Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« J. K. Rowling pubblica u...La morte paga doppio - J... »

Vento rosso e altri racconti - Raymond Chandler

Post n°1101 pubblicato il 15 Luglio 2013 da bluewillow
 

Titolo: Vento rosso e altri racconti (Vento Rosso, I ricattatori non sparano, Consegna a Noon Street, Il re in giallo, Le perle sono una seccatura, Aspetterò, La matita) Titoli originali: Red Wind (1938), Blackmailers don't shoot (1933), Noon Street Nemesi (1936),  The King in Yellow (1938), Pearls are a Nuisance (1939), I'll be waiting (1939), The pencil (1958) Autore: Raymond Chandler Traduzione: Sergio Altieri Casa editrice: Feltrinelli pag: 349

vento rosso“Vento Rosso” è una raccolta di sette racconti di Raymond Chandler, l'iconico scrittore di noir, creatore di un intero mondo di riferimenti letterari e  dell'investigatore privato Philip Marlowe, il duro dal cuore tenero interpretato al cinema da Humphrey Bogart. I racconti sono in gran parte stati scritti negli anni '30, ad eccezione di “La matita” (1958), l'unico in cui compaia proprio Marlowe e sono tutti basati sulle investigazioni di qualche “occhio privato”, detective a volte per caso, altre per professione, tutti trascinati in qualche rocambolesca serie di avvenimenti e conflitti a fuoco in seguito all'appello silenzioso o esplicito di qualche fanciulla in difficoltà.
Nel mondo creato da Raymond Chandler tutti sono in qualche modo corrotti, perfino i suoi stessi eroi, eppure in ogni racconto c'è sempre una stilla d'innocenza, di solito rappresentata da una ragazza o da una giovane donna che sta per essere travolta da eventi più grandi di sé.
I detective di Raymond Chandler stimano poco la giustizia, la polizia, a volte perfino il denaro, ma c'è una cosa sola alla quale non resistono e per la quale affronterebbero qualunque cosa: salvare quell'unica porzione di mondo non ancora travolta dal male, preservare i pochi puri che ancora restano, fare in modo che la donna che hanno deciso di salvare si cacci fuori dai guai.
Non per amore, non per ottenere qualcosa in cambio, a volte nemmeno per attrazione, sebbene questa sia sempre latente: gli eroi di Chandler agiscono senza tenere conto di alcun ritorno, ma solo per questo idealizzato senso della giustizia, per il “cavalleresco” piacere, se volete, di essere superiori a tutto, di fare qualcosa che ha una sua bellezza in sé, proprio in una città, Los Angeles, dove nessuno fa niente per niente.
Un'altra caratteristica dei detective di Chandler è quella di capire subito tutto al volo: sono empatici per definizione. Un solo sguardo ad un viso contratto in una smorfia o  ad una espressione accigliata ed una intera storia scorre sotto i loro occhi, ovviamente senza mai sbagliare, tanto che uno dei suoi personaggi può dire: “Conoscevo quell'uomo da una vita ma lo stavo guardando negli occhi solo da cinque minuti”. Questo non toglie che un'altra caratteristica fondamentale sia quella che gli eroi di Chandler non perdono mai il sangue freddo e non cedono mai all'emozione, qualunque cosa accada.
Anche se frequentemente gli investigatori di Chandler finiscono nel bel mezzo di una sparatoria mortale e non mancano mai di portare con sé il proprio “ferro”, in realtà ricorrono malvolentieri alla violenza, ultima ratio in casi di estrema necessità: infatti spesso i loro antagonisti, che ne sono il radicale opposto perché non sanno controllarsi, danno sfogo alla propria emotività e trattano addirittura male le donne (quando Chandler mostra questo di un personaggio, state certi che è un uomo morto), finiscono spesso per spararsi tra loro.
Lo sfondo di tutti i racconti è una Los Angeles dal cuore nero, dove le donne contano davvero poco, soprattutto per la malavita, e dove quindi gli uomini dello scrittore sono in perenne missione di soccorso; un posto dove nessuno crede davvero alla legge o alla giustizia, in cui i mafiosi non vengono mai condannati e le star di Hollywood sono spesso coinvolte in storie losche, magari al solo scopo di farsi pubblicità.
Raymond Chandler è incredibilmente dettagliato nelle descrizioni, che non mancano mai di associare tratti esteriori ed emotivi dei personaggi, ma la sua scrittura rimane sempre agile, scattante, molto legata all'azione e con un grande ricorso al discorso diretto: ha un taglio estremamente cinematografico, in cui è facile immaginare ogni scena.
Tutti i racconti di questa raccolta meritano la lettura, ma ho apprezzato soprattutto “Vento Rosso” che dà il nome alla raccolta, perché mostra in maniera esemplare tutte le caratteristiche del detective  Chandleriano, compreso il fatto di compiere gesti “cavallereschi” e senza scopo, ispirati da qualche vago ideale romantico.
Fra tutti però il mio preferito è “Le perle sono una seccatura”, in cui per una volta Chandler si diverte a creare un detective atipico: uno che non sembra automaticamente avere l'aria del “dritto”, ma esattamente il contrario. Walter Gage è un giovanottone altro un metro e novanta, che parla in maniera forbita ed eccessivamente complicata “nella prosa di Jane Asuten” (sic!), non regge l'alcool e ha l'aria ingenua, che in questo racconto risponde all'appello non di una sconosciuta, ma della propria fidanzata Ellen Macintosh: alla vecchina che cura come infermiera hanno rubato delle perle. Indiziato numero uno è l'autista appena  licenziatosi, Henry, in tutto e per tutto somigliante fisicamente ad Walter, ma dall'apparenza invece del “duro” che conosce i fatti della vita. In questo divertente racconto, in cui Raymond Chandler sembra giocare con i propri stessi cliché, tutte le apparenze verranno ribaltate e Walter Gage dimostrerà di essere, per quanto detective per caso, un osso duro degno di Marlowe: ricordatevi che i detective di Chandler sanno sempre il fatto loro e capiscono tutto “al volo”! Se poi ci aggiungete che Walter parla un po' come Jane Austen, beh non devo aggiungere altro: se avete un po' dello spirito dei detective di Chandler, so che ci siamo capiti!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.