Creato da acer.250 il 26/11/2007
just to be there
 

deadlander acer

 
 

Per contattare l'autore

Contatta l'autore

Nickname: acer.250
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 62
Prov: BS
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Area personale

 

un graditissimo regalo di Martina

-by

 

Premio 10 e lode

ringrazio con tanto affetto per il premio

con la seguente motivazione assegnatomi da

 donne e.... 

Al blog "TANTO PER ESSERCI"  di una persona speciale.

http://blog.libero.it/ashla/

 

PREMIO Award Brillante

donatomi dalla cara amica Silvana

del blog : SGATTAIOLANDO

 
Citazioni nei Blog Amici: 29
 
 
 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

I veri amici vedono i tuoi errori e ti avvertono. I falsi amici invece  pur vedendo allo stesso modo i tuoi errori...  ti lusingheranno sempre

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Land Rover

Disclaimer

Questo Blog non è una testata giornalistica perchè aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto non può essere considerato prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. La gran parte delle immagini presenti sono state reperite su internet e pubblicate perchè giudicate di pubblico dominio. Chiunque, in possesso di diritti sulle immagini, intendesse richiederne la rimozione dovrà solo inviare una mail e saranno eliminate.Il materiale riportato è pubblicato senza fini di lucro. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno rimosse .

 

Ultime visite al Blog

motto59NoRiKo564nodopurpureolacartavincente1sbi.servicemaresogno67acer.250prefazione09amistad.siempremelinaesserita1115QuartoProvvisoriomeravigliosamente.tuDesert.69
 

 

come finirà ?

Post n°1181 pubblicato il 19 Gennaio 2022 da acer.250
 

 

Secondo uno studio condotto da due ricercatori statunitensi, David Robertson della Princeton University e Peter Doshi dell’Università del Maryland, l’uscita dalla pandemia di coronavirus sarà un processo che «avverrà gradualmente e in modo non uniforme». Dunque la tanto sperata immunità di gregge non ci sarà. Il report è stato pubblicato sul British Medical Journal, e la tesi è stata raggiunta dopo aver analizzato quanto accaduto nel 1918 con l’influenza spagnola, nel 1957 con l’asiatica e nel 1968 con l’influenza di Hong Kong. Un confronto, che ha proiettato i due analisti proprio su cosa sarà quando le ondate dei contagi saranno un ricordo. «La fine della pandemia – hanno precisato gli studiosi – è più una questione di esperienza vissuta, quindi è più un fenomeno sociologico che biologico». Nello specifico, quelle come quella in atto, cioè le pandemie virali respiratorie, «semplicemente non finiscono in un modo tale da essere visualizzate su un pannello. Lungi dall’essere una fine drammatica, le pandemie svaniscono gradualmente mentre la società si adatta a convivere con il nuovo agente patogeno e la vita sociale torna alla normalità». I due ricercatori hanno voluto sottolineare come la pandemia sarà finita «quando spegneremo i nostri schermi e decideremo che altre questioni meritano ancora una volta la nostra attenzione. A differenza del suo inizio, la fine della pandemia non sarà trasmessa». Rispetto alle pandemie precedenti, sottolineano Robertson e Doshi, Covid-19 ha prodotto «un’interruzione senza precedenti della vita sociale» ed è «unica».

 

 
 
 

... quale normalità ?

Post n°1180 pubblicato il 17 Gennaio 2022 da acer.250
 

normalità

 

No caro Speranza, questa non è e non diventerà mai la nostra normalità! Ci rivolgiamo a lei perché le sue parole pronunciate durante l’ultimo Question Time alla Camera fanno saltare sulla sedia tutti coloro che non hanno alcuna intenzione di accettare che lo stato di emergenza diventi la "conditio sine qua non" della nostra esistenza. Andiamo per ordine. Mercoledi 12 Gennaio, il Ministro che di speranza ha conservato solo il cognome, ha annunciato che in tale data erano già stati scaricati 194 milioni lasciapassare sanitari per vivere. «La strategia del governo continuerà a puntare in maniera molto significativa sul green pass, e questi numeri dimostrano quanto questo strumento sia pienamente dentro gli ambiti e la consuetudine dei nostri cittadini». Parole che non lasciano alcuna dubbia interpretazione, quelle pronunciate con toni trionfalistici dal ministro della Salute, dimostrando l’intenzione di non modificare di una virgola una linea di contrasto al Covid-19 che di fatto fa acqua da tutte le parti. Continua inesorabile la narrazione pandemicamente corretta per cui questo lasciapassare verde è indispensabile, quando, di fatto, si è dimostrato uno strumento assolutamente inutile per lo scopo dichiarato da chi lo ha messo in campo, ovvero quello di bloccare la diffusione dei contagi, ma perfettamente adatto per esercitare il controllo politico sui cittadini. Se per gli altri paesi europei il concetto di normalità è imprescindibile da quello di libertà individuale, Speranza e la compagine compiacente, vuole convincere gli italiani che è comprimendo sempre di più quelle stesse libertà che potremo riavere una vita normale.

