angelo_distratto

appunti ordinati di una vita ordinaria

 
Sii paziente verso tutto ciò che è irrisolto nel tuo cuore e ..
cerca di amare le domande,che sono simili a
stanze chiuse a chiave e a libri scritti in lingua straniera.
Non cercare ora le risposte che non ti possone essere date
poichè non saresti capace di convivere con esse.
E il punto è vivere ogni cosa. Vivi le domande ora.
Forse ti sarà dato,senza che tu te ne accorga,
di vivere fino al lontano giorno,
in cui avrai la risposta
rainer maria rilke
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: angelo_distratto
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 58
Prov: GE
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 
immagine
 

 

« ECCO LE NUOVE DIVE

Post N° 64

Post n°64 pubblicato il 26 Novembre 2006 da angelo_distratto

TUMORI: IL FUTURO RIPARTE DAI GIOVANI



immagine
MILANO - Di fronte ai desolanti finanziamenti pubblici alla ricerca
italiana, alla fuga dei cervelli, e alla mancanza di vocazione per
intraprendere le
carriere
scientifiche, forse i giovani si stanno davvero preparando a cambiare
le cose. O almeno, a gettare il seme per un cambiamento che si potrebbe
definire storico per il futuro della scienza in Italia.
C'era un
silenzio quasi totale, e un'attenzione addirittura insolita,
all'incontro che ha organizzato oggi alla Triennale di Milano l'
Associazione Italiana per la ricerca sul cancro (Airc), nella giornata
dedicata alla ricerca. Una sala gremita di studenti delle superiori,
specialmente del liceo scientifico,
che hanno ascoltato con
interesse i progressi della scienza nella cura dei tumori, come le
nuove terapie 'a misura di paziente', ma che soprattutto hanno
domandato direttamente agli scienziati (non senza un tono di
preoccupazione) qual e' il futuro della ricerca in Italia, e cosa sta
facendo lo Stato per promuovere il progresso della scienza. Con
l'interesse di chi, un giorno, potrebbe diventare una promessa nel
campo dell'oncologia, ma teme di non avere i mezzi per farlo.

''Negli
ultimi cinque anni - risponde Paolo Corradini, oncologo medico
all'Istituto Nazionale dei Tumori (Int) di Milano - abbiamo avuto in
Finanziaria una costante diminuzione dei finanziamenti alla ricerca, e
un taglio continuo dei fondi alle universita'. La ricerca non e'
sovvenzionata bene, anzi -
precisa - non e' sovvenzionata
affatto''. ''Purtroppo alla ricerca servono sempre piu' risorse -
aggiunge Attilia Lanza, vice presidente del comitato lombardo Airc - e
lo stato non ci aiuta molto. L'Airc riesce per fortuna a riempire dei
vuoti; ma senza la vendita delle azalee e delle arance nelle piazze,
per raccogliere fondi, neanche i nostri sforzi sarebbero sufficienti''.
E la raccolta fondi deve molto proprio ai 400 mila lombardi che ogni
anno fanno qualcosa per sostenere la ricerca e che, spiega Lanza,
''sono sempre i primi ad arrivare''.

Uno degli argomenti che ha
catturato l'interesse di tutti e' stato il nuovo approccio che la
medicina sta adottando nella cura dei tumori, quello di una terapia
sempre piu' a 'misura di paziente'. ''La nostra comprensione del tumore
e degli eventi a esso correlati si e' modificata profondamente negli
ultimi 4 anni - spiega Pier Paolo Di Fiore, direttore scientifico dell'
Istituto Firc di Oncologia Molecolare (Ifom) - in particolar modo dopo
aver capito che non e' importante conoscere solo cosa avviene nella
cellula tumorale e nel tessuto malato, ma anche quello che accade
nell'ospite, nella persona che ha quel tumore''. Una serie di fattori,
infatti, e' capace di modificare il modo in cui un farmaco raggiunge il
tumore, ma anche la sua
tossicita' per il paziente o la capacita'
di aggredire il cancro. ''Noi puntiamo - aggiunge Di Fiore - ad una
terapia dove non verranno piu' curati gli stomaci, i polmoni o i colon
colpiti da tumore; ma verranno curate le persone con un tumore allo
stomaco, al polmone o al colon''.

Una delle ultime scoperte su
come si origina un tumore si fonda sulle cellule staminali 'cattive',
''una sorta di cellule impazzite, non tanto diverse dalle cellule
staminali sane, il cui normale compito e' quello di creare un tessuto o
un organo - prosegue il direttore Ifom -. E creare un organo e' proprio
quello che cercano di fare anche le staminali 'cattive', che pero'
finiscono per produrre un tumore, una sorta di organo aberrante''. La
conoscenza delle cellule staminali, prosegue l'esperto, ha
rivoluzionato profondamente la conoscenza di come si sviluppa un
tumore. Ed e' per questo che, con una certa amarezza e con una punta di
sarcasmo, i ricercatori hanno ringraziato durante il dibattito ''chi ci
ha risparmiato la
possibilita' di continuare la ricerca sulla cellule staminali''.
Al
termine dell'incontro, gli scienziati sono stati avvicinati da molte
persone del pubblico, che non hanno saputo resistere all'opportunita'
di una domanda in piu'. Ed e' da qui che forse riparte il desiderio dei
giovani di dedicarsi alla ricerca, da questa voglia di mettersi
finalmente in gioco. Da
qui, e dalla speranza che i fondi per
trovare una cura a quello che e' stato definito 'il male del secolo'
non arrivino piu' solo dai ''matti per le strade, che cercano di
vendere fiori per curare i tumori'', secondo il paradosso sottolineato
dallo psichiatra e scrittore Vittorino Andreoli.
fonte (ANSA)
Raramente faccio copia incolla ma in questo caso è doveroso e per rendere tutti partecipi del livello di degrado della nostra ricerca e di come reperisce i fondi.
Ringraziando i ricercatori di quanto riescono a fare col poco che hanno.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: angelo_distratto
Data di creazione: 22/10/2006
 

E' COMPLETAMENTE GRATUITO


MediaFire - Free File Hosting Made Simple per chi volesse approfittarne!!!!!!! è l'unico gratis
 

CONTATTI ALTERNATIVI

MSN/EMAIL

angelo_distratto@hotmail.it

ICQ

390936254
 
 

immagine
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

chiellino0mizar_apaolopiccolo1965quagliaclaudiavalerio.saveripitstop71lcamillo12251unquarantennelucascottopagliaraPapaveriSparsiain_talkingelsewhere_perhapsladyboo13leon47xraggiodisolex82x
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963