Blog
Un blog creato da ciukina2 il 28/01/2008

Dove Si Va

Non smettere mai di sognare in un mondo migliore...

 
 

AREA PERSONALE

 

I MIEI LINK PREFERITI

FACEBOOK

 
 

DIECI E LODE

Ricevuti da:
StoriediMare0 : per i temi trattati
Gran_Sasso_web : PER LA SUA SENSIBILITA' E L'IMMENSITA' DEL SUO CUORE, E IL SOSTEGNO IN ONORE DELL'AMBIENTE, è LA MIA CICCI!
AngeloDecaduto
 : blog riflessivo e ambientalista dal carattere giovane e allegro, uno SPAZIO nella rete in costante crescita di qualità dove apprendere, condividere e discutere le proprie idee con la simpatica supervisione di Ciukina_2
PlanetGate : sperando che resusciti!!!!!
bianconera83
 : semplicemente perchè è il ns Capitano!!! a volte sparisce per giorni ma quando torna mi fa sempre sorridere coi suoi commenti... e poi mi aiuta a tenere alta la bandiera delle donne bianconere...

 

ULTIME VISITE AL BLOG

diletta.castelligianni.falcghino_di_tacco6atnemsem_pli_cemino.ragone64valeria.tallaricoaquarius010aleuromarialamberti2salverina.camarcastefano46daciukina2jdiablospino1950
 
 

 

 

M'ILLUMINO DI MENO 2009

Post n°28 pubblicato il 13 Febbraio 2009 da ciukina2

 

Per il quinto anno consecutivo Caterpillar lancia per il 23 febbraio 2009 M'illumino di meno, la grande giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico. Dopo il successo delle passate edizioni, i conduttori Cirri e Solibello chiederanno nuovamente agli ascoltatori di dimostrare che esiste un enorme, gratuito e sotto utilizzato giacimento di energia pulita: il risparmio.

L'invito rivolto a tutti e' quello di spegnere luci e dispositivi elettrici non indispensabili il 13 febbraio 2009 dalle ore 18.

 
 
 

SCHIUSA RECORD

Post n°27 pubblicato il 26 Agosto 2008 da ciukina2

È terminata con una schiusa da record la nidificazione delle tartarughe Caretta caretta sulla spiaggia di Sant'Andrea Apostolo dello Ionio, in Calabria. Le nascite, monitorate dagli esperti dell'Università della Calabria nell'ambito del progetto “Tarta care” promosso dal ministero dell'Ambiente, hanno sfiorato il 90% a fronte delle 151 uova deposte sulla spiaggia del comune del catanzarese. Per Legambiente si tratta di un segnale importante.

La spiaggia di Sant'Andrea si è confermata così come uno dei luoghi d'elezione per la nidificazione della tartaruga marina. Quasi l'80% delle deposizioni di uova della specie Caretta caretta, come confermano gli studi del progetto “Tarta care” avviato nel 2000 sotto la direzione del professor Antonio Mingozzi del dipartimento di Ecologia dell'Università della Calabria, avvengono sulla costa ionica della Calabria.
 
I gusci e le uova non fecondate - spiegano i ricercatori impegnati nel progetto - verranno inviati all'Università Tor Vergata di Roma per l'analisi del Dna.

 
 
 

Il re dei ricicloni

Post n°26 pubblicato il 30 Luglio 2008 da ciukina2

Costigliole d'Asti, 6.006 abitanti e 60 ecostazioni, con percentuali record di raccolta differenziata (73,09%) e un efficace sistema di gestione dei rifiuti (86,09 è l'indice di buona gestione). Viaggio nel comune più riciclone d'Italia

Sulla cartina è un puntino quasi invisibile tra Alba ed Asti. Quattro case, sulle colline dell'Alto Monferrato, famose soprattutto per la Barbera delle sue vigne. E, da oggi, anche per la gestione dei rifiuti. Per Legambiente, infatti, Costigliole d'Asti è il Comune Riciclone 2008. Appena 6.006 abitanti e 60 ecostazioni, una ogni 600 abitanti. Un record per questo paesino in cui niente va perduto.

"Sono ormai dieci anni che abbiamo iniziato con la differenziata", dice con orgoglio Luigi Solaro, il primo cittadino di questo paradiso terrestre, che ha la superficie vitata più estesa del Piemonte. "Tutto è partito - prosegue - con la distribuzione delle compostiere, con cui ogni famiglia è in grado di ricavare il concime per gli orti dai rifiuti organici. Poi siamo passati alla differenziata di carta, plastica, vetro e lattine".

