Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Pubblicato “L'ingratit...Vite segrete - Jeff VanDerMeer »

"L'ingratitudine" di Charlotte Brontė (traduzione di Blue Willow)

Post n°789 pubblicato il 29 Febbraio 2012 da bluewillow
 

Questa è la mia traduzione di "L'ingratitude" di Charlotte Brontë, datato 16 Marzo 1842, opera su cui quindi non vige più il copyright. Lo scritto fu composto originariamente da Charlotte Brontë in francese, come compito assegnatole dall'insegnante Constantine Heger, sullo stile delle favole di La Fontaine (qui il testo originale)
Ricordando che non sono una traduttrice professionista, specifico anche che la punteggiatura, a volte un po', come dire, a "testa di ratto", rispecchia quella del testo originale.

Un ratto, stufo della vita nelle città e nelle corti (aveva avuto infatti il suo ruolo nei palazzi di re e nobili), un ratto che l'esperienza aveva reso, in breve, saggio, un ratto che si era trasformato da cortigiano in filosofo, si era ritirato nella sua casa di campagna (un buco nel tronco di un giovane olmo), dove viveva come un eremita, dedicando tutto il suo tempo e le sue cure all'educazione del suo unico figlio.
Il giovane ratto, che non aveva ancora ricevuto quelle severe, ma salutari lezioni che regala l'esperienza, era piuttosto sconsiderato; i saggi consigli del padre gli sembravano alquanto noiosi; l'ombra e la tranquillità degli alberi, invece di calmargli la mente, lo sfinivano.
Crebbe impaziente di viaggiare e vedere il mondo.
Una bella mattina si svegliò presto, fece un piccolo involto di formaggio e chicchi di grano e, senza dire una parola a nessuno, l'ingrato abbandonò suo padre e la dimora paterna e partì per terre sconosciute.
All'inizio tutto gli sembrava affascinante; i fiori erano di una freschezza e gli alberi di un verde come non ne aveva mai visti a casa. Vide poi tante meraviglie: un animale la cui coda era più grande del corpo (era uno scoiattolo), una creatura che portava la sua casa sulla schiena (era una lumaca).
Dopo parecchie ore raggiunse una fattoria, l'odore di cucina lo attirò ed entrò nel cortile, dove vide una specie di pennuto gigantesco che faceva un terribile rumore e marciava con aria feroce e fiera. Dovete sapere che questo uccello era un tacchino, ma il nostro ratto lo prese per un mostro e, spaventato dal suo aspetto, fuggì immediatamente.
Verso sera entrò in un bosco, stanco e spossato si sedette ai piedi di un albero, aprì il suo involto, mangiò la sua cena e andò a dormire.
Svegliandosi al canto del gallo sentì le zampine tutte intirizzite dal freddo, il suo duro letto gli aveva fatto male; allora si ricordò del padre, l'ingrato richiamò alla mente la cura e la tenerezza del vecchio ratto, elaborò vane risoluzioni per il futuro, ma era troppo tardi, il freddo gli aveva gelato il sangue. L'esperienza fu per lui una severa maestra, gli diede una sola lezione ed una sola punizione; fu la morte.
Il giorno successivo un tagliaboschi trovò il corpo, che guardò solamente come qualcosa di disgustoso e lo scansò col piede passando, senza pensare che là giaceva il figlio ingrato di un tenero padre.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.