Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« 101 machiavellici modi d...Stay hungry. Stay foolish. »

Il mago di Oz - L. Frank Baum

Post n°664 pubblicato il 06 Settembre 2011 da bluewillow
 

Titolo: Il mago di Oz Titolo originale: The Wonderful Wizard of Oz Autore: L. (Lyman) Frank Baum Traduzione: Francesca Pacchiano Illustrazioni in bianco e nero: William Wallace Denslow Casa editrice: Newton Compton pag: 137 costo: 6 €

Bisogna giudicare l'opera o l'autore?
Io sono tra coloro che ritengono che si debba giudicare un'opera indipendentemente dalla biografia di chi l'ha scritta, tuttavia alla fine di questa recensione troverete alcune informazioni sull'autore de "Il mago di Oz" e se avete davvero amato questo libro vi avverto che non vi piaceranno per niente: fate conto che come Morpheus in "Matrix" vi stia offrendo la scelta fra un pillola rossa ed una pillola blu, fra vedere cose che non vi piaceranno per niente o continuare a dormire sonni tranquilli.
So per esperienza che, al contrario dei film dove tutti sono coraggiosi, la gente preferisce di solito ignorare ciò di cui ha paura o che semplicemente la infastidisce: anche io avrei potuto ignorare questo pezzo della biografia di Baum, ma proprio non ci riesco. Nonostante la mia coscienza mi dica che "Il mago di Oz" è davvero una bellissima fiaba e non ha alcun punto oscuro, non posso fare a meno di pensare che ci sono idee così sottili e subdole da riuscire ad infilarsi di soppiatto nei posti più inaspettati, quindi mi sembra giusto offrire una informazione completa e offrirvi una scelta  più consapevole delle vostre letture.

Il libro


Scritto nel 1900 "Il mago di Oz" (noto anche come "Il meraviglioso mago di Oz"), corredato da  un gran numero di illustrazioni a colori del disegnatore William Wallace Denslow, divenne subito un grande successo editoriale, tanto da spingere il suo autore L. Frank Baum, dalla carriera costellata da una lunga serie di insuccessi come fondatore di giornali e direttore di teatri, a scriverne ben tredici seguiti, gli ultimi due dei quali furono pubblicati postumi e probabilmente furono in gran parte rivisti da Ruth Plumly Thomson, scrittrice per bambini che continuò poi la serie di Oz con altri diciannove volumi pubblicati fino al 1976, anno della morte della scrittrice.
Dalla storia furono anche tratti vari adattamenti teatrali, musical ed un famoso film del 1939 con la diciassettenne Judy Garland nella parte della protagonista Dorothy, anche se nel libro questa è in realtà una bambina.
Le avventure della piccola Dorothy, una bimba orfana che vive con la zia Em e lo zio Henry nel Kansas, iniziano quando un ciclone solleva e porta via la casa nella quale la bambina è corsa per salvare il suo cagnolino Toto, durante una furiosa tempesta. La casetta viene trasportata, senza danno per i suoi occupanti, nel magico mondo di Oz ed atterra proprio sopra la perfida strega dell'Est, le cui scarpe argentate (eh già, non sono affatto rosse come nel film!) spuntano da sotto l'abitazione di Dorothy.
Ad accogliere con giubilo la fanciulla ci sono i Munchkin, da sempre oppressi dalla strega dell'Est, che salutano la bambina come una salvatrice, e la buona strega del Nord, che consegna a Dorothy le scarpe magiche della ormai defunta strega cattiva, senza però rivelarle il loro potere,  le dà un bacio sulla fronte che la contrassegna con un marchio protettore, e le consiglia di recarsi alla città di Smeraldo seguendo la strada di mattoni gialli, dove il potentissimo mago Oz riuscirà a trovare un modo per rispedirla nel Kansas.
Lungo la strada Dorothy incontrerà alcuni compagni di viaggio: lo Spaventapasseri, che è convinto di essere stupido perché ha la testa piena di paglia, L'uomo di latta, che pensa di non avere cuore perché è fatto di metallo, ed il Leone Codardo, che si vergogna terribilmente di non essere abbastanza coraggioso. Tutti e tre decideranno si seguire Dorothy per andare dal grande Oz: lui potrà infatti dare un cervello allo spaventapasseri, un cuore nuvo allUomo di Latta e il tanto agognato coraggio al Leone.
L'intera storia è una specie di allegoria del potere delle false credenze e dell'effetto condizionante delle parole: spesso l'opinione che abbiamo di noi stessi e degli altri è basata solo su idee preconcette, su parole che leghiamo erroneamente alla nostra immagine mentale, totalmente slegate dalla realtà.
I tre compagni di Dorothy dimostreranno lungo il percorso di possedere già tutte le qualità che desiderano e lo stesso Oz si rivelerà infine un mago potente solo a parole, una specie di impostore che però si giustificherà dicendo:
"Come posso evitare di comportarmi da imbroglione, quando questa gente mi costringe a fare cose che non si posono fare?"  (una frase che ben più di un truffatore deve essersi ripetuta fin dai tempi più antichi).
"Il mago di Oz" è un invito a credere in sé stessi, a trovare dentro di sé le risorse per affrontare le difficoltà della vita senza cercare scorciatoie, attingendo alla proprie qualità.
E' anche un fiaba che dimostra come siano vere solo le cose che si credono tali e come sia grande il potere mistificatorio della menzogna e di una informazione non corretta, soprattutto quando non ci fanno mai domande e si accetta ogni cosa passivamente e acriticamente.
La fiaba è francamente bellissima, non ho dubbi su questo. Con il suo invito a non considerare le apparenze, sembra dimostrare che ognuno dovrebbe essere giudicato solo per quello che è e non per quello che dice di essere, o sulla base di pregiudizi.
Ecco perché quanto segue, mi ha davvero sconvolta.

