Creato da rainbow_86 il 16/04/2009

VV.F

IL MONDO DEI VIGILI DEL FUOCO

 

TI VOGLIO TANTISSIMO BENE...   
 GRAZIE PER ESSERE
SEMPRE PRESENTE
QUANDO HO BISOGNO

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

« Prato: si ribalta ferroc...Attrezzature: Le scale, ... »

Equipaggiamento: Divisa, Stivaletto anfibio, Elmo VFR 2000, Guanti

Post n°28 pubblicato il 24 Giugno 2009 da rainbow_86

DIVISA

Scopo principale del completo di protezione dal calore "nuova foggia" è quello di proteggere il corpo di chi lo indossa (con l'esclusione delle mani e dei piedi) dalle lesioni e dai danni che possono essere provocati durante l'attività operativa da brevi contatti con fiamme libere ed effetti del calore.

Secondariamente esso protegge anche da:

  • Azioni di corpi laceranti.
  • Schizzi di sostanze liquide aggressive e/o di agenti estinguenti (schiume, acqua).
  • Agenti atmosferici (pioggia, freddo). Polveri nocive (particolati, polveri estinguenti).

STIVALETO ANFIBIO

Sono una calzatura di sicurezza conforme alla norma EN 345/2, classificata come "Stivale al ginocchio per rischi della lotta all'incendio". Loro scopo fondamentale è quello di proteggere i piedi e le gambe dell'utilizzatore dalle lesioni o dai danni che possono essere provocati durante l'attività operativa.

Secondariamente, essi proteggono di fatto anche da:

  • Azioni di corpi o strutture abradenti e/o laceranti.
  • Insudiciamento con idrocarburi.

ELMO VFR 2000

Le principali caratteristiche tecniche del VFR 2000 sono: Calotta esterna realizzata in Kevlar, fibre composite e speciali resine di alta tecnologia per assorbire e ripartire maggiormente l'energia impressa dall'urto affinchè non venga trasmessa integralmente ed in modo violento alla testa ed al collo dell'utilizzatore.

Per maggior protezione la calotta è dotata di nervature di rinforzo con bordi arrotondati sia longitudinalmente sia trasversalmente. I materiali utilizzati garantiscono anche un perfetto isolamento tra l'esterno dell'elmo ed il capo dell'utilizzatore. Controcalotta interna di rinforzo realizzata in EPS a struttura cellulare chiusa.

La sua particolare forma aderisce perfettamente alla calotta esterna in modo da dissipare ed assorbire su una superficie, la più ampia possibile, l'energia trasmessa dagli urti. I materiali utilizzati assicurano un ottimo isolamento termico del capo.

L'elmo è dotato di due visiere estraibili:

Visiera trasparente a scomparsa realizzata in policarbonato antigraffio, antiappannante, autoestinguente e resistente al calore. Schermo riflettente a scomparsa realizzato in policarbonato trasparente, autoestinguente, con successivo trattamento antigraffio e di metallizzazione.

Sistema di innesto rapido per maschere a pieno facciale e autoprotettori a due punti; Sistema di ritenzione con sottogola a regolazione ed aggancio/sgancio rapidi. Questo particolare sistema è studiato appositamente per non arrecare disagio all'utilizzatore quando utilizza maschere o autoprotettori.

Sistema di regolazione taglie rapido per misure dalla 52 alla 64; Comfort interno a sospensione realizzato in coolmax Dupont TM; Predisposizione per l'utilizzo di sistemi di radiocomunicazione, dispositivi di illuminazione e dispositivi per la protezione del collo e delle spalle.

Tutti i componenti costitutivi dell'elmo sono completamente rimovibili per le operazioni di pulizia e sostituibili.

GUANTI

I guanti da intervento sono un dispositivo di protezione delle mani conforme alla norma EN 659, classificato come "Guanti di protezione per VV.F.", con lo scopo principale di proteggere le mani di chi li indossa dalle lesioni e dai danni che possono essere provocati durante l'attività operativa da:

  • Brevi contatti con fiamme.
  • Effetti del calore.
  • Abrasione, taglio, lacerazione e perforazione.

Secondariamente, proteggono anche da brevi contatti con le comuni sostanze chimiche aggressive liquide e da investimento accidentale da parte dei veicoli in condizioni di scarsa visibilità.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog