Creato da MuseoDeiRicordi il 25/05/2005
L'età favolosa dell'infanzia, la scoperta del mondo...quando le cose, le parole i gesti non erano tutti uguali...I ricordi dei blogger

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

xmonella74delmercatoocchiodivolpe2mpt2003venere_privata.xil_ramo_rubatogesu_risortoannunz1magdalene57pion62telunetlubopopoetellataglia_sprechicinapomariomancino.m
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« La MiA pRiMa gUeRrAFERRAGOSTO »

LA SCUOLA

Post n°39 pubblicato il 07 Luglio 2005 da MuseoDeiRicordi


'' Domani prende la cartella e va a scuola! "

Il tono del padre è di quelli che non ammette repliche. La madre non ribatte e si ritira in cucina. La ragazzina sa che stanno parlando di lei. Nel pomeriggio un messo comunale aveva portato una lettera ed era a causa di quella che i genitori stavano discutendo : era una ingiunzione perché ‘’ chi esercita la patria potestà ottemperi all’obbligo di istruzione nei confronti del minore, che la legge fissa fino a 14 anni, pena una multa di lire...." Così dice la legge, ma in paese si sa di più d ’ una famiglia che a quella legge non si è adeguata.

La regola , non scritta ma unanimamente accettata , è che prima ci sono le esigenze della famiglia e poi le aspirazioni dei singoli e le norme di legge .

La madre ha cinque bambini da curare , e nessuno che l’aiuti , anche una ragazzina di dieci anni può far comodo per guardare i piccoli , fare piccoli servizi , fare la spesa ... Quella figlia serve a lei, non può cederla alla scuola. Ma di fronte alla prospettiva di una multa e di un contenzioso con le autorità comunali , il marito ha deciso diversamente e lei sa che deve adeguarsi anche se non è d’accordo.

Il giorno dopo la ragazzina uscì di casa e si presentò a lezione.

Dopo le vacanze di Natale però risultò assente ingiustificata fino alla fine dell’anno...

il padre aveva pagato la multa.

 

Lilith_0404 ,

Lombardia, 1969

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
perlanaturale
perlanaturale il 07/07/05 alle 21:25 via WEB
Gli obblighi sociali e legali e scolastici, dovrebbero servire a tutelare i cittadini e in questo caso si trttava del bene di un minore.. Certo, negli anni del passato, la realtà della vita poneva di fronte a necessità e bisogni in netta contraddizione....anche questo è lavoro minorile, consenziente il minore, perchè non era un abuso, nè un fatto straordinario aiutare la madre, ma una cosa naturale e nella norma. E quella bambina, ha poi continuato più la scuola? E chissà se lei ne ha sofferto, chissà se le sue aspirazioni erano diverse... Mi ha toccata queato post.... E pensare che oggi vi sono ragazzi che godono privilegi, di cui non se ne rendono nemmeno conto, che permetteno loro di crescere nell'egoismo più totale. Per fortuna di contro, ve ne sono molti altri che apprezzano le possibilità che la vita loro offre e si adoperano per usare al meglio i mezzi a disposizione. Perla
(Rispondi)
 
lilith_0404
lilith_0404 il 07/07/05 alle 23:57 via WEB
A dieci anni probabilmente non aveva aspirazioni diverse, ma accettava la vita come veniva. A tredici però cominciò a pensare che non fosse quella la vita che voleva, e a quindici si presento' da privatista a sostenere l'esame di licenza media.. :-)
(Rispondi)
VegaLyrae
VegaLyrae il 07/07/05 alle 21:44 via WEB
Tanto di cappello a quella bambina che è riuscita a conquistarsi una laurea.
(Rispondi)
 
lilith_0404
lilith_0404 il 07/07/05 alle 23:59 via WEB
:-)si, é stata una soddisfazione che, sia pure in ritardo, mi sono concessa :-)
(Rispondi)
occhiodivolpe
occhiodivolpe il 08/07/05 alle 06:48 via WEB
se i ragazzi oggi capissero che la libertà è questa,poter studiare e accedere alle opportunità della vita diminuendo le diseguaglianze sociali ...e non quella di non aver vincoli e limiti nella ricerca del divertimento...un bacio piccola guerriera,e.
(Rispondi)
lilith_0404
lilith_0404 il 08/07/05 alle 08:40 via WEB
per rigore di cronaca devo dire che la mia famiglia, superato il periodo di difficoltà, mi ha sostenuto nel mio desiderio di studiare: i fratelli in cinque anni erano cresciuti, le circostanze cambiate, dopo la licenza di scuola media che ho conseguito da privatista i miei genitori mi hanno permesso di iscrivermi al liceo ... :)
(Rispondi)
lupopezzato
lupopezzato il 08/07/05 alle 19:38 via WEB
«Tanto di cappello a quella bambina che è riuscita a conquistarsi una laurea» penso che sia il commento più bello a questo tuo ricordo e mi fa piacere rifartelo uguale. :o)
(Rispondi)
 
lilith_0404
lilith_0404 il 09/07/05 alle 07:44 via WEB
Al giorno d'oggi va tanto di moda l' e-learning, io trent'anni fa sperimentai l'antenato di questo metodo di studio, le scuole per corrispondenza, per preparare l'esame di scuola media... la laurea é arrivata tanto tempo dopo, ed é un'altra storia :-))
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.