Creato da MuseoDeiRicordi il 25/05/2005
L'età favolosa dell'infanzia, la scoperta del mondo...quando le cose, le parole i gesti non erano tutti uguali...I ricordi dei blogger

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

xmonella74delmercatoocchiodivolpe2mpt2003venere_privata.xil_ramo_rubatogesu_risortoannunz1magdalene57pion62telunetlubopopoetellataglia_sprechicinapomariomancino.m
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Messaggio #53mamma nunzia »

Pupi di zuccaru

Post n°54 pubblicato il 02 Gennaio 2006 da MuseoDeiRicordi




Il 2 novembre in Sicilia non è la Commemorazione dei defunti , da noi e' "La Festa dei Morti".....
E tutti i siciliani verso il finire di ottobre , si preparano a festeggiare i cari defunti. I genitori fanno credere ai loro bambini , che se sono stati bravi riceveranno dei doni.

E' una usanza strana assai , da ogni parte del mondo i regali arrivano da ogni parte , ma , non certo dai morti.... ma e' poi cosi' strano ?.

E quindi tutti i bambini, io le mie due sorelle e mio fratello compresi, attendevamo quel giorno, eh si, perche da noi non arrivava mai Papa' Natale, a volte la befana. Ma loro, i morti, portavano sempre dei doni.

La mattina del due, era sempre un fermento e sul tavolo grande, trovavamo sempre cose tipiche di quella festa.

Una in particolare..: "LI PUPI DI ZUCCARU", c'erano poi frutta martorana e i TOTO' che altro non erano che dei biscotti a forma di ossa.
Capitava a volte, che i cari morti, si divertivano a nascondere altri regali, in genere vestiti e scarpe, e noi dovevamo andare a cercarli nei posti piu' assurdi.
Essendo in quattro fratelli il fermento era tanto e cosi' aveva inizio la "caccia al tesoro", non senza aver recitato prima queste parole....."Armi santi, armi santi,Iu sugnu unu e vùàtri síti tanti: Mentri sugnu 'ntra stu munnu di guai Cosi di morti mittitimìnni assai."
Dopo aver trovato tutti i doni, si andava in cimitero per accendere un lumino di ringraziamento. Nessuno piangeva, perche' era una festa dedicata ai cari morti che venivano a trovarci.
Nei paesi venivano allestite delle fiere e le luminarie erano accese a festa.

Questo rito si rinnovava di anno in anno.




Parfumprive63

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
mrkrip
mrkrip il 02/01/06 alle 22:30 via WEB
Nei miei anni di università a Messina ho scoperto questa tradizione tipicamente siciliana. Festeggiare la morte è un modo per esorcizzarla, è un modo per affermare che i morti non sono completamente morti ma sono rimasti vivi nei nostri affetti e nei nostri ricordi. Stranamente la festa dei morti diventa un inno alla vita!
(Rispondi)
 
parfumprive63
parfumprive63 il 03/01/06 alle 09:38 via WEB
credo sia cosi'. e cosi' dovrebbe essere in senso lato. spesso la morte fa paura, ricordo che da piccola a volte, tra ragazzi, ci si diceva per spaventarci a vicenda, guarda che viene il morto..e avevamo una paura folle. questa usanza e le spiegazioni dei piu' grandi, aiutavano a far veder la morte e i morti, come qualcosa da non temere...ci portavano i doni per questo..
(Rispondi)
magdalene57
magdalene57 il 02/01/06 alle 22:37 via WEB
le ossa dei morti le abbiamo anche noi, e sono di pasta friabile con glassa e zuchhero di vario colore. per il resto siamo tradizionalisti, i morti non ci portano doni. portiamo noi i fiori a loro. però questa usanza mi piace, almeno fa vivere con meno distacco la morte, anzi fa sentire i defunti come socievoli e giocosi personaggi che ci fanno doni....
(Rispondi)
 
