Creato da Tappo82 il 11/11/2005

ALLA FINESTRA

Considerazioni sugli avvenimenti passati, presenti e futuri che disegnano la civiltà moderna e non solo.

 

 

Post N° 28

Post n°28 pubblicato il 11 Giugno 2008 da Tappo82

Gli italiani perdono le partite di calcio come se fossero guerre e perdono le guerre come se fossero partite di calcio.

 
 
 

Post N° 27

Post n°27 pubblicato il 11 Giugno 2008 da Tappo82

Il potere logora chi non ce l'ha.

 
 
 

Post N° 26

Post n°26 pubblicato il 26 Novembre 2007 da Tappo82

MOLTE PERSONE USANO Più ENERGIE PER PARLARE DEI PROBLEMI DI QUANTE NE UTILIZZINO PER RISOLVERLI.

 
 
 

ARRIVEDERCI SIGNORA ORIANA..

Post n°22 pubblicato il 15 Settembre 2006 da Tappo82
Foto di Tappo82

Ciao Signora Oriana,
è passato tanto tempo vero??

Sono triste e non riesco a capire perchè.. io nemmeno La conosco.
La Sua luce si è spenta da poche ore e sento già la Sua mancanza; ma se non La conosco perché avverto un vuoto dentro di me?
È un sentimento che nasce sincero.
Non tema, non ho intenzione di mettere in scena uno di quei piagnistei che tanto avrebbe odiato.
Ma li sente questi ciarlatani?? Fallaci di qui.. Fallaci di là.. Lei voleva la guerra.. Lei voleva la pace.. ma che ne sanno loro?!
Non hanno capito niente Signora Oriana.
Non hanno capito che Lei ci è riuscita e non si tratta di essere d’accordo o meno con lo scenario che la Sua penna ci ha dipinto. Non è importante.
No.
Lei ha fatto molto di più! Lei ci ha fatto riflettere. Oggi non ci chiedono più di riflettere. Ci dicono cosa è giusto e cosa invece non lo è, ma nessuno ci chiede cosa ne pensiamo.
Con Lei in molti ci siamo riscoperti Pensanti; è una sensazione strana, come il risveglio del mattino: spaesato, tentato dal continuare il sonno e invidioso della spensieratezza di chi ancora lo può fare, ma allo stesso tempo riposato, consapevole di avere la forza di affrontare la giornata, qualunque cosa accada.
Qualunque cosa accada.
Le volevo dire che Lei ha fatto tanto per me. Mi ha dato coraggio. Mi ha dimostrato che è più importante dire quello che si pensa piuttosto di preoccuparsi che quello che si dica piaccia.
Le voglio bene Signora Oriana, ora lo posso dire. Non mi interessa se probabilmente portando l’ennesima sigaretta alla bocca mi darà del paraculo, mi preme di più sapere se dove si trova oggi le sigarette ci sono. Come farà senza?
Sono triste perché temo che nessuno possa prendere il Suo posto.
Farò tesoro di ciò che ho imparato da Lei, perché le Sue parole rimarranno indelebili oltre che nella mia memoria  anche in quella di questo secolo e mi auguro per molti ancora.

Questa notte Signora Oriana ha perso la battaglia con l’alieno che portava dentro sé, ma ne ha vinta una più grande. Questa notte ha conosciuto la verità. Chissà quale voglia avrà di scriverci l’ultima lettera da lassù.. sono sicuro inizierebbe con “Avevo ragione io”. Finalmente puoi ricominciare a sorridere.

La saluto Signora Oriana, non voglio disturbarLa ora che sarà alle prese con tutte quelle novità.

Il mio è soltanto un arrivederci, il più tardi possibile… ma soltanto un arrivederci.

Sempre Suo, con affetto… Emanuele

 
 
 

IL BIMBO CHE NEI PRATI...

Post n°18 pubblicato il 21 Febbraio 2006 da Tappo82
Foto di Tappo82

Dolce cantar al nascer del sole,
lentamente l’aria s’intiepidisce,
i fiori si destano,
gonfiano dei petali la seta,
mostrano impettiti i loro colori,
salutano i prati ancora infreddoliti.

La notte è passata e la vita è tornata.

Il vecchio abete sbadiglia ancora,
tende i rami a voler solleticare il cielo,
il cielo è divertito,
regala a tutti un luminoso azzurro sorriso.
L’abete ringrazia,
si china,
alla sua amica ombra sussurra qualcosa,
le chiede di quel bimbo che giocava,
le chiede se ancora lo ricorda.
Come fare a dimenticarlo,
lui correva tra i verdi campi,
lui accarezzava dei fiori la luce,
lui si inerpicava sulle fronde più alte,
poi,
tra le braccia della sagoma scura,
stremato,
cercava riposo.
D’improvviso una lacrima cade sulla rosa,
scivola sul ciuffo d’erba,
innaffia la terra.
L’ombra svanisce senza salutare.
E’ il vecchio abete che piange il suo amico bambino,
e con lui il cielo,
e con lui il sole,
si uniscono al pianto.
Nessuno gioca più con loro.

La vita è passata, la notte è tornata.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I MIEI BLOG PREFERITI

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

ULTIME VISITE AL BLOG

emanuele.tapellaTappo82stellasonia0sinaicoserina81felisdgl0LEIarabaFENICEpattbriilbicchiererottomlf17PERLABYANCAgginopinoDIAMANTE.ARCOBALENOf362514
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom