Creato da irene.74 il 30/09/2013
Metamorfosi di una farfalla

Contatta l'autore

 
Nickname: irene.74
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 44
Prov: TA
 

"Poi nasce un nuovo giorno. E il buio porta via con sé quel che non serve. Il resto spetta a noi. Che di questa metamorfosi abbiamo fatto uno stile di vita. Arabe fenici dalle mille rinascite. Questo siamo..." 

 

Il Meteo

 
 

Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato  senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001

Alcune delle immagini inserite nel Blog sono tratte da internet, da siti che ne permettono la condivisione gratuita. Qualora ritenessi che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, comunicacelo via e-mail e le rimuoveremo immediatamente

 

Archivio messaggi

 
 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Ultime visite al Blog

 
valerio9045arturo1964irene.74gabri02010daunfioreD_E_U_Snomade_assenzioRosecestlavieI.am.Layladomticafabiodom45annaincantoCoralie.frdiogene51acquasalata111
 

Area personale

 
 

FACEBOOK

 
 
 

Tag

 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 
 

 

 
« Un'App che fa riflettere...Un lampo di perenne verg... »

Cerco un centro di gravità permanente

Post n°299 pubblicato il 17 Marzo 2017 da irene.74
Foto di irene.74

...che non mi faccia mai cambiare idea... sulle cose... sulla gente... over and over again! Mitico Battiato.

Pensavi che oggi avrei scritto un post sul venerdì 17, la sfiga e gli scongiuri? Certo che no. Non credo alla iella e a tutte le superstizioni possibili. Siamo i fautori del nostro destino. Possediamo tutto quel che serve per dirigere la vita in direzione dei nostri sogni.

Quel che trovo impegnativo, non certo impossibile, ma sicuramente difficile, è mantenere l'equilibrio. A volte ho la netta sensazione di star camminando su un filo sottilissimo e che se dovessi vacillare, mi costerebbe cara l'incertezza...

Nel corso degli ultimi anni ho fatto passi da gigante. Ho imparato a non far dipendere la mia felicità dagli eventi e dalle persone. Ne ho fatto una scelta di vita che mi porta a sentirmi serena, capace di gioire anche solo perché in cielo brilla alto il sole, o perché i passerotti vengono a cinguettare festosi sul mio balcone, ogni giorno.

La meditazione e le discipline orientali mi hanno plasmato non poco. Ho capito che ogni persona che entra nella mia vita è da accogliere come un dono. Anche quando si rivela deludente, finta, quando tenta di manipolarmi o persino di farmi del male. Mi sta regalando, in ogni caso, l'opportunità di diventare migliore.

Ho imparato a mie spese che ci sono persone destinate ad uscire di scena quando meno te lo aspetti. Persone venute per una ragione specifica. Assolto lo scopo, con la stessa delicatezza con cui vi hanno fatto capolino, ne escono. Succede con gli amici, anche col partner. Tanto che nei momenti di sconforto ti sembra di dover imparare ad accettare il fatto che persino i sentimenti siano dotati di una data scadenza!

Poi però, asciugate le lacrime, capisci che bisogna cambiare punto di vista. Allargare gli orizzonti.

Siamo qui per evolverci, per sfidare noi stessi, per migliorare, per brillare di quella luce meravigliosa ed unica che talvolta dimentichiamo pure di possedere! Tutto il resto è contorno.

Puoi scegliere di aggirare l'ostacolo. Di colmare le tue insicurezze ed i tuoi bisogni di certezze poggiandoti ad altri. Nel qual caso è bene che tu metta in preventivo di dover imparare l'arte di cadere senza farsi troppo male, ogni qualvolta vien meno l'equilibrio perché si è perso di vista il proprio baricentro.

Oppure puoi decidere di bastare a te stesso. Di abbandonare le aspettative, di star bene a prescindere da tutto il resto. Di essere felice anche da solo. Di avere il cuore grato per tutto ciò che possiedi. Di cercare in te il centro di gravità permanente.

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog