Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Il nostro agente all'Av...... »

La leggenda del santo bevitore, Fuga senza fine - Joseph Roth

Post n°545 pubblicato il 27 Gennaio 2010 da bluewillow
 

Titolo: La leggenda del santo bevitore - Fuga senza fine  Titoli originali: Die Legende vom heiligen Trinker; Die Flucht ohne Ende Autore: Joseph Roth Traduzione: Monica Pesetti, Madeira Giacci Casa editrice: Newton Compton pag: 139 costo: 3,90 euro (acquistato in promozione, il prezzo pieno è 6 euro)

Nel 1939 moriva, a soli quarantaquattro anni, Joseph Roth, scrittore austriaco considerato uno dei principali cantori della decadenza dell'impero austro-ungarico. A 70 anni dalla morte,  il limite legale per la decadenza dei diritti d'autore, le opere di Joseph Roth (da non confondere con l'americano Philip Roth, tuttora vivente) sono liberamente pubblicabili da qualunque editore, col solo ovvio limite di rispettare i diritti morali di proprietà dell'opera ( ovvero, come si direbbe su internet, di rispettare i crediti dell'autore!). Newton Compton ha colto al balzo l'opportunità e ha appena dato alle stampe ben tre libri, che raccolgono nel complesso quattro romanzi di questo scrittore: "La cripta dei cappuccini"e"La marcia di Radetzky", imperniati sulle vicende della famiglia Trotta in due fasi differenti della storia dell'impero, e il volume che raccoglie due scritti brevi, oggetto di questa recensione, "La leggenda del santo bevitore" e "Fuga senza fine". A breve dovrebbe essere pubblicato anche il romanzo "Giobbe".
La vita di Roth fu segnata, durante tutto il suo breve corso,da molte difficoltà, che spinsero l'autore sulla via dell'alcolismo. Mancò nella sua vita la figura del padre, che venne dichiarato pazzo e visse lontano dalla famiglia. Tristemente anche la moglie dell'autore, sei anni dopo il matrimonio, impazzì. A partire dal 1933 l'autore, di origine ebraica per parte di madre, fu costretto a lasciare l'Austria per timore delle persecuzioni naziste.
Al centro delle opere di Roth c'è  spesso un uomo solo, trascinato da eventi così grandi rispetto alle risorse del singolo, da lasciare i protagonsiti come sotto shock, stupefatti, quasi incapaci di reagire. I personaggi di Roth non possono opporsi al ritmo frenetico della Storia che li travolge e che finisce per influenzare non solo il destino delle masse, ma ancor più quello dell'individuo. Una barriera di solitudine, impenetrabile, sembra circondare i protagonisti di questo autore, un muro innalzato dalla incomunicabilità di sentimenti che sembrano sempre così poco in sintonia con il resto di un universo in cambiamento, dominato da ideologie ciniche e spersonalizzanti. I protagonisti di Roth sono "fermi" rispetto alla Storia e sembrano lanciare di tanto in tanto deboli S.O.S, non tanto per essere salvati, perché per esserlo dovrebbero rinunciare ad essere ciò che sono, ma solo per cercare un affinità, un simile, qualcuno che raccolga quel timido tentativo di stabilre un contatto con altri in grado di capire senza giudicare, senza tentare di cambiare quello che sono diventati, persone magari che hanno deciso di "fermarsi", di non seguire più gli eventi.

"La leggenda del santo bevitore", scritto profeticamente nel 1939, anno della morte dell'autore, è un brevissimo racconto,con molti elementi autobiografici, ambientato a Parigi,che ha per protagonista Andreas,un esule austriaco alcolizzato (come era lo stesso Roth), finito a vivere per strada dopo essere uscito di prigione, per aver ucciso il marito violento della donna che amava. L'uomo sembra ormai totalmente indifferente al degrado della propria vita e non v'è traccia alcuna nel suo cuore della passione precedente. Ancora una volta, un  uomo che ha rinunciato a lottare, che ha deciso di fermarsi. Un giorno, un misterioso benefattore regala duecento franchi all'uomo, chiedendogli in cambio solo di restituirli, se mai le sue condizioni miglioreranno e ne avrà l'occasione, a Santa Thérése (Thérese de Lisieux, detta anche Santa Teresa del Gesù Bambino, morta a ventiquattro anni e patrona di Francia), la cui statua si trova nella chiesa di St. Marie de Batignolle. Dal momento in cui riceve il denaro Andreas sembra "perseguitato" dalla fortuna e ha più volte l'occasione di resistutire il denaro, ma qualche evento imprevisto fa sempre in modo che non ci riesca. Andreas si sente profondamente in debito con Thérèse, a cui sente di dovere la propria buona sorte.Il finale rappresenta benissimo la psicologia dei personaggi dei libri di Roth: in cerca di un contatto umano, di un segno di vicinanza, l'uomo verrà infine travolto dall'illusione, frutto dell'alcool, che la piccola santa l'abbia degnato dell'onore di cercarlo personalmente.

 In"Fuga senza fine" (del 1927) , Joseph Roth finge di raccontare una storia vera (e che in parte lo è davvero, per gli spunti autobiografici), tratta dalle memorie di un amico: Franz Tunda, un tenente dell'esercito austriaco che nel 1916 finisce prigioniero dell'armata russa. Come un moderno Ulisse, Tunda impiega molti anni prima di riuscire a tornare in patria, costruendosi una vita alternativa in Russia, dove partecipa anche alla rivoluzione, cercando esteriormente di adeguarsi ai nuovi canoni di vita imposti dal regime, ma totalmente incapace in realtà di accettare un totale cambiamento del proprio sistema di pensiero. Il mito della patria perduta sembra sempre aleggiare nella mente di Tunda, portandolo infine alla fuga dalla Russia. Il ritorno in Austria è però profondamente deludente: l'impero è ormai un mondo perduto e la fuga di Tunda, dall'indifferenza e dalla solitudine, è destinata a non finire mai. Il romanzo finisce in maniera quasi tronca, con un Tunda che, giunto a Parigi, medita sulla propria condizione:

"In quell'ora il mio amico Tunda, trentadue anni, fresco e in salute, uomo giovane e forte, dai molti talenti, si trovava sulla piazza della Madeleine, al centro della capitale del mondo e non sapeva cosa doveva fare. Non aveva lavoro, non aveva amore, non aveva desiderio, non aveva speranza, non aveva ambizione e nemmeno egoismo.
Così superfluo come lui non c'era nessuno al mondo".

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 226
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.