Un blog creato da acquadolcebg il 28/12/2008

SAGGEZZA INDIANA

Indiani D'America

 
 
 
 
 
 

FRASE 1

Lungo il cammino delle vostra vita fate in modo di non privare gli altri della felicità. Evitate di dare dispiaceri ai vostri simili ma, al contrario, vedete di procurare loro gioia ogni volta che potete!
( Sioux )

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

I MIEI LINK PREFERITI

 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 22
 
 
 
 
 
 
 

YEHA NOHA

ASCOLTATELO...GUARDATELO...

 
 
 
 
 
 
 

O GRANDE SPIRITO...

O GRANDE SPIRITO....ASCOLTAMI,  HO BISOGNO DI TE' ! ... PER L'ANNO NUOVO NON VOGLIO NULLA. NON VOGLIO ESSERE NULLA DI PIU' DI QUELLO CHE SONO,  E NON VOGLIO AVERE NULLA DI PIU' DI QUELLO CHE HO.    ... CHIEDO SOLO FORZA... LA TUA FORZA, PER POTER DONARE UN SORRISO HA CHI E' PIU' IN DIFFICOLTA' E PIU'  "SFORTUNATO" DI ME' COSI CHE CON IL SORRISO POSSA PORTARE PACE CONFORTO E GIOIA A TUTTI COLORO CHE NE HANNO BISOGNO.  Gio.
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« LE QUATTRO STREGHE (Navajo)Indiano »

Tribu'

Post n°47 pubblicato il 31 Maggio 2009 da acquadolcebg

Alcune tribù dei Nativi Americani

ALGONCHINI
Gli algonchini (o Algonkini) sono con tutta probabilita’ il piu’ grande gruppo di tribu’ linguisticamente imparentate tra di loro nel Nord America. Distribuiti sull’intero continente dall’Atlantico alle Montagne Rocciose, essi includono gli Algonchini di Ottawa propriamente detti,gli Cheyenne, gli Arapaho, gli Ojibway,i Sac e Fox,i Pottawatomi, gli Illinois,i Miami,i Kickapoo ed i Shawnee.Tuttavia, quando si dice che la leggenda indiana e’ d’origine algonchina, generalmente si vuol significare che proviene da una tribu’ della Costa orientale, come sono ad esempio i pequod, i Mohegan, i Delaware, gli Abnaki od i Micmac.

SIOUX y1ppzvltzalipxjhf4rujb5pp2
La nazione Sioux e' composta da tre etnie, la Lakota o Teton-Wan, la Dakota e la Nakota. I Lakota o Teton-Wan sono le sette tribu' Sioux piu' occidentali tra tutte quelle che abitano all'al di la' del Missouri; essi si chiamano Ikche-Wichasha, i Veri Esseri Umani Naturali. Le Sette Tribu', o cheti Shakowin (Sette Fuochi d'Accampamento), che compongono il gruppo Lakota sono la Hunkpapa, gli Oglala, i Minneconjou, i Brule' (conosciuti pure come Sichangu o Burned Tights), gli Ooenunpa o Two Kettles, gli Itazipcho o No Bows e gli Sihasapa o Blackfeet, da non confondee con gli Algonchini Blackfeet (Siksika) del Montana. Gli strenui cavalieri e cacciatori di buffali Lakota sono Indiani delle Pianure per eccellenza, i Cavalieri Rossi della Prateria, il popolo di Nuvola Rossa, Toro Seduto e Cavallo Pazzo. La loro fu la cultura nomade del tipi e del travois, in un primo momento attaccata al cane ed in seguito al cavallo. Adorano Wakan Tanka - Tunkashila, lo spirito antenato - pregano con la pipa sacra, e vanno alla ricerca di una visione, comportante un digiuno di quattro giorni e quattro notti e praticano tuttora l'autotortura (per perforazione) durante la danza del sole, il piu' solenne di tutti i rituali delle Pianure. La Native American Church, conosciuta anche come Peyote Cult, rappresenta un'interessante sintesi del simbolismo e delle credenze cristiane con i rituali e le pratiche religiose degli indiani d'America. Il peyote è ritenuto una pianta sacra ed è usato dagli indiani d'America per comunicare con la divinità. I riti peyote, sono praticati principalmente dalle tribù sioux e navajo. Durante i primi contatti, i Lakota furono in relazioni amichevoli con i Bianchi, ma quando furono costretti a difendere i loro antichi territori di caccia li combattereno strenuamente. I sioux combatterono al fianco degli inglesi durante la guerra d’Indipendenza americana e nella guerra del 1812. Successivi trattati con gli Stati Uniti confermarono il controllo Sioux su un vasto territorio che comprendeva gran parte degli attuali Minnesota, North e South Dakota, Wisconsin, Iowa, Missouri e Wyoming. Parte di questo territorio fu successivamente venduto agli Stati Uniti. La pressione dei coloni generò tuttavia ripetuti conflitti, che culminarono nella guerra di Nuvola Rossa (1866-67), così chiamata dal nome di un capo sioux. La firma del trattato garantiva ai Sioux il possesso perpetuo delle Black Hills, ma la violazione del trattato da parte del governo federale in seguito alla scoperta di giacimenti d’oro e miniere portò a una guerra che vide l’uccisione del generale Custer e dei suoi 300 soldati a Little Bighorn (1876), a opera del capo Sioux Toro Seduto e dei suoi guerrieri. Il massacro di oltre 200 uomini, donne e bambini Sioux perpetrato dai soldati americani, che avevano una schiacciante superiorita' numerica e cannoni a ripetizione nel 1890 a Wounded Knee piegò la resistenza indiana.
 
