Creato da blogtecaolivelli il 04/03/2012

blogtecaolivelli

blog informazione e cultura della biblioteca Olivelli

 

Messaggi del 24/06/2020

Ultime notizie di Voltumna..

Post n°3130 pubblicato il 24 Giugno 2020 da blogtecaolivelli

Fonte: articolo riportato dall'Internet

30 NOVEMBRE 2014

ARCHEOLOGIAhttp://www.adnkronos.com

TROVATA AD ORVIETO LA TESTA DEL DIO DEGLI

ETRUSCHI

Trovata la testa del Dio degli Etruschi, Voltumna, il

capo delle divinità dell'antico popolo.

Nuovi eccezionali ritrovamenti archeologici a Orvieto

nell'area del Fanum Voltumnae, il grande e mitico

santuario federale degli Etruschi risalente al VI secolo

avanti Cristo.

Alla luce anche il tempio principale e la strada sacra.

Ne da notizia la direttrice degli scavi, l'archeologa Simonetta

Stopponi dell'Università di Perugia, alla vigilia della

conferenza che terrà domani a Carmignano (Prato)

nell'ambito del ciclo sui "Grandi santuari del mondo antico"

(ore 21, palazzo Comunale) organizzato dal Museo

etrusco di Artimino.

Insieme a un tempio di grandi dimensioni, probabilmente

il principale del Fanum, è venuta alla luce una splendida

testa maschile in terracotta in origine policroma, a

grandezza naturale e su base dello stesso materiale, che

secondo i primi accertamenti potrebbe identificarsi proprio

con Voltumna, divinità suprema del pantheon etrusco.

Scoperto inoltre un tratto della via sacra che conduceva al

tempio.

"La testa è molto bella e ben conservata - spiega la

professoressa Stopponi - Un ritrovamento importante così come

quello del tempio che misura 12 metri per 18.

Finora non sono state rintracciate iscrizioni, ma stiamo ancora

scavando e contiamo di trovare presto altro eccellente materiale.

Sarà invece problematico far riaffiorare l'intera strada sacra.

Sul percorso si trova infatti una villa privata la cui costruzione

ha certo compromesso l'integrità della zona".

Il Fanum Voltumnae si trova come noto in località Campo della

Fiera, l'area pianeggiante a ovest del pianoro di tufo su cui sorge

Orvieto.

Il nome deriva dall'essere stata sede di fiere e mercati periodici

per secoli, epoca romana compresa, fino al 1384, l'anno della

micidiale peste nera che spopolò città e campagne.

Nel 1876 i primi scavi archeologici restituirono resti di strutture

murarie in tufo e furono recuperate pregevoli terrecotte architet-

toniche oggi al Pergamon Museum di Berlino.

Nel Duemila le indagini sono riprese anche sulla spinta di studi

più recenti secondo i quali il mitico Fanum Voltumnae, massimo

santuario del popolo etrusco, doveva trovarsi proprio a Campo

della Fiera.

Inutilmente cercato fin dal Quattrocento, il Fanum era il luogo

delle riunioni annuali dei rappresentanti della lega delle dodici

città etrusche.

Lo storico romano Tito Livio ricorda appunto che nell'occasione,

alle cerimonie religiose si accompagnavano fiere, mercati, spettacoli

teatrali e giochi solenni.

Doveva trattarsi perciò di un'area molto vasta, capace di ospitare

tutte le delegazioni e accogliere così tante manifestazioni diverse.

Le ultime scoperte nell'area archeologica non si limitano tuttavia

al periodo etrusco.

In queste settimane, ricorda la professoressa Stopponi che in

conferenza fornirà ampi dettagli, sono state scoperte le vestigia

di un enorme edificio, lungo circa 30 metri, probabilmente il

refettorio con relativo chiostro della chiesa medievale di San

Pietro in Vetere.

Gli scavi in Campo della Fiera sono a cura dell'Università di

Perugia su concessione ministeriale e vengono finanziati dalla

Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto.

 
 
 

Notizie dall'Himalaya...

Post n°3129 pubblicato il 24 Giugno 2020 da blogtecaolivelli

Fonte: articolo riportato dall'Internet

30 NOVEMBRE 2014MISTEROhttp://

www.ilnavigatorecurioso.it

IL MISTERO DELLE TORRI SEGRETE DELL'HIMALAYA

FOTOGALLERY

tempo di lettura previsto 4 min. circa

Le Torri dell'Himalaya (note anche come Torri di pietra a

forma di stella) sono una serie di torri situate per lo più

in Kham, una provincia antica del Tibet, e in Sichuan, Cina.

