« latte e pastoriviolenza verbale e non solo »

FIGLI DI MAMMA

Post n°580 pubblicato il 26 Febbraio 2019 da diogene51
 

 


Mentre tornavo a casa vedevo una macchina ferma che aspettava che un'altra uscisse dal parcheggio in strada per entrarvi a sua volta. Dietro di essa una lunghissima fila, ferma. Solo alla fine qualcuno si è messo a suonare. L'Italia è così.

E per associazione mi viene in mente il reddito di cittadinanza. Chi saprà contrastare i furbi? Il governo dice la Guardia di Finanza, facendo affidamento su un programma che dovrebbe incrociare i dati e scoprirli. Programma che, a quanto di sa, è ancora da mettere in funzione.

E allora faccio un commento "politico". L'Italia è il Paese in cui si fa una cosa per un certo fine e poi le si fa perseguire anche un altro fine. Un esempio è l'INPS, nato per fare le pensioni, cioé per accantonare i contributi per le future pensioni. Ma, nella realtà, serve anche ad altre cose, ovvero a fini di assistenza.

Così è per il famoso reddito, che serve a due cose: dare assistenza ai miserabili e incrementare l'occupazione. Non sarebbe stato meglio fare le due cose separatamente? Cioè dare dei sussidi a chi vive sotto la soglia di povertà, siano famiglie, anziani, giovani senza lavoro e fare delle politiche per il lavoro, per aumentare l'occupazione. Lo stato non può dare aiuti, ma io credo che possa farsi imprenditore. Alla fine della guerra, di fronte alle devastazioni e alla presenza di tanta forza lavoro, furono creati i "cantieri di lavoro", con i quali i numerosi disoccupati furono ingaggiati per bonificare territori, costruire case, rimboschire le zone dove gli alberi erano stati tagliati per riscaldarsi nella penuria di tutto. Perché non si potrebbe fare oggi? 


 

 

Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Stimoli/trackback.php?msg=14278124

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
SEMPLICE.E.DOLCE
SEMPLICE.E.DOLCE il 27/02/19 alle 01:23 via WEB
Per avere il reddito di cittadinanza devi praticamente essere un senza tetto...
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 27/02/19 alle 09:39 via WEB
Infatti. Il principale difetto è che il lavoro lo potrà ottenere (ammesso che ci sia, che non c'è) solo il figlio di un disgraziato. Bene, naturalmente, ma i figli disoccupati delle persone comuni (che hanno una casa e in famiglie dove c'è almeno u reddito decente) no. Così si istituisce una disoccupazione al contrario... Grazie Lucy, buona giornata!
(Rispondi)
Audrey000yyy
Audrey000yyy il 27/02/19 alle 08:12 via WEB
Buongiorno Diogene. Appartengo a quel gruppo di S.Tommaso scettici sul famoso reddito di cittadinanza anche perché parlano che una volta usufruito aiuti poi a entrare e/o rientrare nel mondo lavoro. Ma non parlano di contratto a tempo indeterminato e comunque si parte da 100 km, la prima offerta, 200 km, la seconda tutto il territorio nazionale la terza. Assomiglia molto alla brutta copia dei contratti per gli insegnanti obbligati a muoversi a 360° senza garanzie lasciando tutto alle spalle. Mi spiace boccio questo provvedimento e anche altri, così come l'attuale maggioranza. Una lieta giornata
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 27/02/19 alle 09:45 via WEB
D'altra parte, per esempio in Germania, hai una sola possibilità, o la prendi o basta sussidio. Una sola possibilità a qualsiasi paga. Inoltre mi pare che ci sia la possibilità di avere un lavoro consono ai propri titoli. Vorrei ricordare che io, già laureato, vinsi un concorso per la terza media e lavorai per tre anni a quel livello (e relativo stipendio), poi passai di grado con altro concorso. Chi vuol lavorare deve darsi da fare, soprattutto in questo momento. Buona giornata, Audrey!
(Rispondi)
soltanto_unsogno
soltanto_unsogno il 27/02/19 alle 11:51 via WEB
Mah...ho dei dubbi su questo reddito di cittadinanza..non ci ho capito nulla anche perche' io ne sono fuori, ma ho paura che ne uscira' un gran casino! Buona giornata Renato *____*
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 04/03/19 alle 16:53 via WEB
Ciao Federica...sono un po' latitante ma in questi giorni ho avuto un problemino di salute e sono stato poco al pc. Il reddito di cittadinanza è un aiuto alle famiglie disagiate, aiuto che può forse permettere di trovare un lavoro. Come dicono molti, il lavoro non c'è, perché siamo in recessione, quindi non sarà una norma di legge a renderlo disponibile. Inoltre l'aiuto a trovare il lavoro ci sarà solo per chi è in condizione di disagio. Gli altri giovani senza lavoro si devono arrangiare. Non mi sembra una cosa giusta. Doveva essere dato un aiuto ai poveri ma si dovevano fare investimenti che potessero creare posti di lavoro...
(Rispondi)
 
