Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Il capitan Fracassa - Th...Sherlock Holmes: Gioco d... »

Capodanno a New York - Film

Rispolverando la vecchia tradizione dei film ad episodi, Capodanno a New York (titolo originale:  New Year's Eve, cioè "La vigilia dell'anno nuovo") la propone in una caotica versione in cui tutte le storie si svolgono in contemporanea, piuttosto che una dopo l'altra, con lo sfoggio di un numero spropositato di star hollywoodiane e dei telefilm, che si danno da fare proprio il 31 Dicembre, come si intuisce benissimo dal titolo, per dimostrare che si può sempre fare di meglio che sceneggiare una sola storia scontata e banale, proponendone invece una intera serie.
Prendetela in questo modo: è un pacco offerta speciale di superstar, un 3 x 2 di buoni sentimenti, un maxi-saldo di miele e zucchero natalizi.
E' un film pensato per generare due tipi di sentimenti contrastanti: l'assoluta certezza che si sarebbe potuto vedere di meglio e il caldo conforto che sa dare solo ciò che è trito e rassicurante.
Un film da famiglie, da gente stressata e ansiosa che ha bisogno di sedativi di ogni tipo, anche cinematografici, una pellicola per chi non desidera essere minimamente sorpreso, nemmeno per sbaglio.
Le storie sono davvero tante, le elenco di seguito, anche se non so nemmeno se le ricordo tutte:

  • Ingrid, segretaria sfruttata e stressata (Michelle Pfeiffer), si licenzia dal suo orribile lavoro proprio l'ultimo dell'anno e offre degli esclusivi biglietti per un evento al giovane corriere espresso Paul (Zack Efron), se riuscirà a farle realizzare tutti i suoi buoni propositi per l'anno nuovo entro il giorno stesso. Fra le cose da realizzare: il giro del mondo, un viaggio a Bali, essere stupita, visitare tutti i quartieri di New York in una sola giornata. Usando molta fantasia Paul riuscirà davvero a spuntare dalla lista tutte le cose desiderate da Ingrid e fra i due nascerà una bella amicizia. (Elenco questa storia per prima perché è l'unica davvero un po' carina di tutto il film, sebbene sempre molto prevedibile).
  • Il cantante Jensen (Jon Bon Jovi) deve esibirsi in Times Square per l'ultimo dell'anno. Nell'albergo nel quale è ospitato verrà allestita una lussuosa cena proprio dalla sua ex-fidanzata Laura (Katherine Heigl), che lavora come chef, che ha mollato dopo averle chiesto di sposarla. Jensen vorrebbe essere perdonato e riconquistare la sua vecchia fiamma. Che dite ci riuscirà? Vedere Jon Bon Jovi in versione plastificata,vestito ostinatamente da fancazzista, praticamente identico a quando ero un'adolescente, mi ha fatto riflettere tristemente sul fatto che essere giovani per forza deve essere un'amara condanna.
  • Randy (Ashton Kutcher), fumettista che odia festeggiare il primo dell'anno, ed Elise (Lea "Glee" Michele), corista di Jensen, rimangono chiusi nell'ascensore bloccato del loro palazzo, proprio l'ultimo dell'anno. Per giunta Elise deve assolutamente correre a Times Square per esibirsi accanto al cantante. I due capiscono istantaneamente di odiarsi a vicenda, quindi è ovvio, certo come il fatto che questo film è noioso, che sono due anime gemelle, destinate ad innamorasi prima dello scorrimento dei titoli finali. Questo episodio accontenterà gli orfani di Glee, con una esibizione musical (non l'unica) della loro eroina Lea Michele alias "Rachel". Inoltre vi farà capire perchè Demi Moore abbia preso una tale sbandata per Kutcher: fa la sua figura anche con uno sfigatissimo pigiama scozzese!
  • Kim (Sarah Jessica Parker) è una madre alle prese con la quindicenne figlia ribelle Hailey (Abigali Breslin) che, per passare la serata fuori con gli amici, scapperà di casa in barba ai divieti materni. Kim passerà tutta la serata ad inseguirla. Ma come, direte voi, mi mettete Sarah Jessica Parker in un film ambientato a New York, mi evocate in questo modo il fantasma di Sex and The City, e non si vede neanche l'ombra di un Mr. Big? Niente paura, sarete accontentate!  Curiosamente nel film appare anche il vero marito dell'attrice, Matthew Broderick ( nella parte di sé stesso): molto diverso dai fotomodelli che di solito le vengono appioppati come fidanzati/consorti, anche se in questo caso non è coinvolto nell'episodio che riguarda la Parker.
  • Un ragazzo alto, elegante e vagamente fotomodellesco viene piantato in asso dalla macchina che deve portarlo a New York. Lui deve essere lì, a mezzanotte. Per forza, capite? Deve aspettare la donna che ha incontrato esattamente un anno prima, di cui si è follemente innamorato, ma di cui non sa il nome, ma che ha promesso di rivederlo nello stesso posto del precedente capodanno, se ancora lui penserà a lei. Sforzate le meningi: chi sarà mai questa donna? Chi?
  • Il primo nato dell'anno riceverà un premio di 25.000 dollari dalla città di New York. La cosa scatena l'antagonismo fra due coppie di gente avida e senza scrupoli, disposta a mettere in pericolo la prole per denaro. Teoricamente questa storia avrebbe potuto introdurre un tocco di malsano realismo in questo film melenso, ma non vi preoccupate, non correte questi rischi: i buoni sentimenti si abbatteranno su di voi senza scampo! Per puro caso una delle due donne in attesa è Jessica Biel.
  • Robert de Niro sta morendo in ospedale. Ha almeno la consolazione di avere come infermiera Hale Berry. De Niro ha un solo ultimo desiderio, con cui tormenta insistentemente Hale Berry ed è una cosa che a New York fanno un mucchio di persone proprio la vigilia di Capodanno, una vera tradizione beneaugurante: guardare la grande palla di luce che cade dall'alto a Times Square a mezzanotte (che avevate pensato? Eh?)
  • Nel frattempo Claire Morgan (Hilary Swank), responsabile del buon andamento della manifestazione a Times Square, è disperata: la palla di luce si è bloccata a metà altezza e bisogna ripararla ad ogni costo. Senza contare che quel perditempo del cantante Jensen non si vede in giro.

 
Le storie sono in parte intrecciate ulteriormente tra loro ( ad esempio Zack Efron è il fratello di Sarah Jessica Parker e zio della quindicenne in fuga), per un risultato macedonia tutti i frutti garantito. Il numero di vicende raccontate è decisamente troppo alto per sperare di dare spessore anche solo ad una di esse, nel tempo a disposizione.
Nel film fa la sua apparizione anche il vero sindaco di New York Bloomberg nella parte di sé stesso, per quello che non è l'unico spot pubblicitario del film (scoprirete l'esistenza dei cappellini Nivea di fine anno, ad esempio).
Se volete un film senza pensieri per trascorre una serata tranquilla che più tranquilla non si può, di sicuro questa pellicola vi accontenterà.
Se invece odiate le cose scontate e prevedibili, allora magari è il caso di cercare altrove.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 226
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.