Creato da ra.sha il 05/02/2011

Fili di seta sonora

...al soffio del Tuo buon vento

 

« All'anima di setaIn punta di lingua »

In quella casa dove tutto riposa

Post n°40 pubblicato il 19 Settembre 2011 da ra.sha
 

 

 

 Su tre piedi
sedevi
cercando uno scheletro di radici
inamidati i calzini
come catene
imprigionavano il tuo passo
alla finestra di sempre
Non so ancora capire se
ci fosse stata una maniglia
e quale mano
avrebbe potuto mai girare
trasparenze di silenzi
e promesse disattese
Due occhi
scorrevano vetri
dove confondevi la pioggia
alle tue lacrime
e non so se il riflettere del sole
fosse colore o un raggio sotterraneo
Un dito indice
scivolava il vapore del respiro
prigioniero di uno stesso tempo
prigioniero di uno stesso volto
sillabava in lento tremolio
un identico nome
e non so se da fuori
guardando al vetro
fosse richiamo di un fantasma
o di una carezza di bambino
Il tuo corpo
vegliava il silenzio
in un cuscino nascondevi
cattedrali di nuvole sbiadite
... in quella casa dove tutto riposa
tranne l'attesa ...
un sorriso sembrava dirmi "sei qui"
ma non era il mio nome quello che pronunziavi
quando mi abbracciavi di rinuncia ad un volto
e guardando lontano
ti domandavi, mi domandavi
dove mai abitasse il dono
che pur cercavi incredulo
nella parola abbandono
quando di giorno camminavi
per corridoi smarriti
e di notte sdentato
mordevi la carne di un figlio
ma non ne sentivi più il sapore
mentre attendevi
che aprisse ancora quella porta
e ti opponevi al taglio dei capelli
... verrà a pettinarmi ancora
con il pettine nuovo
che mi ha promesso...

 

rasha

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/SetaSonora/trackback.php?msg=10629401

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
across.the.shadows
across.the.shadows il 19/09/11 alle 09:11 via WEB
Toccante.. questa tua.
L'attesa, la rassegnazione nell'attesa, rotta solo da risoluti residui d'orgoglio.
Siamo figli di un tempo nel quale la vita, la morte, la gioventu, la vecchiaia erano nella logica delle cose, gli anziani terminavano la loro vita nelle case, fra i loro cari... figli, nipoti... perchè era normale che così fosse.
Siamo ora parte di un tempo, che per comodo o necessità, magari entrambi, tende a demonizzare e porre ai margini tutto ciò che non produce, che non contribuisce... che non è "utile".
Non c'è mai tempo, e magari se il pensiero ti prende in un bar la mattina fra una pastarella ed un caffè, il tempo c'era, ma non c'è mai tempo.
Fuggiamo anche il solo pensiero della morte e la gente muore in sterili, bianchi ospedali... separata e ben nascosta; una generazione ancora e nessuno più potrà ricordare ... il tempo nel quale vivere non era eterno ma .... dignitoso.
Buon inizio settimana rasha
 
 
ra.sha
ra.sha il 24/09/11 alle 17:57 via WEB
E quanto si poteva imparare da quelle comunioni di vissuti...abbiamo lasciato andare la storia, le leggende, le favole, la gioia di una vita di sacrifici e la condivisione del dolore, esempi di coraggio...abbiamo lasciato seppellire le radici della nostra chioma...grazie Across, bellissimo commento. Un sorriso, rasha
 
A.Dr.Faust
A.Dr.Faust il 19/09/11 alle 12:56 via WEB
L'attesa che diventa l'unico motivo di vita, l'abbandono vissuto. Sai sempre regalare emozioni, Rasha. Anche se talvolta tristi. (un sorriso).
 
 
ra.sha
ra.sha il 24/09/11 alle 17:58 via WEB
Tristi si...per quel che lasciamo scivolare via senza vivere...grazie Fausto, un sorriso. rasha
 
alfazulu31
alfazulu31 il 19/09/11 alle 20:59 via WEB
Questo è il "pezzo" che mi ha fatto "innamorare" di Te...mi si accappona la pelle..Stop.
 
 
ra.sha
ra.sha il 24/09/11 alle 17:59 via WEB
Stop :) sorrido Alfa...grazie
 
barbone777
barbone777 il 20/09/11 alle 17:24 via WEB
In un Amore vero e puro...
nessuna attesa sarà mai vana...
Verso una deliziosa sera...
o mia dolcissima anima Rasha... *_*
in un inchino dal Barbone
 
 
ra.sha
ra.sha il 24/09/11 alle 18:01 via WEB
Purtroppo qualcuno è veramente solo Barbone...almeno qui, su questa terra senza lo sguardo al cielo...dolce sera a te e grazie. Un sorriso, rasha
 
woodenship
woodenship il 21/09/11 alle 23:27 via WEB
Non aggiungo altre parole a quelle che, già un giorno,mi uscirono dal cuore facendola mia...Soltanto una cosa a rileggerla è sempre una magia che prende............................. Tenere notti di fine settembre eterea rasha........................W.........
 
 
ra.sha
ra.sha il 24/09/11 alle 18:02 via WEB
Serene notti di fine settembre a te Woodenship...sono così profumate e colorate nel loro spegnersi di frenesia e l'arrivo di odori di legna e uva...un sorriso, rasha
 
Hugo_Foto
Hugo_Foto il 24/09/11 alle 00:40 via WEB
..Oggi mi da un bacio..e per me è infinito il silenzio..è una lacrima che vuole ancora credere che ci sia pietà per i vinti, per la malattia. Quel bacio è la mia mamma, quella lacrima è un figlio che a volte non crede più alla luce, quella che fugge piano piano nei giardini della memoria. Grazie.. Un sorriso. HUGO
 
 
ra.sha
ra.sha il 24/09/11 alle 18:05 via WEB
Grazie Hugo per questo commento...sai, questa poesia è uscita pensando ad un bambino abbandonato in orfanotrofio ai tempi della seconda guerra mondiale e che per anni aspettava la mamma alla finestra...mio papà...è uscita al contrario, non sò perchè, forse perchè non è mai arrivato ad avere le rughe sul volto...per questo ti ringrazio del tuo stupendo commento. Un sorriso, rasha
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

BOX BLACK

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TAG

 

BOX BLACK

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BOX BLACK

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BOX BLACK