 
soltanto_unsogno
soltanto_unsogno il 12/03/19 alle 23:22 via WEB
Sara' un bluff anche questo? Gl'Italiani poi sono furbetti, chissa' cosa s'inenteranno per fregare lo stato? Io penso che lo stato dovrebbe aiutare chi da' lavoro abbassando le tasse e non costringendoli a chiudere..mio marito ha un negozio dove ci lavorano due figli e due dipendenti, gl'incassi sono sempre di meno e le spese sono tante, e' costretto a non pagare ai figli per dare gli stipendi ai dipendenti...e non e' una bella cosa..
(Rispondi)
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 27/02/19 alle 18:16 via WEB
Io credo che se invece di chiamarlo "reddito di cittadinanza" l'avessero chiamato come in Germania, per esempio, se ne sarebbe parlato meno e soprattuttto con toni diversi. E' pur vero, però, che noi italiani non siamo come i tedeschi: noi, fatta la legge, troviamo l'inganno tant'è che già alcuni pensano a separazioni ad hoc per rientrare nei parametri bassissimi al limite dell'indigenza ed usufruire dell'obolo. Inoltre se la stessa legge fosse stata fatta da altro personaggio politico, senz'altro qualcuno avrebbe tacciuto.
Ma tu, Renato, chiedi altro: credo che oggi sia impropnibile che lo stato assoldi manovalanza. Sono cambiati i tempi e molti insorgerebbero gridando allo sfruttamento. Un sorriso e buona serata :)
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 04/03/19 alle 16:58 via WEB
Certo, immagino, Elena. Ma purtroppo il meglio è sempre nemico del bene. Se lo Stato non può farsi imprenditore, dia i soldi agli imprenditori o magari agli enti locali finalizzandoli a nuove assunzioni. A me sembra che sia stato fatto poco per stimolare la creazione di posti di lavoro. Si parla delle autostrade che devono essere messe a norma, delle scuole da restaurare, ma non si sente niente di positivo in argomento. Ti auguro una serena giornata!
(Rispondi)
twister007
twister007 il 27/02/19 alle 18:27 via WEB
Il reddito di cittadinanza una gran presa per i fondelli per chi lavora per davvero, ci vorrebbe un esercito di guardie di finanza per potere controllare chi lavora in nero e prende il reddito di cittadinanza. Una cosa vorrei chiarire se ad esempio una donna è divorziata ed ha figli minorenni per legge ha diritto che le trovino il lavoro in loco e non a 100 km e oltre, se non c'è prenderà quando sarà il reddito di cittadinanza. Lo Stato caro Renato non è mai stato un buon imprenditore basta guardare la fine che ha fatto fare all'Alitalia e ad altre aziende para Statali. Piuttosto togliesse i tanti giochi che sono in mano alle mafie e che non sempre pagano il dovuto allo stato, sai, se li gestisse lo stato, quanti milioni al mese introiteremmo.
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 04/03/19 alle 17:02 via WEB
Sicuramente i "furbi" no li prenderà nessuno. Ovvero, ne prenderanno due che saranno stati i più sciocchi perché magari si saranno vantati in giro e faranno una gran strombazzata e per gli altri continuerà tutto come prima. Quanto ai giochi, da molto tempo si sa che in molti casi mancano i collegamenti telematici tra le postazioni e gli organi finanziari e così tanti soldi vanno persi cioé non vengono versati... Un buon pomeriggio, Giada!
(Rispondi)
ladybird200927
ladybird200927 il 01/03/19 alle 11:16 via WEB
..altri tempi quelli che evochi! ma, soprattutto, altri modi di "sentire" e di vivere! ..alla fine della guerra eravamo tutti (o quasi) una massa di disperati "in penuria di tutto", appunto! Eravamo gente semplice che mirava a cose essenziali..non era pensabile, all'epoca, nè sufficiente riempire la testa delle persone con "quattro chiacchiere" e belle promesse (per usare un eufemismo!) come fanno i "politici" (si fa per dire) di oggi! con nulla più da "mettere in pentola" per cucire insieme un pranzo ed una cena, la nemica principale da abbattere..era la fame..bisognava risollevarsi, essere concreti..bisognava "inventarsi" il lavoro e trovare il modo di "riempire i piatti".. Sai quale penso sia stata, in fondo, la ragione principale? Eravamo estremamente poveri e meno, molto meno, individualisti rispetto ad ora..il senso comune (oggi rovinosamente decaduto) dava alla debolezza estrema dei nostri miseri mezzi, una FORZA enorme..proprio quella che ha reso possibile fare tutto quello che hai elencato! ..ma i tempi non sono più quelli, caro Diogene, e nemmeno noi..e non so bene, credimi, se dire per fortuna o..purtroppo!! Buona giornata ;))
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 04/03/19 alle 17:09 via WEB
Su questi hai ragione. Da troppo tempo tutti sono abituati a guardare solo il proprio tornaconto personale senza curarsi del fatto che viviamo in una collettività. Alla fine della guerra c'era una gran voglia di fare che ora non c'è più. E c'era anche tanta serietà, anche nei politici, quale che fosse il loro indirizzo ideologico. Buona serata, cara Lady!
(Rispondi)
vecchiaciabattapazza
vecchiaciabattapazza il 02/03/19 alle 14:55 via WEB
Sono d'accordo con te.
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 04/03/19 alle 17:12 via WEB
Qua bisogna che chi è d'accordo faccia fronte comune...Grazie, piacere di rivederti...e scrivi sul blog, mi raccomando! Buona serata|!
(Rispondi)
 