CHEROKEE
Il nome Cherokee deriva probabilmente da chiluk-ki, una parola Choctaw che significava Popolo delle Ceverne. I Cherokee sono una delle cosi’ dette Cinque tribu’ Civilizzate una locuzione che ricorre per la prima volta nel 1876 nei rapporti dell’Ufficio Indiano. Queste tribu’ avevvano un loro governo costituzionale, sul tipo di quello degli Stati Uniti, le cui spese erano sostenute per mezzo di fondi comuni. I Cherokee furono anche agricoltori, seguendo in cio’ il costume dei loro vicini bianchi. Abbondanza e terre fertile furono la rovina dei Cherokee. Ai tempi della politica del “Trasferimento Indiano” di Andrew Jackson e Van Buren, le truppe comandate dal generale Winfield Scott scacciarono gli Indiani dalle loro terre ancestrali per consentire ai coloni bianchi di occuparle. Un terzo dei deportati peri’ durante la marcia di trasferimento verso i cosiddetti Territosi Indiani, situati ad ovest del Mississipi, ed oggi ricordata come l’infame Sentiero delle Lacrime. Gran parte dei Cherokee vive oggi in Oklahoma e di essi solo un piccolo numero riusci’ in seguito a stabilirsi in territori piu’ vicini ai luoghi d’origine. La loro popolazione ammonta aggi a circa 7.000 individui, che vivono nei circa 56.000 acri della Riserva Cherokee del Nord Carolina.
 
NEZ PERCES
I Nez Perces (dal francese “nasi forati”) devono questo nome alla loro abitudine di portare un pezzo di conchiglia di dentalio infilato nel setto nasale. Appartenevano alla cultura seminomade degli Alpini, ed erravano nell’alta ed arida regione dell’Idaho e nelle regioni orientali dell’Oregon e dello Stato di Washington. Erano noti per il loro acume commerciale, il loro coraggio, la loro generosita’, la loro bravura nell’allevare i famosi cavalli Appaloosa ed i bei canestri intrecciati dalle loro donne. Furono con coerenza amici dei bianchi e pure una grande tribu’ della famiglia linguistica Shahaptin. Le loro dimore tradizionali erano costruite da grandi case comuni, capaci di ospitare parecchie famiglie. Ingiustamente scacciati dalla loro amata Wallowa Valley, combatterono con fierezza ed abilita’ durante la guerra Nez Perces del 1877 sotto la guida del loro grande leader Chief Joseph, che si guadagno’ l’ammirazione persino dei nemici per il coraggio e l’umanita’ con cui condusse quella guerra. Oggi i circa 1.500 membri della tribu’ vivono sugli 88.000 a Lapwai, Idaho
 
IROCHESI
Il nome Irochesi, che significa “vere vipere”, e’ di origine algonchina. Gli Irochesi si riferiscono a se stessi come a Noi Che Appartengono Alla Tenda Estesa. Non sono affatto un gruppo tribale, ma un’alleanza di tribu’ che dominava la vasta aera che si estende dalla Costa Atlantica al Lago Erie, e dall’Ontario sino al loro lega fu costituita intorno al 1570 per gli sforzi di Hiawatha, un Mohawk (che non deve essere confuso con l’eroe romantico Longfellow), e del suo discepolo Dekanawida, un hurone di nascita. L’originaria confederazione delle Cinque Nazioni fu composta dai Mohawk, Oneida, Cayuga e Seneca, tribu’ che prima di allora erano state in guerra tra loro. La lega formo’ una repubblica tribale con consigli composti da delegati liberamente eletti. I capi erano eletti su designazione delle matrone della tribu’ ed agivano con il consenso e la cooperazione delle donne in eta’, di procreare.
 
CHEYENNE
Il nome forse deriva dal termine "Sha-hi'-ye-na" che in lingua Lakota significa "Popolo che parla una lingua strana". Loro invece preferivano chiamarsi "Dzi'tsiis-tas", cioè "La Gente che è Uguale". Di lingua algonchina, agricoltori ed artigiani, un tempo vivevano nella zona dei Grandi Laghi (Minnesota), ma si dovettero spostare verso le Pianure in seguito alla pressione dei Lakota e degli Ojibway. Vivenano nei Wigwam, capanne fatte di pali piantai nel terreno e incurvati alle sommità e legati fra loro, ricoperte con erba secca e fango e rivestite dicon corteccia e canne intrecciate. In estate, durante il periodo della caccia, invece conducevano vita da nomadi e le loro abitazioni erano delle semplici tende ricoperte di pelli e trasportate dai cani, animali molto vicini a questa popolazione. Agli inizi del secolo scorso, dopo altri trasferimenti ancora più ad occidente, conobbero il cavallo. E' così cambiata radicalmente la loro organizzazione socio-economica; divennero nomadi delle Pianure e sopravvivevano con la caccia al bisonte, vivendo nei tipici Tepee (le classiche tende coniche). Divennero degli eccellenti cavalieri. Essi si dividevano in due gruppi principali: i Cheyenne settentrionali, influenzati dai costumi e lingua dei Sioux, e quelli meridionali, confinanti con gli Arapaho. I Cheyenne nella loro terra nativa praticavano l'agricoltura,la caccia e la raccolta,ma nelle nuove terre nelle quali si trovarono ad abitare, passarono alla caccia al bufalo e cominciarono a condurre vita nomade.I Cheyenne erano guerrieri (suggestiva e cruenta la loro pratica della danza del sole).Negli anni Cinquanta dell'Ottocento, quando arrivarono in massa i cercatori d'oro,i Cheyenne si videro rubare le loro terre e da allora i conflitti si fecero sempre più aspri, fino a sfociare nel massacro, da parte delle truppe statunitensi,di un gruppo pacifico di uomini,donne e bambini Cheyenne a Sand Creek (Colorado) nel 1864. Nel 1876, gruppi di guerrieri Cheyenne e sioux inflissero una sconfitta al generale George Custer e alle sue truppe nella battaglia di Little Bighorn.I Cheyenne si arresero nel 1877 e furono trasferiti dal governo statunitense nei Territori Indiani (nell'odierno Oklahoma), purtroppo in una zona infestata dalla malaria e altre gravi malattie; guidati dai capi Coltello Spuntato e Piccolo Lupo, una parte della tribù tentò disperatamente un ritorno nei territori d'origine e riuscì ad ottenere il permesso di stabilirsi nel Montana, nella Riserva Cervo Zoppo, mentre la restante parte della tribù rimase invece in Oklahoma.
 
