« Un'intervista particolareI Draghi delle pensioni »

I Gattopardi

Post n°57 pubblicato il 24 Maggio 2007 da stefanomac
 

immagineDa qualche settimana a questa parte, tutta la carta-straccia stampata ed i telegiornali più o meno di stato hanno iniziato un’opera di cannoneggiamento con sondaggi ed interviste riguardanti la crisi dei partiti politici. Da Gad Lerner a Belpietro, dal CorSera al Resto del Carlino è tutto un florilegio sulla scarsa affezione dei cittadini italiani nei confronti della politica.
Sembrerebbe una bella notizia soprattutto per chi, come noi, si batte da tempi non sospetti contro la corruzione ed il malaffare imperante all’interno della classe dirigente dei partiti politici, a tutti i livelli e a tutte le latitudini (destra, centro e sinistra). Se anche le maggiori testate giornalistiche, al soldo dei partiti che li foraggiano economicamente grazie alla legge sul finanziamento pubblico, si interessano di questo problema è evidente che ha assunto proporzioni gigantesche e che le esigue casse dello Stato non possono più permettersi di sopportare.
Ma in Italia nulla è più truffaldino delle buone intenzioni. Mentre la maggioranza delle persone per bene si è allontanata dalla politica attiva a causa del tanfo nauseabondo che emana, le signorine grandi firme della carta stampata e dei telegiornali stanno recitando il “de profundis” dei partiti solo ed esclusivamente per tirare la volata al Partito Democratico, alla ricerca di nuove gabelle da riscuotere e di nuovi cadreghini da occupare.
Il nostro paese ha bisogno di una rivoluzione culturale, un processo lungo e delicato ma che non può essere ulteriormente procrastinato. Occorre tornare al culto della legalità intesa come rispetto di regole certe ed uguali per tutti i cittadini, dal meno abbiente al più ricco. Ma per far questo è necessario iniziare dalle scuole, insegnando ai bambini che il proprio futuro non può essere costruito sulla furbizia e sulla raccomandazione, sulle conoscenze influenti e sulle carriere all’interno dei partiti, ma sull’impegno personale ed il rispetto per gli altri.
Ma non basta cambiare musica, occorre cacciare gli orchestrali che hanno ridotto un paese meraviglioso come l’Italia allo zimbello del mondo. E’ necessario un serio e completo ricambio generazionale della classe politica, ormai in sella da più di cinquant’anni e delegittimata nell’aspetto morale e, in molti casi, persino in quello giuridico. Abbiamo politici che sono stati condannati in via definitiva dalla magistratura per le accuse più vili che può subire una persona pubblica: corruzione e concussione. Molti se la sono cavata grazie alla decorrenza dei termini o alla prescrizione del reato: in parole povere, significa che il dolo è stato commesso ma lo Stato non è riuscito a smascherarlo in tempo debito. Altri hanno usufruito dell’indulto, votato da destra e da sinistra, perché gli armadi sono pieni di scheletri ovunque, dalle cooperative rosse alle aziende che gestiscono il gettito pubblicitario delle televisioni.
E, come se non bastasse, i pochi gentleman che non hanno avuto a che fare con le patrie galere si sono sentiti in dovere di gratificarsi, regalandosi leggi e decreti che consentono loro di vivere da nababbi. Stipendi favolosi, pensioni d’oro maturabili dopo solo una legislatura, viaggi gratis per se stessi, mogli, figli, amanti e quant’altro. Eppure trovano il coraggio di chiederci di essere flessibili sul lavoro e di sputare il sangue per quarant’anni.
Ecco perché il Partito Democratico è una truffa perpetrata da una marea di sanguisughe ai danni della collettività: gli stessi uomini che per tantissimo tempo hanno accumulato denari e privilegi, sottraendoli ai pensionati, ai portatori di handicap, ai poveri ed ai disoccupati, oggi tentano di riciclarsi sotto la veste del PD, nel disperato tentativo di sopravvivere allo sdegno popolare.
E’ un momento difficile per la nostra repubblica e, per molti versi, ricorda la crisi istituzionale che sopraggiunse dopo la prima guerra mondiale, quando gli antichi partiti di Giovanni Giolitti e di Sydney Sonnino non ressero alle novità demografiche e culturali che si stavano affacciando nei primi anni venti del secolo scorso. E come al solito, quando le istituzioni si indeboliscono e sono rette da una casta lontana dai problemi della gente, ne approfittano i poteri forti, la grande industria ed i latifondisti terrieri: così è nata la dittatura fascista in Italia e così potrebbe tornare, in forme più subdole e sotterranee, se lasceremo le redini del nostro paese ai seguaci di Craxi, ai banchieri prestati alla politica, ai difensori della famiglia divorziati e con amanti a carico. Ai Gattopardi cosi bene descritti da Tomasi di Lampedusa.

Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Stefanomac/trackback.php?msg=2745505

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 24/05/07 alle 14:38 via WEB
Non bisogna parlare al futuro. E' ormai da tempo che le redini sono in mano a questi signori. Cosa devono fare di visibile per farlo capire!! Forse u golpe ?
(Rispondi)
alpha2007
alpha2007 il 30/07/07 alle 15:47 via WEB
Insomma, ci vuole un trapianto di cervello per tutti...?
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 

Nuovo sito

Il mio blog si è spostato all' indirizzo


Grazie a tutti
 

Ringraziamenti

In ricordo della mia cara professoressa di lettere, donna di grandissima cultura ed immensa umanità: Loredana Rossi Molinaro.
 

FACEBOOK

 
 

Per il giudice De Magistris

Appello per la Giustizia - Per De Magistris
 

Free Burma!

Free Burma!
 

V-Day


 

Ultimi commenti

Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 20:59
 
Complimenti per il post!! ...Saluti Mary
Inviato da: Anonimo
il 14/12/2007 alle 10:56
 
maserio! quanto c'hai ragione...
Inviato da: Anonimo
il 18/10/2007 alle 13:37
 
Padoascioppa se ne esce con questa dei...
Inviato da: Anonimo
il 18/10/2007 alle 00:08
 
Buongiorno e buona domenica!
Inviato da: Anonimo
il 30/09/2007 alle 14:15
 
 

Ultime visite al Blog

sexydamilleeunanotteDeliaMelisabettapezzolasilvia.lelirivanAdeleadypoesia2marcobrescia1Jeff80leo.venieristrong_passionkrystian840grignelabbrodinovisadchangeintosihamhasim
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Disclaimer

Le immagini visibili sul blog non sono fisicamente presenti nel sito, ma sono dei link ai siti che le hanno pubblicate e che ne detengono eventualmente i diritti. Per qualunque chiarimento o richiesta di non pubblicazione inserire un commento al post relativo: sarà mia cura eliminare tempestivamente l'immagine.
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.