 
diogene51
diogene51 il 04/03/19 alle 22:39 via WEB
Certo che se quello è il tuo aspetto definirti così mi sembra un sacrilegio, anche da parte delle tue nipoti....
(Rispondi)
lunetta_08
lunetta_08 il 04/03/19 alle 13:21 via WEB
Anch'io ho seri dubbi che questo reddito di cittadinanza possa andare davvero a chi ne ha diritto. Un ragazzo disoccupato e senza alcuna entrata vive ancora, gioco forza, coi genitori e il loro reddito cumulato farà sì che lui non possa ottenere nulla. Di contro, i furbetti che stanno chiedendo false residenze, separazioni fittizie e quant'altro, lo percepiranno senza averne diritto. Avrebbero potuto, piuttosto, creare un serio piano per il lavoro, dando più incentivi alle imprese per le assunzioni. Non credo che lo Stato, oggi, possa permettersi di assumere lavoratori come nel dopoguerra...ma dare seri sgravi fiscali a chi assume sì, può farlo. E ancora non è accaduto. Buon inizio settimana e un sorriso.
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 04/03/19 alle 17:17 via WEB
Sì, infatti, come dici c'è una disuguaglianza tra i giovani senza lavoro che vivono in casa (e dove dovrebbero vivere senza lavoro e senza reddito?) e quelli che vivono in una famiglia disagiata. Non dico che questi abbiano meno diritti, magari ne hanno di più, ma bisogna dare a tutti la possibilità di trovare un lavoro. Altro è dare un aiuto a chi non ha redditi di nessun genere. Il voler unire due cose, lavoro e sussidio rende questa norma un guazzabuglio. Sono perfettamente d'accordo sugli sgravi che lo Stato poteva concedere in caso di assunzioni. Ti auguro una piacevole giornata, Lunetta!
(Rispondi)
 
 
lunetta_08
lunetta_08 il 13/03/19 alle 10:06 via WEB
Ci troviamo d'accordo un po' tutti, mi sa. Vedremo come andrà a finire. Intanto, ti auguro una felice giornata :-)
(Rispondi)
 