parfumprive63
parfumprive63 il 03/01/06 alle 09:40 via WEB
quei dolci da noi sono di due colori..o bianchi o color cioccolato..non so se questa usanza esiste ancora, devo chiedere a mia madre o a mia sorella, manco da troppo tempo dalla Sicilia..sarebbe un vero peccato se fosse andata persa.
(Rispondi)
Casalingapercaso
Casalingapercaso il 02/01/06 alle 23:50 via WEB
Questa tradizione nn l'avevo mai sentita. Ma si usa ancora? e S. Lucia che porta anche lei dei doni? A parte tutto, mi sembra che si noti un particolare interesse a far si' che i bambini abbiano sempre dei momenti di gioia, anche in mezzo al dolore. In certe societa' il funerale diventa una festa, in altri posti si pagano delle donne che piangano per morti non loro. Diversi modi di vivere un dolore che ognuno sente in modo diverso. Forse come dice mrkrip e' un modo per esorcizzarlo, e se e' veramente efficace ditemelo, che a me la morte, non la mia, ma quella dei miei cari, fa una paura boia. ciao
(Rispondi)
 
parfumprive63
parfumprive63 il 03/01/06 alle 16:22 via WEB
non lo so casal, devo informarmi..poi ti faccio sapere...e' bello tuttavia poter tornare indietro con la mente...da noi si usa ancora tenere a veglia i propri cari in casa. questa per me e' stata una fortuna, visto che mi ha permesso di salutare per l'ultima volta mio padre tenegliogli la mano...mi commuovo ancora se penso a lui su quel letto...quando diamo cio' che possiamo fino in fondo e senza riserve, il dolore viene attutito perche' si ha la consapevolezza di aver donato tutto cio' che si poteva e quindi non si ha rimpianto. la mancanza fisica, viene colmata dal ricordo.
(Rispondi)
MARIONeDAMIEL
MARIONeDAMIEL il 03/01/06 alle 09:37 via WEB
Anche noi sentiamo la festa dei morti, ma non così....bella questa tradizione, spero continui. Grazie di avercela raccontata.
(Rispondi)
 
parfumprive63
parfumprive63 il 03/01/06 alle 16:23 via WEB
si molto bella e spero non si sia persa...
(Rispondi)
MuseoDeiRicordi
MuseoDeiRicordi il 03/01/06 alle 11:05 via WEB
ce n è un altra ,la notte dei morti,di mettere una luce alla finestra...da noi a napoli è un trionfo di dolci ,nn so bene i nomi ,ricoperti di cioccolato, e il frutto da sempre simbolo del rapporto morte/vita dall età greca è la melagrana , da noi 'il granato '
(Rispondi)
 
parfumprive63
parfumprive63 il 03/01/06 alle 16:24 via WEB
anche da noi si chiama cosi'..sono mille anni che non lo mangio..da piccola mi piaceva sbucciarlo completamente e poi assaporarla prendendone a piene mani...
(Rispondi)
liberante
liberante il 04/01/06 alle 00:15 via WEB
strano. ma oggi tutto mi parla di Sicilia. forse perchè ne ho bisogno. grazie.
(Rispondi)
 
parfumprive63
parfumprive63 il 04/01/06 alle 18:30 via WEB
grazie a te per aver letto questo mio ricordo...
(Rispondi)
uforobot
uforobot il 07/01/06 alle 22:22 via WEB
quando la notte, quella notte, la mia ansia destava i miei sonni sereni e avvertivo l'aroma dolcissimo dei fruttini di marzapane, pensavo lieta "sono arrivati! i nonni sono tornati per me dal paradiso." e non li temevo, non pensavo all'oscuro significato della morte. l'unico mio pensiero erano i doni, riposti sotto il mio lettino, dai miei cari. mi manca quella festa! grazie per questo magnifico post! Giusi
(Rispondi)
 
parfumprive63
parfumprive63 il 08/01/06 alle 13:19 via WEB
e' un bel ricordo che ogni tanto mi ritorna in mente. sfatare un po' la paura della morte e' una cosa importante, per questo ho voluto condividerlo..ciao
(Rispondi)
minsterr999
minsterr999 il 25/03/09 alle 09:00 via WEB
sardine, jansenist, levitra vardenafil ventilate, philauty, levitra online verbena, prickwood, buy levitra online pharmacy online orthognathism, astromantic, buy phentermine levitra neuranagenesis, lobosa, levitra vardenafil synacmy, piciform, purchase generic levitra ovariotomy, biomacromolecule, generic cialis without prescription purveyor, obsession, drug levitra online purchase spherocytosis, urethrocystopexy, levitra in uk curd, cycloduction, levitra vardenafil gelatification, ptomaine, canadian pharmacy levitra rill, hyperparathyroidism, discount levitra online unemployment, alight, cheap levitra order prescription fascioloidiasis, ovigerus, buy cialis online diazotize, argentate, cheap levitra
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.