Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« I ferri dell'editore - ...Se nemmeno Shakespeare l... »

Moonrise Kingdom - Film - recensione

Post n°935 pubblicato il 10 Dicembre 2012 da bluewillow
 

"Moonrise Kingdom" è un delicato, poetico, surreale film su un amore adolescenziale che ha il potere di piegare gli eventi in proprio favore, spingendo anche degli adulti appiattiti sulle proprie posizioni ad arrendersi alla sua forza.

La pellicola, diretto da Wes Anderson, è ambientato nel 1965, su un isola del New England, dove due dodicenni Suzy (Kara Hayward) e Sam (Jared Gilman) decidono, per differenti motivi, di fuggire insieme, senza una meta precisa, ma con l'intenzione principale di allontanarsi da un mondo che sembra prestar loro assai poca attenzione.
Sam è un orfano che abbandona il campo scout diretto, con precisione quasi militare, dal capo-scout Ward (Edward Norton) forse perché, dopo aver vissuto sempre in case-famiglia, non ha niente che lo tenga legato ad un posto, mentre Suzy è una adolescente problematica, scossa dal fatto che la madre abbia una relazione clandestina, all'insaputa del padre (Bill Murray) con il capo della polizia capitano Sharp (Bruce Willis), e che per motivi non del tutto chiari perde spesso le staffe, in accessi incontrollabili di rabbia.
La fuga dei due ragazzi getta in subbuglio la famiglia di Suzy e l'intero gruppo di scout, che intraprendono la ricerca dei due fuggitivi.
Attraverso un racconto a flashback apprendiamo di come Suzy e Sam si sono riconosciuti a vista come simili, in un vero e proprio colpo di fulmine, e come abbiano progettato la loro fuga.
Mentre la piccola isola è battuta dalle ricerche, i due ragazzi vivono un piccolo momento di serenità leggendo i libri che riempiono quasi totalmente la valigia di Susy e ballando su una spiaggia.
Riacciuffati, soprattutto grazie agli scout che li hanno scovati, i due giovani Romeo e Giulietta, verranno poi aiutati a fuggire di nuovo proprio da costoro, pentiti per il fatto di aver forse condannato Sam a finire in un orfanotrofio o a subire l'elettroshock, a causa dei suoi comportamenti spesso ribelli.
Il film è realizzato come una specie di fiaba moderna, in una rappresentazione a volte fumettistica, talora umoristica, della realtà, che dà luogo a molti eventi al limite del surreale. Ad esempio l'algida assistente sociale chiamata a portare via Sam, non a caso vestita di un freddo blu, dice di chiamarsi "Servizi Sociali": non è una persona, quanto piuttosto un simbolo; i due ragazzi troveranno perfino un adulto disposto a "sposarli" in via del tutto simbolica.
La fotografia, con colori un po' sbiaditi, tendenti soprattutto all'arancio e al verde, sembra un voluto omaggio ai telefilm per ragazzi anni '60, così come la regia che indugia in riprese lente, nel tentativo di cogliere sfumature dei sentimenti dei personaggi, piuttosto che incentrare tutto solo sui dialoghi.
I protagonisti indiscussi della pellicola sono sicuramente i due giovani e bravissimi protagonisti, mentre il cast di stelle (Norton, Murray e Willis, ma pefino Harvey Keitel fa una breve comparsata) serve da contorno, tuttavia il talentuoso Edward Norton brilla comunque nella sua parte di capo-scout, rendendo molto bene sia l'iniziale rigidità del suo personaggio, sia il suo cedere poi alla commozione nei riguardi della storia di Sam.
Se vi piacciono i film molto differenti dal consueto, Moonrise Kingdom lo è di sicuro: a me ha ricordato un po' l'atmosfera di libri e film sul genere di "Una serie di sfortunati eventi" di Lemony Snicket.
Piccola curiosità: tutti i libri citati nel film sono stati inventati dal regista, così come i passi che ne vengono letti. Wes Anderson ha addirittura chiesto a degli artisti di realizzare delle copertine apposite. Inizialmente Anderson aveva pensato di inserire delle sequenze animate in corrispondenza delle letture fatte da Suzy, ma poi questo materiale è stato utilizzato solo per un video promozionale.
L'origine del titolo "Moonrise Kingdom" (Il regno della luna che sorge) invece dovrebbe essere dovuta al nome che Suzy e Sam danno, nella loro immaginazione, alla spiaggia dove si accampano e dove poi vengono scoperti.


 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.