Pillola rossa o pillola blu

Frank Baum non ebbe una carriera molto felice. Figlio di un ricco petroliere, che tentò di assecondare il figlio nella propria propensione per l'arte, ebbe una lunga serie di insuccessi che lo portarono a dilapidare lungo la vita il suo patrimonio. Fondò numerose riviste che poi fallirono (di cui una dedicata interamente all'allevamento di polli), comprò un teatro, ma questo bruciò, aprì un piccolo bazaar, ma per la sua propensione a fare credito a tutti finì ben presto per essere sommerso di debiti. Divenne venditore porta a porta di porcellana, professione che abbandonò solo quando ebbe successo con la serie di Oz, ma i primi del '900 investì molto denaro nel nascente cinema, che però perse ancora una volta.
Va detto che lottò per il diritto di voto delle donne, cosa forse inevitabile avendo sposato una attivissima suffragetta.
C'è però un increscioso episodio nella vita di questo autore, apparentemente troppo sognatore per riuscire ad accumulare a lungo il denaro.
Nel 1890, dieci anni prima di scrivere "Il mago di Oz", Baum scrisse due articoli sull'Aberdeen Saturday Pioneer: il primo fu scritto il 20 Dicembre 1890, il giorno dopo la morte di Toro Seduto.
Il secondo il 29 Dicembre 1890, dopo che fu compiuto un incredibile massacro di nativi americani in una riserva indiana nel sud dello stato del Dakota, nel quale lo stesso Baum risiedeva.
In entrambi gli articoli Baum sostiene e approva il genocidio dei nativi americani, giustificando  il loro totale sterminio (testuali parole "We cannot honestly regret their extermination " nella prima lettera del 20 Dicembre)  e addirittura lamentandosi che nella strage del 29 Dicembre le autorità non siano state addirittura più determinate nell'eliminare dalla faccia della terra gli indiani.
Potete leggere estratti degli articoli sul wikipedia inglese, nella voce dedicata a Baum.
Non ci sono parole per esprimere un biasimo sufficientemente grande nei confronti degli articoli di Baum. Le idee che devono averlo portato a scrivere cose tanto tremende sono così orribili, disumane e agghiaccianti da annullare qualunque possibile giustificazione dovute all'ambiente, ai condizionamenti storici o all'educazione ricevuta.  
Qualcuno sostiene che benché il più noto libro di Baum "Il mago di Oz" non faccia riferimento alcuno ad idee razziste, altre sue opere invece mostrino la scarsa considerazione per nativi americani e neri, spesso considerati con disprezzo.
Solo nel 2006 alcuni discendenti di Baum hanno chiesto scusa ai Sioux per i possibili i possibili danni causati dagli articoli dello scrittore.
Questa notizia mi ha semplicemente scioccata, ho trovato inevitabile farne cenno in questa recensione, perché "Il mago di Oz" sembrerebbe sostenere proprio il contrario di quanto Baum invece scrisse nei suoi articoli razzisti: non badare all'apparenza, non giudicare solo l'esteriorità.
Ci sono cose credo che nessuno potrà mai capire dell'arte e del processo creativo: può l'arte tirare fuori il meglio anche da un uomo che nasconde qualcosa di pessimo dentro di sé?  Onestamente non lo so: come il mago di Oz, che in fondo è un impostore ed un imbroglione, forse anche Baum ha saputo costruire bene la sua maschera e i suoi molti ego alternativi.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 226
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.