Creato da biangege il 29/12/2009

Bian e Gege

I diari di viaggio di due mototuristi

 

« 28 luglio 2017: addio do...2 agosto 2017: uno spraz... »

30 luglio 2017: Beata Vergine del Monte Bisbino

Post n°203 pubblicato il 31 Luglio 2017 da biangege
 

“Ma che razza di idea...
ma avete mai sentito parlare un motociclista della salita a Monte Bisbino?”


Il rimprovero arriva dalla ventola del radiatore all’ennesimo stop causato da un incrocio tra un’auto che scende e quella che ci precede. La salita di Monte Bisbino, sopra Cernobbio (CO), ha una pendenza quasi costante del 7% (si arriva a 1325 m slm, in totale sono 1100 metri di dislivello in 15 km) e non appare nemmeno panoramica, la strada è stretta e ci sono pochissime possibilità di sorpasso. Ci chiediamo “ma ne varrà la pena di venire qui?”.
Non è questione di distanza: a Cernobbio arriviamo in 40 minuti, ma se non c’è soddisfazione è solo benzina bruciata. Il Bian ha due mezzi ricordi di Monte Bisbino: era sede di un teleposto dell’Aeronautica e avrebbe dovuto accompagnare, anni fa, il suo Generale per un’ispezione che poi non si fece; inoltre tentò di venire qui in moto una quindicina di anni fa desistendo per le pessime condizioni della strada.

Arrivati in cima l'orizzonte è lattiginoso, tutta la pianura Padana è sotto una cappa di vapore. Eh sì, peccato, perché da qui la vista sarebbe spettacolare... ma allora non è proprio un posto da denigrare: Como e Brunate sono lì di fronte; Milano sarebbe laggiù: non è il posto a essere sbagliato, è la giornata. Col sereno sarebbe uno spettacolo.


Una rampa di scale annunciata da una pianta di agrifoglio porta al Santuario e al Ristoro. L’hanno chiamato così, Ristoro e non "ristorante", i quattro giovani che alcuni anni fa l’hanno aperto tentando questa avventura, anche loro chiedendosi talvolta “ma ne varrà la pena?”. Ristoro per le membra, per lo stomaco e per l’anima di chi la vuole affidare all'Eterno. Caffè, acqua minerale e passeggiata intorno all’edificio. Di là, a poche decine di metri, è già Svizzera.


Il santuario è chiuso ma, dalla loggia, una porta conduce direttamente alla sala del Ristoro: chiedere non costa niente… “E’ possibile visitare il Santuario?”  –E’ già chiuso, ma se aspettate qualche minuto ve lo apriamo noi-

Entriamo dalla sacrestia, un tavolo, un camino e una stufa a legna; nella stanzetta dopo, abiti talari; in quella appena prima dell’abside le ampolline e un incensorio.
Sull’altare una bella statua di marmo bianco della Vergine, chi dice attribuita alla scuola di Leonardo e chi risalente solo al 1700. Dietro l’altare una stanzetta piena di ex-voto e, in una nicchia, un’altra bella Madonna con Bambino, chi dice scolpita da un pastore del posto e chi proveniente addirittura dalla Terrasanta. Il Santuario risale al Trecento, originariamente vi era un rifugio per pastori che portavano le greggi al pascolo. Più avanti inizia la devozione, insieme a quella del Santo Crocifisso di Como. La peste del '600 di manzoniana memoria non tocca queste lande mentre MIlano ne è decimata.



I racconti arrivano a un’era più recente, i contrabbandieri che arrivavano dalla Svizzera con le gerle piene di sigarette e le Guardie di Finanza che avevano disseminato il crinale di caserme e garitte. Non solo sigarette però. La pianta di agrifoglio, ben protetta da una rete contro le caprette che se la mangiarono appena piantata, è dedicata ai Giusti Sconosciuti. Lasciò testimonianza un anziano di origine ebrea: “avevo dieci anni, con la famiglia eravamo sfollati a Moltrasio ma girava voce di una retata, così un passatore ci portò a rischio della vita verso la Svizzera passando dalla Madonna del Bisbino, una guarda di frontiera ci vide e non chiuse solo un occhio ma tutti e due: non conoscemmo mai i loro nomi”. Tante storie così. Sul muro del Santuario un’altra targa ricorda sette giovani partigiani qui caduti.

Non solo Santuario: “qui sotto” ci dice l'’improvvisata guida “c’è una rete di gallerie, la vetta era un caposaldo della Linea Cadorna, un’altra volta posso accompagnarvi a vedere le bocche di lupo delle postazioni, sono talmente imboscate che non le trovereste da soli".

Abbiamo ascoltato, noi e una famiglia di tre persone, questi racconti e nel nostro piccolo ne usciamo arricchiti. Il cielo si è fatto nuvoloso, in discesa qui e là qualche sprazzo di lago regala davvero altri bei panorami. Raggiunta Como, in poco più di mezz’ora siamo già in box, e non importa se adesso si scatena il temporale.


LE FOTO

Tutti gli itinerari

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

ULTIMI COMMENTI

L'uomo avrà pure scoperto il fuoco... ma la donna, ha...
Inviato da: cassetta2
il 09/04/2019 alle 14:55
 
Sohbet Chat Sohbet odaları Sohbet siteleri
Inviato da: sohbet
il 22/02/2019 alle 00:36
 
Sohbet Chat Sohbet odaları Sohbet siteleri
Inviato da: serkan balcı
il 16/10/2017 alle 23:37
 
Ciao Giancarlo, complimenti per il vostro progetto. Avrai...
Inviato da: biangege
il 30/08/2017 alle 14:19
 
Ciao, sono un Chiantigiano di 63 anni e motociclista (mai...
Inviato da: Giancarlo Lanterna
il 24/08/2017 alle 09:31
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Coralie.frAdanaibiangegeevi.pizzicassetta2moon_ITheArtIsJapan1apungi1950_2emozionami1960wordnigtacer.250prefazione09falco1941Ciliegiaio
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK