Creato da: procino995 il 04/05/2010
L'ALTRA ME

 

 

84enne chiede il divorzio perché il marito non la soddisfa

Post n°2424 pubblicato il 24 Ottobre 2017 da procino995
 
Foto di procino995

Una donna di 84 anni del comune di Scafati ha chiesto il divorzio al marito di 88 anni in quanto quest'ultimo la trascurava non soddisfacendola a letto
Oggi si sa:
sono purtroppo più numerosi i matrimoni che giungono al capolinea, il più delle volte per futili motivi, che quelli destinati a durare al "finché morte non vi separi".
In realtà però anche quei legami che il tempo sembra aver solidificato, sembrano subire una certa crisi, e per motivi a volte inimmaginabili.
È quanto successo a una donna di 84 anni.
Ha avanzato una richiesta di divorzio nei confronti del marito di 88 anni, perché quest'ultimo la trascurava sotto le lenzuola.
Si avete letto proprio bene.
Il marito ha confermato quanto raccontato dall'insaziabile moglie spiegando di non essere più in grado di soddisfarla per più di due volte al mese
per via degli anni che si fanno sentire e dei vari problemi di salute.
Una volta si diceva che era l'amore ad non avere età, adesso invece sembra essere il divorzio, sintomo di come la società si stia evolvendo mutando anche gli animi più impensabili.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Disprezzo delle donne.

Post n°2423 pubblicato il 17 Ottobre 2017 da procino995
 
Foto di procino995

In Italia c'è' una strage di cui nessuno parla, ma che ogni giorno appare sui giornali.
Sono gli omicidi delle donne, strangolate, sparate, uccise nei modi più vari per i motivi più disparati.
I motivi sono sempre riportati nella descrizione degli assassinii, c'è la follia, la gelosia, la fine di un rapporto. Insomma, ogni motivo è buono.
Ma che ci frega dei motivi.
Questi uomini che abusano della loro forza sono solo dei brutali assassini, educati al disprezzo delle donne da questa società di merda.
Quanti sono i porci in circolazione?
Ad Arluno, Monica, mamma di un bambino di nove anni è stata strangolata dal suo partner,
il viso per i pugni ricevuti era sfigurato, irriconoscibile.
E' considerato un fatto di cronaca, infatti è lì che l'hanno messo nel giornale.
Ma non è così, non è solo questo.
È una orrenda mattanza
che va estirpata
con le buone
o con le cattive


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L’industria cibernetica punta sulla sfera sessuale.

Post n°2422 pubblicato il 10 Ottobre 2017 da procino995
 

L'industria cibernetica punta sulla sfera sessuale,
trasformando il sesso in un'esperienza virtuale grazie a degli avatar impersonati da pornostar?
Le industrie dei videogiochi per adulti cercano di trasformare il sesso in un'esperienza virtuale.
Proprio in questi giorni la pornostar Tori Black,
si sta sottoponendo a numerosissimi scatti e video realizzati da centinaia di obiettivi posizionati ovunque,
in modo da consentire all'azienda produttrice di immortale ogni possibile posizione. Non solo video e immagini:
viene anche registrato l'audio con annesso di sospiri,
urla e rumori tipici che si fanno durante l'amplesso.
Il fine è quello di riuscire a creare un avatar che possa trasformare il sesso in un videogioco grazie a un visore virtuale da mettere sugli occhi,
che permetterà di vedere scene animate da attrici pornografiche. E così chi vuole,
potrà dedicarsi al cybersesso,
anche se quello virtuale
non potrà mai essere
paragonabile
al quello reale.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il villaggio delle donne dove non esistono i mariti

Post n°2421 pubblicato il 04 Ottobre 2017 da procino995
 

Esiste un villaggio sull'Himalaya in cui comandano le donne e non esistono i mariti.
In questo villaggio le donne non si sposano mai.
Ma questo non vuol dire che rinunciano ai figli e alla presenza di un compagno o di un padre.
Durante le feste popolari sono le donne a scegliere il proprio partner. Se una ragazza si avvicina ad un uomo e gli solletica il palmo della mano vuol dire che vorrebbe stare con lui.
Dopo il breve corteggiamento il prescelto può vivere una notte d'amore con la donna, arrampicandosi sino alla sua finestra.
Lei però potrà cambiare idea sino all'ultimo secondo e l'uomo potrà raggiungerla solo se vedrà una cintura appesa alla finestra, in caso contrario dovrà parlare apertamente con la ragazza per poter prendere accordi.
Dopo il parto, i figli rimangono a vivere nella casa della madre, insieme alle nonne e alle zie.
Le donne vivono e dormono in stanze private, mentre gli uomini riposano in camerate comuni.
Quando una coppia Moso si separa lo fa in modo naturale, senza bisogno di litigi o conflitti a causa della gestione dei figli o della spartizione dei beni.
Il ruolo del capofamiglia è ricoperto dalla donna più anziana, la Dabu, che ha il compito di proteggere e guidare la famiglia. Nonostante sia una società matriarcale, quella dei Moso non opprime gli uomini che, al contrario, sembrano molto felici. Si prendono cura dei figli, ma anche delle sorelle e delle madri, costruiscono le case e le rendono sicure.
Di fatto nei villaggi di questa popolazione c'è una perfetta distribuzione dei ruoli e un bilanciamento delle responsabilità tale
da azzerare
qualsiasi conflitto possibile.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Prenota anche tu il tuo ebolino

Post n°2420 pubblicato il 25 Settembre 2017 da procino995
 
Foto di procino995

Da qualche tempo nei migliori negozi di giocattoli si vendono pupazzi e peluche che richiamano l'aspetto di virus e di microbi.
Non poteva mancare dopo la varicella e l'alitosi, l'Ebola, l'hit dell'estate 2014.
Il pupazzetto che richiama in modo impressionante,
ma niente affatto casuale, Renzie si può trovare anche nelle sedi del Pd, di Forza Italia e in tutte le feste dell'Unità in offerta sconto per salvare il glorioso e omonimo giornale vissuto per anni alle spalle dei finanziamenti pubblici.
Il simpatico fantoccio della BCE è stato ribattezzato "ebolino"
per ragioni di contiguità con l'originale ebetino.
Un perfetto articolo da regalare prima di dicembre a tutti i risparmiatori che si vedranno prelevare i soldi dai conti correnti stile emorragia interna e ai fortunati possessori di qualcosa che dovranno subire una patrimoniale.
L'ebolino non sembra spaventoso,
assomiglia alla malaria all'inizio, i sintomi sono simili:
febbre alta e diarrea.
Poi, però il decorso è rapido, doloroso e mortale con emorragie interne ed esterne.
L'ebetino è difficile da prendere sul serio, è questa la sua forza, poi però si trasforma in ebolino.
Nei migliori negozi della sinistra, ma anche ad Arcore in confezione Premium.
La Boschi lo usa come portafortuna e lo tiene in borsetta.
"Prenota il tuo ebolino", non potrai più farne a meno.
Dove lo trovi un pupazzo che spara così tante cazzate mentre distrugge l'economia di una nazione?
"Adotta anche tu l'ebolino"
prima che chiudano le frontiere e,
si sparga il contagio in tutta Europa.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso