Creato da Chespu il 22/11/2008
è tanto che aspettavo un'occasione così

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

animafragilexAlika91asseltavincenzodiletta.castelliroxys4allaarcadipsicologiaforensenatynaty84gina83cervelmamaurizio_errigomazzarecakira.dgemini211
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« LA FATA ZUCCHINARATATOUILLE »

DALL'OCEANIA ALLA LOMBARDIA

Post n°137 pubblicato il 30 Luglio 2010 da Chespu

Dopo il completnico della scorsa settimana, dove tra cus cus, insalata greca e riso alla cantonese ha riscosso successo una ricetta dell'oceania nella quale maionese, mango e  gamberi cotti vengono mescolati  in un'unica zuppiera e serviti con olio e limone torno ai cibi lombardi. Complice l'ottimo libro regalatomi da due  amici dal titolo la Paciada. Gli autori sono due miei punti di riferimento  culturali: il gioanbrerafucarlo abile cantore dell'arte pedatoria, ma  soprattutto di quella culinaria e l'anarcolico luigi veronelli. Si racconta la storia di Lombardia  attraverso i prodotti tipici e i piatti (mi perdonerà il sommo se penso ai "Lombardi all'ultima paciada) in quanto mi sento veroapertofintostranochiusoanarchicoverdiano.  Ci sono naturalmente le ricette e oggi  ho deciso di sfidare i caldi agostani cucinando per la Bimba  un risotto giallo al salam d'la duja. Ignoro se si tratti di una ricetta originale, ma in questo momento è in preparazione un brodo a base di bollito servitormi dall'ottimo beccaio Giorgio, patate e cipolle. Provvederò a un soffritto a base di salamino e cipolle ai quali una  volta sentito lo sfrigolio e l'odore che ci riporta alla casa dei nonni aggiungerò sei pugni di riso. Per venti minuti, dopo aver messo il  dado proseguirò aggiungendovi il brodo di  carne e si chiuderà  in bellezza con l'aggiunta di  zafferano diluito  in acqua calda. Il colpo finale è la mantecatura con burro e  una bela furmagiada.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/becksandthecity/trackback.php?msg=9113000

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Chespu
Chespu il 30/07/10 alle 15:25 via WEB
dimenticavo di ringraziare tutti quelli che mi hanno regalto libri e alcolici ma soprattutto Erika (questo il nome della Bimba) e Andrea preziosissime cuoche in cucina, davanti alla cui arte mi sono retrocesso a sguattero e assistente.come dire non un coco un sottococo
(Rispondi)
 
fantedifiori79
fantedifiori79 il 03/08/10 alle 23:59 via WEB
Sapete che vi dico? sarÓ un Ballone. Gli daremo un nome altisonante, che s˛ Guidobaldo, Ernani, Sigismondo....o addirittura Orazio. ps. e che i venti minuti sian venti, no centoventi...
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.