Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Angel - Elizabeth TaylorIl libro di Natale - Sel... »

La notte (racconto breve) - Blue Willow

Post n°932 pubblicato il 06 Dicembre 2012 da bluewillow
 

Davide amava guidare di notte, immaginando che le strade deserte, solo in parte visibili, rischiarate dalla luce dei fanali, fossero parte di un regno segreto che gli apparteneva, in cui scivolare silenzioso, osservato dalle stelle.
 In quei momenti, in cui sentiva rallentare il corso del tempo e il battito del cuore, il mondo conteneva solo un uomo, lui, ed una sola donna, Laura.
La macchina rallentò vicino ad una casa, nei pressi della spiaggia, circondata da pini marittimi, i cui rami nodosi, scossi dalla brezza, sembravano salutarlo da lontano, con movimento cadenzato.
Davide camminava a piccoli passi lungo il viale che portava al cancello della villa, mentre il vento lo strattonava, come se tentasse di farlo tornare indietro, con lacci invisibili che si agitavano vorticosi intorno alle sue braccia e al dono prezioso che stringevano al petto: un libro.
Un tempo Davide e Laura si erano amati senza pensare al futuro, al dolore e a quel che poteva separarli, illudendosi che la protezione che ora solo la notte sapeva dare, potesse resistere alla luce del giorno, così crudele invece nel rivelare i difetti, le manie, le paure incontrollabili che alla fine li avevano allontanati.
Laura aveva sempre amato i libri, leggere era la loro passione comune. Si erano incontrati nella biblioteca universitaria, tanti anni prima, durante gli studi, chiamati per sbaglio a ritirare un libro, che avevano prenotato entrambi, lo stesso giorno. 
"Leggilo prima tu", le aveva detto, immediatamente rapito dall'energia trattenuta che emanava da Laura, in apparenza quieta, ma nei cui occhi sembrava agitarsi una piccola tempesta, fatta di cose non dette, di forme strane che Davide, chissà perché, credeva a suo modo di capire.
Laura si schermì, come se i suoi pensieri fossero stati gridati ad alta voce e Davide avesse potuto sentirli, involontariamente abusando di un potere che andava usato con moderazione.
"No, non è giusto. Tiriamo a sorte" ma poi aggiunse, notando l'aria delusa di Davide, che intendeva offrire il libro come un dono speciale, il primo mattone su cui costruire una nuova amicizia: "Leggiamolo insieme. Ti va? Se non sbaglio sei nel mio stesso corso".  
Per quanto bizzarra, a Davide sembrò la proposta migliore, così, approfittando del tepore dell'estate iniziata da poco, iniziarono a leggere il libro su una panchina del campus.
 Si incontrarono per molti giorni, e molte sere, ed infine, anche quando il libro fu terminato, rimase ad unirli il loro amore.
Era passato molto tempo da allora. Si erano sposati, una domenica di un maggio piovoso, ed avevano cominciato pian piano a sostituire la meraviglia con l'abitudine, la tenerezza con  il dovere. In modo imprevedibile era diventato più facile ferirsi che capirsi e gli occhi di Laura sembravano trasmettere un solo inequivocabile messaggio, fatto di rabbia e rancore.
Davide invece, era fuggito, non con il corpo, ma con la mente. Infine aveva capito, poco prima che si lasciassero, che Laura aveva tentato di scuoterlo, di farlo tornare, in sé, ma ormai tutto sembrava allontanarli, separati dalle stesse forze invisibili che prima li avevano uniti.
Una sera Davide, solo nel suo appartamento, aveva trovato una copia del libro che avevano letto insieme: era stato il dono di nozze di Laura. Lo aveva fissato a lungo pieno di un dolore sordo.  Poi aveva preso  il volume, era salito in automobile e si era diretto, in preda ad una strana incontenibile furia, a casa di Laura, per restituirle quella promessa mancata. 
La strada che portava alla spiaggia, in direzione dell'abitazione di Laura, era stata chiusa e fra molte deviazioni la rabbia di Davide era sbollita.
Finì per fermarsi ad un caffè con annessa libreria, e cercò di smaltire i residui di quella strana agitazione girovagando fra pile di libri, che ancora avevano il potere di rassicurarlo nei momenti peggiori. Poi vide un volume, un romanzo da lungo tempo non pubblicato, che certamente Laura avrebbe amato. Lo comprò, senza sapere perché.
Infine, riprese la via verso casa di Laura. Era notte ormai. Giunto a destinazione, non ebbe il coraggio di suonare il campanello. Il silenzio della notte lo avvolgeva  e all'improvviso gli sembrò impossibile spezzarlo, come se farlo volesse dire porre fine troppo presto a qualcosa.
Mise il libro che aveva appena acquistato nella buca delle lettere. Poi se ne andò.
Tenne per sé il dono di nozze: capì che non avrebbe saputo separarsene.
La settimana dopo, a notte fonda, Davide era ancora sotto casa di Laura.
Aveva un altro libro con sé: questa volta aveva scelto un romanzo che parlava di dolore, di pentimento, di quello che provava.
Si avvicinò alla cassetta delle lettere, ma questa volta vide che su di essa era stato posato un nuovo volume.
Non era quello che Davide aveva lasciato precedentemente. Era invece un libro che desiderava da lungo tempo, un'edizione fuori stampa, che aveva sempre cercato invano. Era un volume troppo prezioso per essere lasciato fuori al buio, in una notte scura. 
Era un regalo per Davide. 
L'uomo lo prese e lasciò in cambio il proprio romanzo. Quello scambio durò per un paio di mesi, con cadenza settimanale. 
Ma ora Davide aveva capito che era giunto il momento di restituire il dono di nozze di Laura. Per questo, nella notte ventosa, per la prima volta aveva suonato il campanello.
Laura arrivò silenziosa. "Ti aspettavo" disse.
Prese il libro, e aggiunse "Leggiamolo insieme".
Poi, insieme, tornarono in casa.


Su questo racconto, "La notte" di Blue Willow vale il seguente copyright: Tutti i i diritti riservati .

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.