 
 
diogene51
diogene51 il 15/03/19 alle 22:08 via WEB
Sì, vedremo...vedremo anche quanto dura il governo... Grazie, buon week end per te!
(Rispondi)
nina.monamour
nina.monamour il 06/03/19 alle 12:41 via WEB
Anche se si raggiungesse lo scopo, nobile ma velleitario nella realizzazione, di garantire un reddito a tutti i cittadini (lasciamo per il momento perdere i distinguo) il clima generale di ansia, di incertezza, a volte di paura (perdita del posto di lavoro ecc.) frenerebbe la spinta ai consumi. L'aumento diretto o indiretto delle tasse inevitabilmente conseguente a una misura, magari a qualche aumento dello spread e quindi dei tassi di interesse, farebbe il resto. Gli unici due paesi che non erogano il reddito di cittadinanza sono l'Italia e la Grecia, e guarda caso, sono i paesi dove i politici sono i più ingordi, pensano solo a riempirsi le loro tasche. Possibile che tutti i paesi europei si siano dotati di meccanismi di supporto per i propri cittadini mentre in Italia ci siano solo ruberie, corruzioni e ladrocini? Se solo i nostri politici fossero un poco più sani non ci sarebbero neanche problemi per la copertura finanziaria di un reddito di cittadinanza; buona giornata Renato.
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 10/03/19 alle 15:22 via WEB
Certamente, e se in Italia sembra che manchino i soldi è in gran parte perché c'è un'evasione che equivale ad una finanziaria (dai 270 ai 300 miliardi di euro), oltre agli sprechi dovuti ai vitalizi di amministratori ed ex amministratori pubblici e ad altre regalie. E ben ricordi che questa innovazione non serve solo a due cose come ho detto io, ma dovrebbe servire anche ad aumentare i consumi. Ci pensi con 300 miliardi di euro quante cose si potrebbero fare? Ma anche la parte governativa che aveva fatto dell'evasione il suo cavallo di battaglia (quando stava all'opposizione, agli inizi) si trincera dietro la sciocchezza del fisco amico per no fare un bel niente. Buon domenica, mia cara!
(Rispondi)
surfinia60
surfinia60 il 10/03/19 alle 08:50 via WEB
Ormai ho la nausea a sentire questo argomento. Sarà l'ennesima pezza, l'ennesima coperta corta che si tira ora a destra ora a manca per cercare di coprirsi. Le parole dei politici ormai recitano una nenia che si ripete ogni giorno, come uno scioglilingua mandato a memoria. E mentre loro ci ubriacano di parole, i problemi veri restano al loro posto. Viva l'Italia!
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 10/03/19 alle 15:24 via WEB
E' così purtroppo. Avranno un certo tornaconto alle elezioni europee, ma quando arriverà la scadenza della prossima legge finanziaria? Allora mi voglio divertire... Mia cara, buona domenica!
(Rispondi)
Audrey000yyy
Audrey000yyy il 19/03/19 alle 09:38 via WEB
buongiorno Diogene porto un saluto
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 23/03/19 alle 16:32 via WEB
Grazie, carissima, contraccambio e mi scuso di essere negli ultimi tempi così poco presente...buon fine settimana!
(Rispondi)
nina.monamour
nina.monamour il 19/03/19 alle 14:06 via WEB
Oggi è la festa del Papà, un giorno dedicato al faro della nostra vita, all'uomo che, come un abile condottiero, con abnegazione e sacrificio, ci ha cresciuto accompagnandoci verso il traguardo della maturità, auguri Papà Renato.
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 23/03/19 alle 16:33 via WEB
Grazie, Nina, ma io non sono riuscito ad essere un buon papà e dato che non ho nessun altro cui fare ammenda, la faccio a voi... Ti auguro uno splendido week end
(Rispondi)
soltanto_unsogno
soltanto_unsogno il 23/03/19 alle 17:54 via WEB
Buon weekend Renato e buona serata *___*
(Rispondi)
 
diogene51
diogene51 il 24/03/19 alle 13:05 via WEB
Grazie Federica, ti auguro una splendida domenica. Se lì da te è azzurro come qui, deve essere, sul mare, una giornata meravigliosa. L'acqua sarà fredda, ma un bel po' di sole si potrebbe prendere...
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 

 

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 72
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

maandraxStrada_in_salitaASIA1929diogene51Myla03soltanto_unsognoLutero_Paganoe_d_e_l_w_e_i_s_sladymaria45dolcesettembre.1nella_tuavitasurfinia60Elemento.Scostantelacaliffa0lacey_munro
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom