Creato da livieroamispera il 03/04/2013

Bibliofilo arcano

.

 

 

« Leonora della GengaRicciarda de' Selvaggi »

Livia del Chiavello

Post n°66 pubblicato il 28 Luglio 2013 da livieroamispera
 

Concludo con questo post l'esame delle poetesse marchigiane del XIV Secolo. Di Livia del Chiavello http://artflsrv02.uchicago.edu/cgi-bin/philologic/getobject.pl?c.7:2:8.iww la Bergalli riporta due sonetti, corredandoli con la seguente succinta nota biografica:
"Livia del Chiavello così chiamata perche moglie di Chiavello Chiavelli Signor di Fabriano prima Capitano di Filippo Maria Duca di Milano poi Colaterale della Serenissima Repubblica di Venezia ebbe ella vivace spirito, e purgato stile fiorì del 1380. e visse fino 1410. sta sepolta nel luogo della Romita di Fabriano il saggio è tratto dalla Topica di M. Andrea Gilio. pag. 6".

Il primo sonetto è riportato anche dall'antologia dei lirici Le Monnier, citata in calce al post.

Veggio di sangue uman tutte le strade

Veggio di sangue uman tutte le strade
D' Italia piene, il qual per tutto corre;
E disdegnoso, e reo Marte discorre,
Lanze porgendo ognor saette, e spade.

Quindi convien, che in lungo esilio vade,
Fuggendo Astrea con le compagne a porre
L' albergo, onde al gran mal nulla soccorre;
E l' onor prisco, e l' ornamento cade.

Ma se desio di vera gloria accende
L' Italico valor, rivolga l' arme
Contra colui, che il Cristianesmo sface.

Contra sè stesso ogn' un più tosto s' arme;
Perche quel Dio, che in su la Croce pende
Dio di guerra non è, ma Dio di pace.


Rivolgo gl' occhi spesse volte in alto

Rivolgo gl' occhi spesse volte in alto,
A mirar l' ornamento delle stelle;
E veggio cose sì leggiadre, e belle,
Che per novo stupor divengo smalto.

Indi qua giù velocemente salto,
E scelgo le più degne, e veggio, ch' elle
Non son lor pari; ond' io bramando quelle,
Torno di novo al Ciel con leggier salto.

Ma quì fatto più audace il gran desio,
Ch' entro m' accende, alteramente poggia
A Dio; ed altro pensiero non m' ingombra.

Poi grido al fin: se tal bellezza alloggia
Nel Cielo, or qual sarà quella di Dio,
Appresso al qual' è questo Cielo un' ombra?

"Scelta di poesie liriche, dal primo secolo della lingua fino al 1700" (Felice Le Monnier e Compagni, Firenze, 1839), pag. 151
"Componimenti poetici delle piu illustri rimatrici d'ogni secolo" ... parte prima, che contiene le rimatrici antiche fino all'anno 1575

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

francesca3286flodimosasson1948bobb11pavone68fondacodeimoriLudwig.hoferchiararossaniprova33mizzega63maiorana.salvatoremikfimarco.contisaitelescuiaalessioscavofe
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.