Per ogni tipo di rifiuto c'è un contenitore apposta: "Quelli per la plastica sono bianchi - racconta l'assessore all'ambiente, Ernestino Mondino - verdi quelli del vetro, mentre per vestiti e medicinali abbiamo scelto il bianco". Sono sparsi per tutto il paese, raccolti in 60 ecostazioni collocate qua e là per essere facilmente raggiungibili dai cittadini. Ma sono anche discrete, per non rovinare il paesaggio agli occhi dei turisti.

"La loro forma - continua Mondino - l'hanno scelta gli alunni delle scuole, tra i quali abbiamo lanciato un concorso per sensibilizzarli al problema dei rifiuti". Anche loro, quando mangiano in refettorio, fanno la differenziata. "Due volte la settimana, una in periferia, i bidoni vengono svuotati - riprende il sindaco Solaro - e i rifiuti vengono fatti confluire nei due depositi di Asti, dove prendono poi la strada per le aziende che li riciclano".

I rifiuti che invece non possono essere differenziati, vengono raccolti in sacchetti di plastica rosa. "I cittadini - rivela Solaro - pagano la Tarsu in funzione della quantità di questi rifiuti. Meno ne producono e più bassa sarà la tassa". Un incentivo a far bene, che si aggiunge alla raccolta gratuita dei pannolini e al servizio di rimozione degli ingombranti.

"I cittadini che non possono buttarli nelle apposite ecostazioni - afferma il sindaco - possono telefonare in comune e prenotare il giorno del ritiro". A Costigliole, insomma, hanno pensato proprio a tutto.

 
 
 

Juventus a zero emissioni

Post n°25 pubblicato il 10 Luglio 2008 da ciukina2

I 26 calciatori bianconeri hanno piantumato a Pinzolo (Trento) un albero a testa. Per celebrare la neutralizzazione della CO2 prodotta durante il ritiro in Val Rendena. L'iniziativa della squadra finanzierà un progetto di forestazione nel Parco Adamello Brenta

Grande successo a Pinzolo (Trento) per la giornata “verde” della Juventus conclusasi con la piantumazione di 26 alberi, tanti, quanti i giocatori della squadra, a sancire la neutralizzazione delle emissioni di CO2 associate al ritiro che si sta svolgendo in Val Rendena in questi giorni. Grazie allo sponsor e con il supporto di AzzeroCO2 e Legambiente, la Juventus in ritiro dal 5 al 16 luglio nel paesino trentino, ha deciso di rendere a basso impatto ambientale il suo soggiorno con la neutralizzazione delle emissioni di CO2 connesse ai consumi energetici, dei pernottamenti e dei trasporti della squadra.

La compensazione delle emissioni di gas serra, pari a 13 tonnellate avverrà attraverso la realizzazione di un progetto di forestazione nel Parco Adamello Brenta. La Juventus diventa dunque la prima squadra “AzzeroCO2” e rappresenta un valido esempio nel mondo del calcio e per tutti coloro che desiderano dare un taglio sostenibile alle proprie attività. Il Bosco Juventus composto dai primi 26 alberi, potrà crescere negli anni grazie ad ulteriori iniziative di compensazione associate alle attività della squadra di calcio. AzzeroCO2 si occuperà di supervisionare l’intervento di piantumazione all’interno del parco e di certificare il progetto, certificazione che verrà effettuata da parte di un ente terzo accreditato.

“Si tratta di un gesto di grande rilevanza che porta la squadra bianconera a diventare un esempio concreto per tutto il mondo sportivo - ha dichiarato Andrea Seminara, Direttore Marketing di AzzeroCO2 - I cambiamenti climatici e le problematiche ad essi connesse rappresentano una realtà con la quale ciascuno di noi deve fare i conti nello svolgimento di qualsiasi attività quotidiana: lo sport non ne è esonerato.

La Juventus, dunque, con il suo esempio inaugura una nuova stagione: quella dello sport in difesa dell’ambiente che ci si augura sarà ben presto sostenuta da altre squadre del mondo del calcio. "Questa - conclude Seminara - può e deve rappresentare una grande occasione per coniugare la salvaguardia ambientale e la necessità di tutelare la salute umana, il benessere che solo le attività sportive sono in grado di garantire".

DA BRAVA JUVENTINA FEDELE...
che dire se non: CHE GRAN SIGNORA!!!!

