! Ma la nostra società non si occupa della famiglia, perfino la scuola è stata tagliata perché costa. Ora contano gli investimenti e le speculazioni.
 
 
cuccuruccuz
cuccuruccuz il 17/04/09 alle 14:20 via WEB
sono daccordo con te...questo è il primo di una serie di post che tratterà l'argomento sotto diversi aspetti...e non solo dal nostro punto di vista ma sopratutto da quello dei minori...grazie per il tuo intervento sempre opportuno e gradito
 
   
abracciaaperte1
abracciaaperte1 il 17/04/09 alle 16:19 via WEB
Grazie a te per questo post. I bambini sono il futuro, occuparsi del loro benessere, oltre che nostro dovere per rispetto della loro innocenza, è necessario per costruire una società sempre migliore.
 
quadernorosso
quadernorosso il 17/04/09 alle 19:09 via WEB
santoddio nico... ti sembrero' superficiale e banale, ma io non credo piu' che al mondo esista qualcuno capace di pensare alla vita di un individuo (bambino, adulto, psichiatrizzato, donne abusate, ecc.. ecc...).
se ci fai caso, in ogni ''settore'' l'obiettivo principale non e' quello di aiutare la persona in questione, ma di avere controllo sociale.
si cerca essenzialmente di eliminare il problema che un eventuale danno potrebbe produrre.
poi ci sono quelle problematiche che navigano nella cacca piu' delle altre (vedi controllo psichiatria), altre un po' meno, ma siamo sempre li'...
 
 
cuccuruccuz
cuccuruccuz il 17/04/09 alle 19:28 via WEB
...la società è e sarà composta da individui che poi ne formano il tessuto sociale...di Ivan ce ne sono tanti, purtroppo. L'affrontare e risolvere il problema "individuale" è poi la risoluzione di problemi collettivi...aiutare la persona(categoria di persone) è il modo giusto a mio avviso l'unico modo per "capire" e risolvere problemi sociali...
 
quadernorosso
quadernorosso il 18/04/09 alle 00:00 via WEB
certo che e' come dici tu, peccato pero' che chi dovrebbe aiutare nel senso in cui crediamo noi poi non lo fa.
 
luste.ig
luste.ig il 18/04/09 alle 10:25 via WEB
Nico bellissimo post. Sono sempre i due concetti che si scontrano: prevenzione e repressione. La repressione paga in immediato in termine di voti...rende mostrare i muscoli...rende avere qualcosa o qualcuno contro cui mostrarli al momento opportuno e in generale la criminalità rende come fondi neri da riciclare. La prevenzione, come affermi tu, rende ai cittadini ed allo stato ma non si vede, non si vende in termini elettorali e, anche se fosse spendibile, è un investimento a lungo termine...perchè dovrebbero fare dei favori al nostro futuro ed ai politici che governeranno! Non penso che i politici attuali siano incapaci, non voglio pensare che siano stati selezionati per la loro imbecillità ma per la disonestà e la malafede si! Come sempre queste "rendite" vengono pagate dal popolo. Hasta siempre!
 
 
cuccuruccuz
cuccuruccuz il 18/04/09 alle 11:41 via WEB
daccordo su tutto, ma personalmente li ritengo anche INCAPACI.
 
dolly.1
dolly.1 il 18/04/09 alle 11:34 via WEB
Ho esperienze con bambini anche adottati e non puoi immaginare come i genitori adottivi vengano abbandonati anche difronte a problematiche molto serie..non parliamo poi dei bambini..pacco merci...Grazie di questo post..adoro i bambini..Dolly.
 
 
cuccuruccuz
cuccuruccuz il 18/04/09 alle 11:45 via WEB
ripeto, è il primo post che tratta il problema, in questo blog si affronteranno altri aspetti sempre vertenti sullo stesso argomento e invito chi ne ha a cuore di partecipare e contribuire, ne potrebbe venire fuori qualcosa di interessante e perchè no delle proposte concrete e delle idee che si potrebbero sviluppare...grazie dell' intervento
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Nostra patria il mondo intero,nostra legge la libertà.
Libera cultura in liberi spazi!Anarchia è vita.
Voi ridete di me perché sono diverso,
io rido di voi perché siete tutti uguali.
Oggi cerco un’ora di furibonda anarchia e,
per quell’ora darei tutti i miei sogni,
tutti i miei amori, tutta la mia vita.
Anarchico è colui che dopo una lunga,
affannosa e disperata ricerca ha trovato
sè stesso e si è posto, sdegnoso e superbo
“sui margini della società” negando
a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Ogni popolo, come ogni persona è quello che è,
e per questo ha un diritto ad essere se stesso.

 

 

TAG

 

EL CHE

Dicono che noi
rivoluzionari siamo romantici.
Si è vero lo siamo in modo diverso,
siamo quelli disposti a dare la vita
per quello in cui crediamo.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

gee900aran.banjo78Maddalena.Robinole800pie.brancacciodi.luna.nuovaquasituttatua63MAN_FLYmax_6_66Cla.udio19cesibluale_soendo251Fubine1studioavvg.manca
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 29