APACHE10
Il nome Apache deriva dalla parola Zuni Apachu, che significa “nemico”. Il nome con il quale si definiscono e’ N’de o Dineh, che vuol dire Uomini. Agli inizi del sedicesimo secolo alcuni gruppi che parlavano la prima lingua Athapaska abbandonarono la loro patria d’origine nel Canada occidentale per emigrare a sud in quei territori che attualmente comprendevano l’Arizona, il New Mexico e l’area dei quattro angoli. Erano divisi in quattro piccole tribu’ e bande che comprendevano i Lipan, gli Jicarilla (termine spagnolo che significa “piccolo canestro” e che si riferiva alle loro coppe per bere intrecciate a spirale), i Chiricahua, i Tonto, i Mescalero e gli Apache White Moutain. Gli Apache erano un popolo nomade e vivevano in ripari di frasche conici (wickiups) ai quali aggiungevano sovente una ramada, quattro pali ritti che sostenevano un tetto di rami. Cacciavano e raccoglievano piante selvatiche, e solo in seguito iniziarono a piantare granturco e meloni. Abitualmente i loro abiti erano di pelle di daino e portavano i capelli lunghi e sciolti, tenuti fermi da una benda allacciata intorno alla testa. Gli uomini indossavano pure un gonnellino aperto sui fianchi. I loro alti mocassini, allacciati sotto le ginocchia, erano una importante parte del loro abbigliamento in un terreno coperto di rovi, boscaglia e cacti, poiche’ erano prevalentemente corridori d’incredibile resistenza piuttosto che cavallerizzi (benche’ avessero ottenuto presto i cavalli e fossero eccellenti Cavalieri). La loro arma principale era l’arco, che avevano usato per molto tempo prima di possedere i fucili. Le donne Apache intrecciavano canestri di eccezionale fattura, alcuni dei quali legati in modo cosi’ ermetico da non lasciar passare tra le sue spirali nemmeno un ago. Portavano i bimbi in culle ad asse, giocavano un ruolo importante negli affari di famiglia e potevano possedere una loro personale proprieta’ e divenire sciamane. Gli Apache Lipan vissero all’inizio in pace con i Bianchi, con i quali erano venuti in contatto nel sedicesimo secolo. Cavalieri nomadi e selvaggi, i Lipan erravano nel Texas occidentale e prevalentemente nel New Mexico ad est del Rio Grande, e con il trascorrere del tempo divennero il flagello dei minatori e dei coloni, particolarmente in Massico. Tra i loro grandi capi vi furono Cochise e Magnus Colorado, e pure Goyathlay, Quello Che Sbadiglia, meglio conosciuto come Geronimo. Gli attacchi degli Apache ai bianchi non erano immotivati, perche’ queste tribu’ furono spesso vittime di tradimenti, patti non rispettati e massacri perpetrati dai Bianche e dai Messicani. Essi non furono domati se non negli anni ’80 del secolo scorso. I Jicarilla, il cui numero oggi ammonta da 1.500 a 2.000 individui, vivono in una riserva di 750.000 acri situata sulle montagne del New Mexico settentrionale. Gli Apache White Mountain (chiamanti pure Sierra Blanca o Coyotero) vivono in Arizona e New Mexico, e tra essi ci sono anche i circa 6.000 individui della Riserva Fort Apache dell’Arizona che si estese su uno spazio di 1.600.000 acri. Nel 1905 soltanto 25 Lipan erano sopravvissuti, e con il tempo furono sistemati nella Riserva Apache Mescalero.

