Creato da arzakk il 08/10/2008
Racconti erotici di un viaggiatore poco curioso - la lettura, per i contenuti scabrosi ed espliciti è riservata esclusivamente ad un pubblico adulto.

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

kremuzioplax1panteraneralariscosssagredo58cererestudionecruzatrerotolacarminelukas81pippo.nostromonavarro2edicolalatriestinaantoniomazza40Basta_una_scintillapatrizia.cova
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Roberta, bocca di miele ...Jane, bellezza nera - pr... »

Roberta bocca di miele - sesta ed ultima parte

Post n°7 pubblicato il 25 Novembre 2008 da arzakk
 
Foto di arzakk

Amarla ancora, amarla sempre, se per sempre sono solo quelle poche umili ore in cui, soli, rimaniamo nudi nella notte a stringerci e rimanere stretti, ma mai fermi. Fuori dalla finestra semichiusa trapelano i suoni di una notte estiva, senza cani che abbaiano, senza antifurti che suonano inutilmente, senza quelle grida di amanti che possano risuonare tra le mura del cortile. Grida che non siano le nostre, che tratteniamo per pudore, perché il nostro piacere sia solamente ed esclusivamente il nostro, da non condividere con altri, curiosi o amanti delle altrui storie, fuori questa camera in penombra.

Mentre la penetro ancora, senza stancarmi di rigettare in me quello stimolo a farla finita, perché non voglio; spingendomi ancora ad entrare perché è bello osservare i suoi occhi che si chiudono e quando si riaprono mi fissano, forse con amore. È bello ascoltare qui “si! si!...” ritmati da ogni mio piccolo muovermi, ad ogni spinta della schiena. Rigettando fuori l’aria come se le facessi male, risponde ad ogni mio gesto in un modo che mi fa sentire orgoglioso, mi rende felice perché so, spero, che non stia fingendo la passione con la quale mi riceve, con la quale pur sottolineando ogni minima penetrazione, sembra non sia mai sazia di ogni mia spinta che prende maggior forza ad ogni ritmo successivo. Ansima, e cresce nel suo tono che sa essere implorante e deciso, felice ed imbronciato, che le fa corrugare la fronte e volgere la testa all’indietro, come se in uno stimolo muscolare non possa chinarsi ma quasi fuggire dalla stretta in cui la costringo. Apre la bocca che nei suoi gemiti si asciuga, e subito la lingua riesca a riumidire le labbra rosse, che si aprono per richiamarmi a coprirle con le mie, a scontrarmi per lasciarla entrare affinché possa scrutare ancora come alla ricerca di nuove sorprese. Ma non ne trova, ormai è senza segreti per me, a parte nuovi sapori che sembra prendere quando le succhio la lingua o le lecco le guance anch’esse vermiglie, o quando mordo i lobi di orecchie ancora fresche, o quando sprofondo di nuovo con il naso tra i suoi capelli alla ricerca del suo vero odore, quello che non sparisce nel tempo, ma aumenta ad ogni minima stilla di sudore. Il mio sesso brucia proprio là dove lei è più calda, ed il suo calore mi richiama sempre più fino a farmi immaginare un fuoco lì dentro, che attizzo come un mantice o al quale cedo la mia carne combustibile che consuma, ma al contempo si spenge tra i suoi liquidi che sembrano impedire il propagarsi delle fiamme al suo esterno. Le stringo le natiche con forza, e nonostante le mie scarse unghie riesco ad aggrapparmi come un koala ad un tronco e con lo sforzo di una ginnastica dolce mi aiuto a seguire quei ritmi che ormai hanno preso il mio cervello come un mantra di carne e sangue pulsante. La sua pelle non è così calda come altrove, lì dove siede sul legno laccato, dove l’umidità dei suoi pori rende opaca ed appannata la superficie, e dove nonostante tutto vedo lei stessa riflessa nel nero, confusa ma presente. E penso quando all’indomani scoprirò le sue tracce ancora sullo stesso legno, e le annuserò di nascosto come per rendere vivo il ricordo di questi momenti attuali, e forse quelle stesse tracce assaggerò come un cane che si lecchi le ferite, come una zecca che succhi il sangue o che debba vivere del sudore altrui. E mi immagino quei sapori ormai vecchi e freddi, frammisti alla polvere di domani, alle tracce dei giorni passati, trasformati e miscelati, che non mi piaceranno, lo so già, se non come un tratto d’unione tra ciò che feci prima ed il suo ricordo.

E vorrei spremere e lasciar colare in una bottiglia tutto ciò che di lei è liquido profumato, il suo sudore, l’effluvio del suo sesso, le sue lacrime di gioia: per poterne domani e nel futuro aprire il tappo e sorbirne, poggiare il naso e lasciarmi trasportare nel tempo; rivivere con una stilla di quel succo sulla punta della lingua tutti i retrogusti acidi o salati o dolci per inglobarli in me.

Ed è come se questo pensiero mi dia nuova forza, che stranamente non cala, e mi sostiene sempre più sulle mie gambe che non sono ancora stanche, sui miei muscoli che vorrebbero saltare come per trascinarla su di un albero e consumarla la notte stessa. E la sento contrarsi proprio ora che rimango in preda di pensieri animaleschi, pensieri di cui un uomo non deve lasciarsi prendere. Prendo le sue gambe e le metto in spalla, e lei per non cadere all’indietro si stringe a me tenendomi fermo il collo e la schiena. La  schiena che sfioro con forza riporta l’irruenza dei miei assalti, e dei suoni del diaframma che viene compresso. Bacio ancora con una forza che sembra staccarmi la lingua, tanto la voglia inserire nella gola della donna, e l’unione delle bocche come una ventosa sembra essere l’unica forza che ci trattiene uniti. Tutto il resto non conta seppure è proprio ora che lei raggiunge l’orgasmo con un singulto continuo, e scatti e sobbalzi che scatenano in me quelle energie che libero e scateno e riverso in lei con un rantolo. E i nostri sussurri sembrano rimanere confinati nei polmoni e non uscire nelle stanze e dalla casa, concentrarsi nei cervelli ed esplodere in silenzio, anche se avremmo voluto urlare al mondo il nostro piacere e la volontà di lasciare che questo momento possa durare per sempre.

(fine)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog