Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Non è un paese per vecch...Rivoluzionario! »

Sherlock Holmes - Film in dvd

Sherlock Holmes, nato dallo penna di sir Arthur Conan Doyle nel 1887, è forse l'investigatore privato più celebre della storia della letteratura, sempre seguito  dal fedele compagno d'avventure, coinquilino e cronista dott. Watson che, nei libri e nei racconti, è la voce narrante delle prodezze dell'amico.
 Alto, allampanato, incredibilmente sicuro di sé, tanto da rasentare, e di buon grado, superbia e snobismo,  Holmes è il prototipo dell'uomo che ama usare il cervello, piuttosto che i muscoli e lanciare battute pungenti piuttosto che roteare pugni . Conan Doyle attribuisce al suo eroe un certo grado di atleticicità, ma la forza bruta scende in campo solo in casi estremi. Non che Sherlock Holmes  sia privo di debolezze e difetti: si allena a sparare in casa, ma è per migliorare la mira in caso di necessità, suona il violino in maniera pessima, ma lo aiuta a concentrarsi sui casi, infine, difetto imperdonabile e cosa ignota a  molti, ogni tanto il buon Holmes si droga con la morfina, suscitando il biasimo di Watson, ma solo quando si annoia terribilmente. La chiave della magia di Sherlock Holmes sta in questo: sembra che faccia veramente  di tutto per risultare antipatico, ma chiunque legga delle sue avventure finisce, come Watson che le racconta, per ammirarlo.

Nel suo "Sherlock Holmes" il regista britannico Guy Ritchie, crea un personaggio completamente differente dai canoni sia letterari che cinematografici, preferendo una versione muscolare e fumettistica  a quella tradizionale. Non per niente la sceneggiatura è stata tratta da un fumetto di Lionel Wigram e non dai libri originali, quindi l'episodio raccontato in quello che sembra essere il primo capitolo di una saga hollywoodiana, non è mai stato scritto da Conan Doyle.
Anche l'attore scelto per interpretare il ruolo di Holmes, Robert Downey Jr., è ben lontano dai canoni fisici che il ruolo richiederebbe: basso e tondetto, con un forte accento americano (se l'ascoltate nella versione originale) e un modo di muoversi energico e nervoso sarebbe davvero difficile vederlo nel ruolo dello snob freddo e distaccato. Infatti lo Sherlock Holmes di Downey Jr. è, esattamente all'opposto, estremamente emotivo, incline a menar le mani e, cosa che non accadrebbe mai e poi mai al misogino Holmes, piuttosto debole nei confronti del fascino femminile, tanto da venire sedotto, e coinvolto in una serie di guai, dalla bella ladra Irene Adler (Rachel "Mean girls" Adams).
Se la fedeltà al personaggio di Holmes è assai scarsa, è invece molto maggiore quella nel rappresentare il dott. Watson, interpretato in questo caso da Jude Law. Solitamente Watson viene raffigurato come un uomo di mezza età, non molto atletico. Eppure Conan Doyle, ce lo descrive, nelle sue prime avventure, come un ex-militare di ritorno dall'India, dove ha dato prova di sé in battaglia, ritornando infatti ferito. Watson   ben presto si innamora e sposa  Mary Morstan,   ragazza apparsa ne "Il segno dei quattro". Quindi, per un certo periodo almeno, visto che le avventure di Sherlock Holmes vennero pubblicate in un arco di tempo molto lungo,  il dott. Watson è un uomo giovane, e forse persino belloccio. La scelta di Jude Law, che nel film è proprio sul punto di sposarsi, è quindi compatibile con la sua descrizione letteraria.
Ad essere invece piuttosto incompatibile è la sceneggiatura, ricca di scene d'azione, scazzottate e fughe rocambolesche e pericolose, ma nel quale Holmes sembra dimostrare un talento molto maggiore nell'attaccar briga, persino con la fidanzata di Watson  di cui è geloso (cosa che nel libro sarebbe imperdonabile, vista che Holmes è uno snob di squisita cortesia), piuttosto che nel risolvere il mistero in cui è finito.
Il film si apre con la cattura di Lord Blackwood (Mark Strong), un feroce assassino che verrà poi condannato all'impiccagione. Il criminale, che vanta di possedere poteri magici, profetizza che risorgerà e tornerà a vendicarsi. Infatti, dopo un certo tempo, la sua tomba verrà trovata vuota e una serie di crimini verrà commessa a Londra. Sherlock e Watson indagano sul mistero meno misterioso della storia del cinema, per distrarci dal quale Guy Ritchie sfoggia un intero repertorio di gag e scene d'azione, in una Londra ricostruita con grande attenzione al dettaglio scenografico.
Se la sceneggiatura è  assai esile, invece regia, fotografia, costumi e scenografia sono davvero molto buone, con una ricchezza grafica sorprendente che è un peccato vedere sprecata per una trama tanto banale.
In definitiva una pellicola d'azione che non entusiasmerà di sicuro i fan storici di Sherlock Holmes, ma non del tutto disprezzabile, a patto di sapere fin dall'inizio che questo film è tutto, meno che un giallo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 226
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.