CROW
I Crow erano una tribu' di strenui cavalieri e cacciatori di buffali tipica delle Pianure. Si separarono dalla tribu' Hidatsa intorno alla seconda meta' del diciottesimo secolo: a detta di alcuni, a motivo d'una controversia per della carne di buffalo; secondo altri, quale conseguenza della rivalita' tra duecapi. In seguito i Crow si divisero in due bande: i River Crow ed i Mountain Crow. Un tempo piantatori semisedentari di granturco, che vivevano in capanne di terra e le cui donne praticavano l'arte della ceramica, i Crow erano gia' ritornati un popolo cacciatore nomade quando furono incontrati per la prima volta dai Bianchi. Questo cambiamento fu dovuto probabilmente all'introduzione nella loro cultura dei cavalli e dei fucili, due elementi che rendevano il modo di vita nomade facile e glorioso. Come altri Indiani delle Pianure, vivano in tende che avevano fame di essere le piu' grandi tra quelle di tutte le tribu'. Erano ardenti combattenti ed abili nell'universale sport di rubarsi cavalli tra tribu'. I Crow intrattennero generalmente rapporti amichevoli con i Bianchi e fornirono esploratori all'esercito degli Stati Uniti durante la guerra indiana. Oggi i Crow vivono nella loro riserva del Montana, non lontano dal Campo di Battaglia di Custer.

NAVAHO
I Navaho sono una tribu’ Athapasca che intorno al 1300 emigro’ dal Canada nordoccidentale nei territori del Sudovest. Essi si chiamano Dineh, il Popolo, come fanno i loro cugini da circa 1.500 miglia. Fieri, ricoperti di pelli, cavalieri nomadi, terrorizzarono le tribu’ agricole sedentarie del Sudovest. I Pueblo li chiamavano apachu, che significa “nemici-stranieri”; da questo derivo’ la locuzione mista di tewa e spagnolo “Apaches de Nabahu”, che alla lunga fu contratta in “Navaho”. I Navaho adottarono molte abitudini culturali dei loro vicini Pueblo, come le danze con maschere (yebichai), l’intrecciare canestri e il modellare vasellame. Divennero raffinati ergentieri, avendo quell’arte dagli Spagnoli, proprio allo stesso modo in cui avevano imparato a tessere dai Pueblo. Verso la meta’ del diciannovesimo secolo cominciarono a fare gioielli ed a tessere coperte; le loro semplici coperte dei capi si sono evolute nelle odierne ben note coperte Navaho. Con una popolazione di oltre 130.000 individui, io Navaho sono la piu’ grande tribu’ degli Stati Uniti. La loro riserva si estende per 200 miglia nel New Mexico e nell’Arizona, dalla zona di Gallup sino al Gran Canyon, ed e’ ricca di meraviglie naturali, come il Monument Valley ed il Canyon de Chelly, e di giacimenti di carbone e petroliferi. Ma sul loro territorio si possono anche vedere fattorie e grandi mandrie di pecore, nonche’ qualche mandria di bovini. Si puo’ dire, dunque, che a confronto delle altre la Navaho e’ sicuramente una nazione ricca. Le donne indossano ancora il loro tradizionale costume: camicette di velluto, lunghe gonne colorate che scendono sino alle caviglie e collane di argento e turchese. La loro casa tradizionale e’ l’hogan, una bassa struttura conica di pali ricoperta di terra e fango, con un’apertura per il fumo sulla cima.
 
SENECA
I Seneca, termine che significa Luogo della Pietra, erano una tribu’ che facevano parte della Lega delle Sei Nazioni degli Irochesi. Erano anche conosciuti come il Popolo della Montagna e nella confederazione occupavano la carica di “custodi della grande porta nera”. Il grande profeta e capo religioso irochese Loga Bello era un Seneca. Fuse la tradizionale religione irochese con certi concetti bianchi, insegnando al suo popolo a costruire case simili a quelle degli agricoltori bianchi, a lavorere sodo, ad istruire i bambini e ad astenersi dalle bevande intossicanti dell’uomo bianco. Il codice di Lago Bello e’ tuttora seguito da molta gente del popolo irochese. Originalmente i Seneca vivevano ad ovest del lago Erie e lungo il fiume Allegheny. Credendo che gl’Inglesi li avrabbero protetti dai coloni sempre avidi di terre, si unirono ai Mohawk comandati da Joseph Brant (Thayendanegea) per combattere a fianco degli Inglesi durante la guerra d’Indipendenza. Oggi vivono in vari luoghi del Nordest, incluse le Riserve Allegheny, Cattaraugus e Tonawanda dello Stato di New York. Negli anni ’50 l’Army Corps of Engineers costrui’ la diga di Kinzua, che inondo’ una gran parte della Riserva Senaca dello stesso George Washington, assicurasse gli Indiani che quella terra non sarebbe mai stata loro sottratta.
 
