Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« 22/11/'63 - Stephen KingAll'asta ritratto di Em... »

J. Edgar - Film

Post n°746 pubblicato il 11 Gennaio 2012 da bluewillow
 

L'ultima fatica di Clint Eastwood nei panni di regista (Million Dollar Baby, Mystic River, Gran Torino, per citare solo alcuni dei suoi film) vede per protagonista Leonardo DiCaprio nei panni del fondatore della FBI J. Edgar Hoover, figura estremamente controversa della storia americana.
La lunghissima carriera di J. Edgar Hoover come direttore del Bureau of Investigation, iniziata nel 1924, proseguì per quarantotto anni, attraverso otto presidenti americani, fino al 1972 (ad un certo punto nel film si nomina anche un presidente Hoover e c'è un po' di confusione, perché in effetti J. Edgar Hoover servì, dal 1929 al 1933, proprio sotto un presidente che si chiamava Herbert Clark Hoover, ma i due non erano parenti).
Clint Eastwood cerca di rendere conto di una carriera che coincide praticamente con la storia degli Stati Uniti moderni, sulla quale Hoover ebbe un'influenza grandissima.
La storia si apre con un J. Edgar anziano, quasi al termine della vita, che detta i propri appunti biografici a giovani scrittori, che cambierà spesso lungo il corso del film, per lasciare memoria della sua azione personale nella costruzione di un dipartimento di polizia federale moderno.

La pellicola si snoda attraverso lunghi flashback, nei quali vedremo anche quanto certamente Hoover non detta ai suoi biografi, visti i molti riferimenti alla sua presunta omosessualità, grande tabù per l'epoca.
Il ritratto di Hoover dal punto di vista personale è quella di un uomo egocentrico, con seri problemi personali, dovuti ad una madre oppressiva, che riversa nel lavoro ogni sua energia e che per tutta la vita ebbe solo due assistenti onnipresenti: la segretaria Helen Gandy (Naomi Watts) e l'assistente Clyde Tolson (Armie Hammer). Dal punto di vista sentimentale Clint Eastwood tiene fede alle numerose dicerie su Hoover, che non si sposò mai, e lasciò ogni suo bene, una volta morto, al proprio fedele collaboratore Clyde Tolson, imbastendo una storia che lo vede come un omosessuale represso.
In una scena del film si vede addirittura DiCaprio indossare i vestiti della madre morta di Hoover ed una collana: indubbiamente la sequenza è una citazione ad una delle più pesanti indiscrezioni sullo stesso Hoover (quasi certamente falsa), dovuta ad una viveur dell'alta società, tale Susan Rosenstiel, che sostenne di aver visto Hoover nel mezzo di un'orgia, vestito da donna.
Hoover divenne tristemente famoso per il fatto di aver disseminato di microspie e nastri di registrazione le abitazioni dei più influenti personaggi americani, e degli stessi presidenti che avrebbe dovuto proteggere, tenendo in pugno così i loro segreti più scandalosi, ed è forse per questo che Clint Eastwood cerca di scioccare il pubblico americano mostrando un uomo la cui vita personale era forse piuttosto lontana dall'essere totalmente inattaccabile, secondo i criteri dell'epoca.
L'insistere sul gossip, però, è forse un modo per allontanare la storia di Hoover dai suoi punti più spinosi che nel film, al contrario delle dicerie sulla sua vita personale, sono appena scalfite: Clint Eastwood glissa, accennandovi solo brevemente, sul clamoroso omicidio di Kennedy, con il quale Hoover aveva tutt'altro che buoni rapporti. Molti lo hanno accusato di averlo favorito. Forse proprio questo avrebbe dovuto essere il nodo focale del film, ma in verità viene abilmente tralasciato, facendo solo breve cenno al fatto che J. Edgar detestasse tanto JFK che suo fratello.
Maggiore risalto viene invece dato a quanto fu fatto alla luce del sole: J. Edgar Hoover ostacolò fortemente Martin Luther King, e i movimenti per i diritti delle minoranze, e nel film si mostra che ricattò King per non fargli accettare il premio Nobel per la pace, che gli fu assegnato nel 1964.
Il film però insiste soprattutto sulle azioni più indietro nel tempo realizzate da Hoover, che fanno capo alla fondazione dell'FBI, Federal Bureau of Investigation, precedentemente solo Bureau of Investigation, con limitati poteri.
Hoover trasformò l'FBI imponendo che si seguissero criteri investigativi scientifici nelle indagini, ammettendo nel corpo di polizia solo personale qualificato e fisicamente dotato.
Inoltre, comprendendo a fondo i meccanismi della comunicazione nei media, tentò di dare far diventare "popolare" l'FBI, in un'epoca in cui i gangster erano quasi eroi, anche per la gente comune: a tale scopo spinse alcuni disegnatori di fumetti a pubblicare storie in cui lui stesso arrestava i criminali più pericolosi, in modo da fare del poliziotto federale non "lo sbirro", ma un ideale eroe.
Il caso a cui più di tutti viene dato risalto è però quello dell'assassinio del figlio dell'aviatore Charles Lindbergh, rapito nel marzo 1932 e ritrovato morto a maggio dello stesso anno. Per risolvere il mistero dell'omicidio la FBI lavorò per trenta mesi, seguendo le tracce delle banconote contrassegnate, date per riscatto al rapitore ed assassino, e ricorrendo a tutti i mezzi scientifici a disposizione. La risoluzione del delitto fece ottenere a Hoover più ampi poteri per il suo dipartimento investigativo.

Il film di Eastwood ha il duro compito di riassumere in poco tempo una storia decisamente molto lunga: il risultato non è esaltante, sia per il troppo spazio lasciato a vicende che non sono storicamente provate e sguazzano nel gossip, sia per quello piuttosto esiguo riservato invece a importanti questioni moderne (vedi omicidio Kennedy). Seguire tutte le vicende, per chi non sia molto informato sulla storia americana, è forse non molto semplice.
A volte si ha la sensazione di seguire una specie di documentario, piuttosto che un film, e questo nonostante il molto spazio lasciato ad argomenti non strettamente storici.
Nonostante la non esaltante sceneggiatura gli attori sono invece in gran forma e la triade di attori scelta per raccontare la storia (Naomi Watts, Armie Hammer e Leonardo DiCaprio) è senz'altro all'altezza della situazione.
Curioso che, proprio per questo non esaltante film, Leonardo Di Caprio sia dato per probabile vincitore di un Oscar come migliore attore protagonista: sarebbe buffo che finalmente vincesse la meritata statuetta (secondo me avrebbero dovuto dargli l'Oscar da un bel pezzo) proprio per uno dei suoi film più soporiferi.


 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.