Mai più attuale fu il famoso bipensiero orwelliano, ovvero la capacità di accogliere simultaneamente nella propria mente due opinioni tra loro contrastanti, accettandole entrambe. Parlare di normalità associandola a libertà compresse è un ossimoro. Il Times, ha citato le dichiarazioni di Sajjd Javid, segretario di stato per la salute e gli affari sociali del Regno Unito, il quale si è dichiarato pronto a liquidare il passaporto vaccinale all’inglese entro il 26 gennaio. Il certificato verde, nella terra di Sua Maestà la regina Elisabetta, serviva a poco e niente: utile solo per accedere ad attività ludiche,non è mai stato necessario per vivere, o lavorare. Ma cosa ha portato Londra a mandare in soffitta questo orpello burocratico? Semplice: un bagno di realtà. Stanno ipotizzando di abbandonare anche l’indicazione allo smart working. Resterebbe solo l’obbligo di mascherine per i luoghi al chiuso, visto che all’aperto in Gran Bretagna non è mai stata obbligatoria. Un allentamento che arriva alla luce dei «segnali incoraggianti»: contagi in diminuzione, giù anche i ricoveri con l’ondata scatenata dalla variante Omicron che secondo diversi scienziati ha raggiunto il suo picco e iniziato la discesa. Una visione ottimistica, un faro di luce laddove i nostri governanti continuano a vedere solo buio

 

tratto da : Il Tempo

 
 
 

il Natale non è uguale per tutti

Post n°1179 pubblicato il 26 Dicembre 2021 da acer.250
 

 

Il periodo  delle feste,  in realtà può essere tanto triste e difficile per moltissime persone. Il contrasto tra le lucine degli addobbi fuori e la solitudine che molti avvertono nella propria vita, può essere così forte, da diventare insopportabile. Contrariamente a quanto si pensi, il Natale è un momento complicato per molte persone. Gli obblighi familiari e sociali aumentano e non sempre è facile gestirli.
A volte è la tristezza a prendere il sopravvento, si sente la mancanza di chi non c’è più o di chi è lontano, cosi da perdere il significato attribuito ai festeggiamenti. Il periodo delle feste amplifica il senso di solitudine e la nostalgia dei ricordi, soprattutto per coloro che non hanno dei cari con cui condividerli, favorendo sconforto e malinconia. Molto più frequentemente, invece, la famiglia esiste solo dal punto di vista anagrafico: non è percepita come fonte di affetto, di sostegno, di calore, ma come un insieme quasi casuale di persone che condividono poco o nulla di quel che conta davvero nella vita. Il Natale diventa anche un momento per fare bilanci, ripensare ai rapporti familiari e affettivi. È possibile che questa occasione di incontro, se forzato, costringa a fare i conti con aspetti irrisolti delle proprie relazioni interpersonali, con situazioni conflittuali mai risolte, che generano ansia e tensione. L’aspetto tranquillizzante è che questo stato psicologico di disagio non è da considerarsi né patologico né preoccupante: è una situazione di malessere destinata a dissolversi poco dopo il 6 gennaio, quando si ritorna alla normalità. 

un saluto da Acer

 
 
 

comprendere il virus

Post n°1178 pubblicato il 12 Dicembre 2020 da acer.250
 

Da ormai nove mesi l’umanità si trova a condividere un avversario più volte definito subdolo e, più o meno unita, cerca di trovare una soluzione facendo fronte comune, cosa che già di per se è una rarità, visto che l’unità di intenti trova spazio quasi soltanto nella cinematografia, quando l’equipe di turno composta da scienziati di tutto il mondo cerca di sconfiggere il nemico alieno.

Il virus di cui parliamo, così piccolo ma così dannoso, è ancora bel lungi dall’essere pienamente compreso: ci dicono che potrebbe subire mutazioni nel tempo, che potrebbero esserci più varianti, cosicché un unico vaccino potrebbe non essere sufficiente, poi ci dicono che è clinicamente morto, ma dopo poco ci accorgiamo che così non è. Sembra quasi di dover interpretare il linguaggio di una specie aliena.

A tal proposito, e tornando anche al parallelismo con lo spirito cinematografico, mi viene in mente un film di pochi anni fa, Arrival, in cui dopo che alcune astronavi dalla forma del Burj Al Arab (l’albergo di Dubai a forma di vela per capirci) arrivano sulla terra, una linguista viene contattata dall’esercito per scoprire se gli extraterrestri possono rappresentare una minaccia per l’umanità.