PAPAGO
I Papago - il Popolo dei Fagioli - sono una tribu’ del Sudovest strettamente imparentata con i Pima. Sono probabilmente i discendenti degli antichi Hohokam. I Papago sono un popolo agricolo che irriga inondando. Benche’ frugali e pacifici, essi diventavano violenti se attaccati e si difendevano con risolutezza contro le scorrerrie delle bande degli Apache. Le donne Papago sono rinomate per i loro meravigliosi canestri in fibra di iucca intrecciata. Le loro case tradizionali erano rotonde, a forma di cupola, con la parte alta piatta, con un diametro che variava da 12 a 20 piedi ed alle quali era di norma unito un riparo di frasche (ramada). Attualmente vivono nella quarta parte di una riserva di quasi tre milioni di acri in Arizona, e solo alcuni rami della tribu’ vivono a Sonora, Messico.

SIOUX BRULE'
I Brulé appartengono all'Oceti Shakowin, il consiglio dei sette fuochi della nazione Lakota o Teton-Wan, cioe' le sette tribu' Sioux Occidentali. Il loro nome deriva dalla parola francese brule', "bruciato". I Brule sono un popolo molto tradizionale, che conserva ancora gli antichi costumi e rituali che includono la danza del sole, l'offerta delle carni, la cerimonia della tenda-del-sudore, la ricerca d'una visione e le cosiddette cerimonie yuwipi. Molti Brule appartengono alla Chiesa Nativa Americana, che pratica il culto del peyote. Oggi occupano Rosebud, una grande riserva nella parte sudoccidentale del Sud Dakota.
 
MOHAVE
I Mohave (o Mojave) sono la piu’ numerosa e bellicosa delle tribu’ Yuma, che vivono su entrambe le rive del fiume Colorado. Descritti dai primi viaggiatori di bell’aspetto, atletici e coraggiosi, coltivavano granturco, melopoponi, zucche, fagioli e meloni; raccoglievano pinoli e pescavano. Usavano dipingersi e truccarsi il corpo e cremare i morti. Vivevano in ripari sparpagliati, ciascuno dei quali era formato da quattro bastoni laterali che sostenevano una copertura di frasche e fango, e riponevano le granaglie in strutture cilindriche dal tetto piatto. Sulle prime fecero una buona accoglienza agli Spagnoli, ma quando gli invasori cercarono in seguito di forzarli ad adottare il modo di vita dell’uomo bianco, opposero una fiera resistenza. I Mohave ed i loro cugini Chemehuevi vivono oggi nella Riserva del Fiume Colorado in Arizona, approssimativamente 270.000 acri dove meno di 2.000 persone.
WX-TS-234-01THE WOLF

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 

PROFEZIA CREE

Solo dopo che l'ultimo albero sarà abbattuto, Solo dopo che l'ultimo lago sarà inquinato,Solo dopo che l'ultimo pesce sarà pescato,Voi vi accorgerete,che il denaro non può essere mangiato Profezia Cree

 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Hunkpapa.Siouxmariomancino.msimona19671sskobra2issralessandriacielomarefuocodublin75gsebascuolabassiJokursversushousediotima61sarahlokakristel_cescottodenti.silvia
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

IN QUANTI SIAMO?

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 
 
 
 
 
 
 

UN PENSIERO DA AMICI VERAMENTE SPECIALI

                                   

 
 
 
 
 
 
 

FRASE 2

QUANDO AL MATTINO TI SVEGLI, RINGRAZIA IL TUO DIO PER LA LUCE DELL'AURORA, PER LA VITA CHE TI CHE HA DATO E PER LA FORZA CHE RITROVI NEL TUO CORPO. RINGRAZIA IL TUO DIO ANCHE PER IL CIBO CHE TI DA' E PER LA GIOIA DELLA VITA. SE NON TROVI UN MOTIVO PER ELEVARE UNA PREGHIERA DI RINGRAZIAMENTO, ALLORA VUOL DIRE CHE SEI IN ERRORE (Tecumseh)