Un blog creato da steffa40 il 17/08/2008

IL BLOG DI STEFFA

PeRtUtToCiO'cHeVuOi............MeTtErCiDeNtRo

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

site statistics 

 
 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 
 
 
 
 
 
 

I MIEI BLOG AMICI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giovannid500psicologiaforenseketa76cielo_capovoltobeverly61dsbsissy65ssonosemprebigATravel_Timemisicosmeticsrapsapalba_chiara5thew_69puffo_bastardoeric65vGito1
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Post n°21 pubblicato il 27 Agosto 2008 da steffa40

Castrazione chimica per i pedofili:
la Gran Bretagna fa sul serio

Assunzione non obbligatoria di farmaci anti-libido per ridurre il rischio di nuovi abusi sessuali su minori

Linea dura, durissima quella che il governo inglese intende mettere in atto contro i pedofili. Per ridurre al minimo il rischio di nuovi abusi sessuali sui bambini in Gran Bretagna si sta pensando di ricorrere alla castrazione chimica. Una proposta che a più riprese è stata fatta anche in Italia, ma poi non condotta a termine, ma che il governo d'Oltremanica ha deciso invece di mettere in atto forte anche dell'esito di alcune ricerche che mostrano come l'assunzione di farmaci anti-libido possa ridurre il rischio di nuovi abusi sessuali su minori.

Non sarà obbligatoria: chi è stato condannato per pedofilia e vuole 'curarsi', potrà prendere i farmaci entrando a far parte del programma di sperimentazione. Il ministero della Salute ha dato l'incarico allo psichiatra Don Grubin, dell'Istituto di neuroscienze dell'università di Newcastle, di coordinare l'iniziativa in tutto il Regno Unito.

Non è un'alternativa al carcere, specifica l'esperto: "Ci si potrà sottoporre al trattamento dopo aver scontato la condanna", si legge sul quotidiano britannico 'Telegraph'. Si riduce il testosterone a livelli preadolescenziali, con effetti simili a quelli della castrazione. Programmi del genere sono già stati adottati sui pedofili in Svezia, Danimarca, Canada e in otto Stati negli Usa.

In Scandinavia dove la castrazione chimica è attuata i dati parlano di buoni risultati: la reiterazione del reato ai danni dei più piccoli si è ridotta da oltre il 40% al 5%.

Ma non tutti sono entusiasti dell'idea: in Australia il Governo ha sempre rispedito al mittente gli appelli ad avviare una simile iniziativa, perché convinto che non ci siano prove sufficienti che funzioni. Non solo. Poco si sa sugli effetti collaterali dei farmaci, che possono indurre uno stato letargico e scatenare problemi ormonali. La Gran Bretagna ha aperto la strada ora c'è da giurare che questa misura possa essere proposta magari in modo analogo anche in Italia.

 
 
 

Post N° 18

Post n°18 pubblicato il 25 Agosto 2008 da steffa40
Foto di steffa40

                «Sono lesbica.E adesso?»
in Lifestyle

Dopo l'accettazione dell'omosessualità per molte donne si pone un dilemma: come fare a dirlo? E soprattutto meglio dirlo o no?

Ellen Degeneres e Portia De Rossi sorridono felici: hanno appena detto sì in California. Pochi gli invitati, ma la risonanza dell'evento è amplissima: sono le prime donne dello showbusiness americano a sposarsi. Il mondo dello spettacolo è sempre più abituato a donne dichiaratamente lesbiche: da Lindsay Lohan e Samantha Ronson a Jodie Foster e Cydney Bernard (ormai ex), da Cynthia Nixon a Carmen Electra. Negli Stati Uniti per lo meno perché in Italia ancora si nascondono fingendosi single o facendosi di tanto in tanto fotografare con un belloccio di turno.

Le motivazioni possono essere diverse - dal timore di essere discriminate sul posto di lavoro alle reazioni dei familiari - ma il coming out è una questione personale, come ha detto Paola Concia, l'unica deputato omosessuale della legislatura eletta nelle liste PD. «In Parlamento mi sento sola, ma non sono la sola» aveva detto in un'intervista al settimanale Gioia, «Siamo tra il 7 e il 10 per cento. Il Parlamento rispecchia l`Italia, almeno in questo caso».

«Sapete qual è il momento + brutto nella vita di un omosessuale?» ha scritto sul suo blog lesbikaeorgogliosa, «Ve lo dico io...quando lo viene a sapere la famiglia...ovvero mamma e papà,ke avevano progettato tutta una vita alla loro piccolina (mia madre già pensa al corredo ),e ke si troveranno davanti questo "problema" insormontabile... Sapete quant'è brutto quando mia madre mi dice "ehy,quando ci fai conoscere il fidanzato?" vorrei sprofondare,insieme a questo mondo di merda!!! Personalmente nn ho ancora trovato il coraggio di dirlo ai miei,ma se nn lo faccio io lo verranno comunque a sapere prima o poi...».

«Penso sia giusto fare coming-out con tutti, per ragioni sia personali sia "sociali"... certo non sempre è stato facile, a volte avevo un blocco di granito sullo stomaco e una paura boia ma ho sempre fatto un respiro profondo e via. A volte è andata male, più spesso è andata bene ma comunque ho perseverato» ha invece scritto Sweet. «Però c'è un coming-out per cui non riesco proprio a trovare il coraggio, quello coi miei nonni. Voglio bene ad entrambi e loro ne vogliono a me, ma so con certezza che non la prenderebbero per niente bene».

 
 
 

Post N° 14

Post n°14 pubblicato il 23 Agosto 2008 da steffa40

 
 
 

Post N° 13

Post n°13 pubblicato il 22 Agosto 2008 da steffa40
Foto di steffa40

Guardiamo la nostra affinità di coppia......... FAMMI SAPERE   http://digilander.libero.it/leixlei1/zodiaco.htm

 
 
 

La commedia LeSbIcA

Post n°12 pubblicato il 20 Agosto 2008 da steffa40
Foto di steffa40

A torino un preside di una scuola media ha avuto la bella idea di bloccare una commedia teatrale perchè l'omosessualità sarebbe un "tema troppo forte".
Mi chiedo se sia più educativa per un bambino la storia della bella addormentata (che peraltro nella versione originale prima di incontrare il principe veniva violentata), cosa guadagna un bambino da storie di principi azzurri e bellissimi e di principesse sfortunate che però poi realizzano i loro sogni d'amore e vivono felici e contenti? Quando cresceranno le bambine diventeranno delle grandi lettrici di romanzi harmony, e successivamente molto probabilmente delle donne frustrate perchè non sono mai riuscite a trovare in vita loro il grande amore delle favole. I bambini invece cresceranno pensando che bisogna essere belli e potenti per conquistare le donne, perchè pure il ranocchio poi si trasforma in un bel principe, mentre nella vita normalmente se ranocchio sei ranocchio rimani, non c'è la fatina a darti una mano.
Ma anche la discriminazione nasce da queste cose, l'anormalità in genere è solo un dato statistico, se si insegna hai bambini fin da piccoli che esistono l'uomo e la donna rigidamente separati nel corpo, nello spirito e nei ruoli, e che l'amore eterosessuale è l'unico amore esistente, si crea la normalità in cui l'europa è vissuta per tanto tempo, e poi sì che può essere "troppo forte" accettare la realtà se si cresce con quelle favole...

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963