 
 
 

Foreste tropicali in ritirata

Post n°24 pubblicato il 01 Luglio 2008 da ciukina2

In cinque anni, dal 2000 al 2005, le foreste tropicali si sono ridotte di 27 milioni di ettari, pari al 2,4% della loro superficie globale, con un ritmo confrontabile a quello degli anni '90. Il calcolo pubblicato sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti

In cinque anni, dal 2000 al 2005, le foreste tropicali si sono ridotte di 27 milioni di ettari, pari al 2,4% della loro superficie globale, con un ritmo confrontabile a quello degli anni '90. Il calcolo, pubblicato sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, Pnas, è stato fatto per la prima volta sulla base di una nuova tecnica. La maglia nera spetta al Brasile, dove l'impoverimento delle foreste quasi quattro volte maggiore a quello osservato nelle altre zone critiche in America Latina, Africa e Asia.

Il gruppo coordinato da Matthew Hansen, dell'università del South Dakota, si è basato sui dati trasmessi dallo strumento Modis (Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer) che si trova a bordo dei satelliti della Nasa Terra e Aqua. L'obiettivo é avere una stima più precisa possibile di dove e quanto rapidamente le foreste tropicali stanno scomparendo. La conclusione è stata che all'inizio del nuovo secolo non si è registrato un cambiamento significativo nel ritmo con cui le foreste tropicali si impoveriscono.

Secondo gli esperti la progressiva perdita delle foreste tropicali è spesso il risultato di uno sviluppo economico nelle regioni popolate dalle foreste. Le ripercussioni di questo impoverimento si fanno sentire a lungo termine sia sulla disponibilità di carbone sia sulla perdita di biodiversità.

 
 
 
 

NOMADI - Io Voglio Vivere

 

PEAK OIL

 

La vita ci mette continuamente a dura prova.
Solo la fede mi da la forza di andare avanti.

Ora più che mai so che lassù Qualcuna ci osserva e ci ascolta.

Ci ama e ci protegge, anche quando soffriamo.
E grazie alla fede ho la certezza che un giorno staremo di nuovo tutti insieme.

Ciao nonno

 

COSA DOBBIAMO FARE. TUTTI. SUBITO.

- Usa lampadine fluorescenti e compatte. Per gli esterni, scegli le lampade a sensore, che si accendono solo quando serve;
- Usa la macchina il meno possibile. Se ti è possibile monta gpl o metano. Ridurrai drasticamente le emissioni nocive e peserai meno all'ambiente; oltre a ridurre del 70% la tua spesa non dovrai più preoccuparti più di scioperi dei benzinai o rincari del prezzo del petrolio;
- Ricicla carta, plastica, legno, vetro e lattine;
- Non sprecare luce;
- Non sprecare acqua;
- Non sprecare acqua calda;
- Non comprare prodotti con molte confezioni, produrrai meno rifiuti;
- Regola il termostato di casa sotto i 20° (ogni grado in più vuol dire +7% nei consumi);
- Monta doppi vetri a casa. Eviterai il disperdersi di calore in inverno e frescura d’estate;
- Spegni gli elettrodomestici quando non li usi. Non lasciare MAI in stand-by tv, stereo e qualsiasi altro elettrodomestico. La spia rossa che rimane accesa consuma tantissimo;
- Fai a meno del condizionatore, almeno in auto. Abbassa i finestrini;
- Scegli elettrodomestici classe A. Nel 2007 si può approfittare di un incentivo di 200€ previsto dalla Finanziaria;
- Informati sul conto energia. È un bene per tutti e può diventare un guadagno;
- Bevi acqua del rubinetto. 87 aziende di acqua minerale su 98 sono risultate NON IN REGOLA dopo essere state sottoposte a esami specifici dal Ministero della SALUTE. L'acqua del rubinetto è più controllata. Inoltre, l'acqua minerale proviene spesso da zone molto lontane dal luogo di acquisto. La conseguenza è un forte impatto ambientale dovuto al trasporto: un camion può trasportare circa 26.500 litri (17.667 bottiglie da 1,5 litri), sono necessari ogni anno oltre 280.000 viaggi. E ancora: imballaggi e bottiglie devono essere smaltite; le Regioni spendono molto di più per lo smaltimento delle bottiglie di quanto ricavano dalle irrisorie concessioni per il prelievo dell'acqua. Si è calcolato che per una famiglia media il vantaggio economico ad utilizzare l'acqua del rubinetto, invece di quella minerale, è di 200 €/anno;

- Dal blog Earth & Social