Creato da bjsasha il 27/05/2008

Blog Jockey Sasha

Coming soon...

AREA PERSONALE

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Venere_o8lisa.dagli_occhi_blunodopurpureowoodenshipbjsashaelektraforliving1963misteropaganoDarkene.a.ColazionebluaquilegiaPerturbabiIelucy.mauro2009felicia.bruscinoAlessandroCarnieldipiti
 

TAG

 

I MIEI LINK PREFERITI

 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIMI COMMENTI

Già..., da gustare con un "rosso antico" ...te lo...
Inviato da: bjsasha
il 15/07/2010 alle 23:11
 
è sempre un piacere leggerti anche se il post è un pò...
Inviato da: senzaruoli
il 11/07/2010 alle 06:55
 
Un trip. Life on Mars....per poi finire sul cominciare con...
Inviato da: RIDESMOBABY
il 24/05/2010 alle 13:13
 
Ti riferisci certamente a Bowie... ..."what...
Inviato da: bjsasha
il 19/03/2010 alle 01:06
 
Magnificenza
Inviato da: lumoody
il 18/03/2010 alle 23:30
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

DIVENTA FAN

 

2010, le mie riflessioni...

Post n°3 pubblicato il 11 Gennaio 2010 da bjsasha
 
Foto di bjsasha

Il nuovo anno è appena iniziato e io colgo l'occasione per azzardare delle considerazioni/previsioni in forza di alcune mie aspettative che, però, sono suffragate da studi e interessi che mi mettono in condizione di elaborare e valutare dati più o meno oggettivi. Questo è un post a blog unificati, leggi anche le riflessioni collegate, ...un parere da "economista" e ...un parere da "astrologo"

...un parere da “sociologo”


“Almanacchi, per l'anno nuovo? - Sì, signore.
Credete che sarà felice quest'anno nuovo? - Oh, illustrissimo, sì, certo.
Come quest'anno passato? - Più, più assai!”

In questa riflessione sul 2010, sono quasi tentato di riprendere il Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere, con cui Leopardi vuol demistificare la speranza nella vita ancora da vivere, speranza che rinasce col finire del calendario.
Ma Leopardi rifletteva le “chiusure ironiche e polemiche” della sua concezione pessimistica, dirà il filosofo; ma la società industriale non era ancora nata, dirà il sociologo.

Cosa dobbiamo attenderci, allora, dall'anno nuovo?
Analisi della congiuntura e un certo sentimento del tempo mi spingono ad avere fiducia. Il 2010 dovrebbe vedere la fine di quel periodo di riflessione, di confronto e  conflitto di prospettive che negli ultimi due anni ha quasi raggelato dall'interno le varie tendenze, già vittoriose, dello sviluppo economico e civile e dell'ottimismo. Un nuovo equilibrio di valori e di metodi presiederà, penso, alla ripresa di più intense relazioni sociali, politiche, morali e culturali.

Questo, azzardo, il segno nuovo del 2010. Ma non mi attendo sbalzi netti. Ad esempio, poiché la delittuosità aumenta nei periodi caratterizzati da rapidi mutamenti, è prevedibile che non avremo a soffrire di accentuate spinte delittuose: anche per una sempre più diffusa integrazione dei giovani nella società moderna. Dalle aree ai margini della modernizzazione nuovi strati popolari accederanno a consumi, a beni e spettacoli tecnologici e di massa (auto, elettrodomestici, webTV, DVD, MP3, ecc. spettacoli sportivi e realTV); e per contro crescerà, in altri gruppi e strati, la propensione allo spettacolo dal vivo (il teatro), alla pratica artistica dilettantesca e a quella sportiva non agonistica, alla comunicazione diretta, alla lettura.
Sintomi di reazione alla tecnologia e alla meccanizzazione congestionante se ne sono già avuti: qualche altra città vincolerà il proprio centro storico o destinerà nuovi centri e aree ad esclusivo uso pedonale.

Il ritorno a un'abitazione familiare non estraniata dall'ambiente naturale stimolerà urbanisti e costruttori a cercare nuove vie all'espansione delle maggiori metropoli. Il 2010 vedrà anche una più generale attenzione al rinnovamento educativo, soprattutto universitario. La scienza organizzata percorrerà altre tappe verso la propria autonomia produttiva. La crescita della società italiana secondo queste tendenze deve però fare i conti con le vicende internazionali.
Un anno di pace e di ordinato sviluppo democratico è nei voti di tutti gli uomini di buon volere. A questi, e non all'improbabile caso cui s'affida il “passeggere” leopardiano, è affidata la mia speranza.

Leggi i post unificati in forma di book

 
 
 

Un sogno ad occhi aperti dell'era lunare [david bowie - moonage daydream]

Post n°2 pubblicato il 26 Maggio 2009 da bjsasha
 

 

The church of man, love
Is such a holy place to be

"La chiesa dell’uomo, amore
È un posto così sacro in cui stare...
"
[D.Bowie]

 

"Quando l'Agnello aprì  il quarto sigillo, udii la voce del quarto Vivente che diceva:
"Vieni!". Ed ecco, mi apparve un cavallo verdastro. Colui che lo calvalcava si chiamava Morte e gli veniva dietro l'Inferno. Fu dato loro potere sulla quarta parte della terra per sterminare con la spada, con la fame, con la peste e con le fiere della terra".

Termina così uno dei passi più celebri dell'Apocalisse, che sta alla base di innumerevoli rappresentazioni iconiche e, ancor più profondamente, del nostro immaginario. Sarà dunque alla luce di questa terribile pagina, dell'ultimo tra i libri canonici della Bibbia, che il mio Romanticismo ripensa (o ripesca) e rivive i terrori dell'anno Mille...???

Mah...!!

 

Make me baby, make me know you really care
Make me jump into the air

"Fammi baby, fammi sapere che ti importa davvero
Fammi impazzire di piacere...
"
[continua Bowie...]

...& come dare torto al Duca Bianco?



.

 
 
 

Eccomi...

Post n°1 pubblicato il 24 Aprile 2009 da bjsasha
 
Foto di bjsasha

Grazie per essere passati di qua... :)) in questi giorni mi sono finalmente deciso a sistemare il mio profilo in community e il relativo blog. Questo fine settimana cercherò anche di riempirlo un po' di più.   E in effetti qualche novità ce l'ho... ;)

Ciao a tutti, a presto... 

[passerò a leggervi anch'io]