Ecco, credo che cercare di capire il funzionamento del virus è un po’ come voler provare a comprendere il linguaggio di una specie aliena; e anche se nel film la professoressa Banks in qualche modo ci riesce, gli esiti non sempre sono così scontati.

In alcuni casi allora, forse più che cercare di capire, cosa che di per sé svela un certo peccato di presunzione poiché si da per scontato a priori di essere in grado di farlo, basterebbe provare a farsi capire, assumendo che la popolazione aliena sia dotata di mezzi più avanzati per farlo.

Ma allora dovremmo farci capire dal virus? Beh, in un certo senso credo. Per farlo innanzitutto occorre mettersi a nudo, abbattere i muri che ci separano dall’esterno, ma soprattutto essere sinceri, specialmente con noi stessi. Il virus esiste, e lo percepiamo ormai quotidianamente; vanno quindi messe al bando tutte le forme di negazionismo, più o meno esplicite. Inoltre occorre evitare di cadere nella trappola del “predicare bene e razzolare male” o , peggio ancora, sostenere un giorno una cosa e il giorno dopo l’opposto. La confusione in un contesto come quello che stiamo vivendo non aiuta, servono ricette certe, anche se provvisorie. E in attesa di un vaccino che possa venirci in soccorso, le poche ricette che abbiamo a disposizione sono il distanziamento e l’uso della mascherina, quello corretto e responsabile però.

Rispettiamole, come se non ci fosse un domani! Anzi, se no non ci sarà affatto.

Ho detto all’inizio che sono trascorsi quasi nove mesi dall’esplosione del contagio. Chissà che il nono mese non ci porti qualche buona notizia!

 
 
 

Ecco cosa significa venire intubati

Post n°1177 pubblicato il 14 Agosto 2020 da acer.250
 

Il virus? Non esiste? I 35mila morti? Persone anziane con molte patologie pregresse. In Italia cresce il partito dei negazionisti, un movimento trasversale che abbraccia tanto chi propaganda teorie complottiste, tanto chi all’esistenza del SARS-COV-2 ci crede anche, ma ne minimizza pericolosamente i rischi. Proprio per ricordare agli italiani cos’è e cosa può provocare il coronavirus, i volontari della Protezione Civile dell’E.R.A. di Taranto hanno postato qualche tempo fa un messaggio che è un po’ un pugno nello stomaco per chi mette la testa sotto la sabbia per non vedere.

Un post dedicato alla “ventilazione artificale”, un’espressione neutra che anche sui giornali abbiamo letto più volte. “Da buoni ‘seminatori di panico e allarmisti’ come spesso veniamo etichettati” i volontari della protezione civile spiegano cosa significa dover ricorrere alla ventilazione perché, si legge nel post, “un sacco di gente che non ha idea di cosa si tratti”.“Non è una maschera di ossigeno messa in bocca mentre stai sdraiato a pensare alla tua vita”.

“La ventilazione invasiva per il COVID-19 – si legge -, è un'intubazione fatta sotto anestesia generale e consiste nel rimanere 2 settimane senza muoversi, spesso a testa in giù (decubitus ventrale) con un tubo sepolto in bocca fino alla trachea che ti permette di respirare al ritmo della macchina a cui è collegato.Non puoi parlare, mangiare o fare niente in modo naturale”.

E poi, proseguono i volontari, “il fastidio e il dolore che provoca hanno bisogno della somministrazione di sedativi e antidolorifici per garantire la tolleranza al tubo per tutto il tempo in cui il paziente ha bisogno del macchinario, tutto questo durante un coma artificiale”.

Un trattamento invasivo e doloroso che può lasciare dei segni anche nei pazienti più giovani. “In 20 giorni di questo ‘trattamento morbido’ in un giovane paziente la perdita di massa muscolare è del 40 % e la riabilitazione sarà da 4/6 mesi, associato a trauma della bocca o anche delle corde vocali”.

“Questo – si legge ancora - se il tempo di ricovero non è troppo lungo e il tubo deve essere tolto per fare una tracheotomia.Ecco perché le persone anziane o già fragili non ce la fanno”. Il post, pubblicato a fine luglio ma rimasto a lungo virale su facebook, ha ricevuto centinaia di condivisioni. Scorrendo i commenti purtroppo ci si rende conto che il messaggio non è arrivato sempre a destinazione. Proprio per questo post di questo tenore sono oggi più necessari che mai.  “Continueremo ad ‘allarmarvi’ – spiegano dalla Protezione Civile - fino a quando la gente si renderà conto che questa ‘sceneggiata’ ci è costata finora 35.000 morti e che il virus è ancora in mezzo a noi”.

 
 
 
Successivi »