Le torri possono trovarsi sia in prossimità dei centri abitati

che nelle regioni disabitate.

La pianta di molte di queste strutture, che possono superare

i 60 metri d'altezza, è a forma di stella, oppure avere un

perimetro rigorosamente rettangolare. Chi le ha costruite?

Quando? E soprattutto, perché?

Nel 1982, l'esploratore francese Michel Peissel era impegnato

in una spedizione in Tibet, quando notò per la prima volta una

serie di alte e misteriose torri di pietra a forma di stella che

puntellavano le valli himalayane lungo il confine cinese.

Purtroppo, Peissel fu costretto ad interrompere la sua spedizione

a causa di un incidente che gli provocò la frattura di entrambe

le gambe, impedendogli di approfondire la sua scoperta.

Molti anni più tardi, nel 1998, un'amica di Peissel, Frederique

Darragon era in procinto di recarsi in Tibet per una ricerca sul

leopardo delle nevi. Peissel le disse di essere sicuro di aver

visto le torri, chiedendole di confermare la sua scoperta.

Frederique seguì le indicazioni di Peissel, riuscendo a trovare

le torri e rimanendo così affascinata da queste che decise di

abbandonare il progetto sul leopardo delle nevi per concentrarsi

esclusivamente sulle torri. Il suo obiettivo era chiaro: tracciare

tutte le torri della regione e scoprire la loro storia.

Come racconta The Wall Street Journal, la Darragon trascorse

diversi mesi all'anno viaggiando in solitaria attraverso la Cina,

spesso a piedi e in zone che ancora oggi sono raramente

visitate dagli occidentali.

Dopo tre anni di ricerche, finalmente la Darragon individuò

le prime torri, mentre si trovava nei pressi di Danba.

"Quando ho capito che né gli occidentali né i cinesi avevano

studiato le torri e che praticamente non si sapeva nulla di esse,

non ho potuto resistere e ho cominciato a cercare di risolvere

il loro mistero", scrive l'esploratrice in un resoconto pubblicato

sul Journal of Cambridge Studies nel 2009.

Un avvincente documentario trasmesso da Discovery Channel,

diretto e narrato da Micheal Peissel, mostra tutto ciò che la

ricerca della Darragon ha portato alla luce.

Le torri, straordinarie per la loro architettura e il loro impatto

sul paesaggio himalayano, sono alte in alcuni casi più di 60

metri e sono state costruite tra i 600 e i 1000 anni fa.

Alcune di esse sono state inglobate in villaggi contadini;

altre, invece si trovano in luoghi isolati anche a 3 mila metri

di altitudine.

Alcune torri sono state attualmente convertite in ricoveri per

yak e pony, ma la maggior parte di esse è rimasta vuota.

Le torri punteggiano quattro regioni (Qiangtang, Gyalrong,

Miniak e Kongpo), coprendo un'area complessiva simile al

Texas.

Le domande che assillano i ricercatori sono almeno due:

chi le ha costruite e qual era il loro scopo originario?

Peissel e Darragon hanno cercato di dare sisposta a queste

domande sfuggenti, ma il problema principale è che mancano

fonti scritte.

Infatti, le tribù che hanno vissuto nella regione per secoli

parlano dialetti diversi e non hanno lingue scritte.

"La gente di una valle non è in grado di comunicare con

le persone della valle vicina!", spiega la Darragon.

Tuttavia, nel corso dello studio, la Darragon ha fatto diverse

scoperte sorprendenti.

Alcune delle torri sono alte come i moderni edifici di 15 piani

e sono in grado di resistere a violenti terremoti grazie alla

loro particolare pianta a forma di stella, un dispositivo antisismico

emulato anche dagli abitanti del posto per costruire le loro case.

Inoltre, l'esploratrice ha scoperto che molti dei villaggi in cui si

trovano le torri portano gli stessi nomi dei 18 regno descritti in

alcune leggende ancestrali del luogo.

Comunque, il materiale storico e tradizionale è davvero esiguo

per avanzare ipotesi sul loro scopo originario.

Darragon, con l'aiuto di altri ricercatori, ha istituito una fondazione

in Cina con lo scopo di raccogliere fondi per lo studio delle torri.

Inoltre, sta lavorando perché questi monumenti possano essere

inseriti nel Patrimonio Mondiale dell'Unesco.

"Le torri sono l'unica prova dell'esistenza di culture raffinate in

queste terre molto lontane, e sono destinate a diventare

un'attrazione turistica", dice la Darragon.

"Ma abbiamo bisogno di proteggerle in modo che la gente del

posto ne possa beneficiare". D'altronde, le torri potrebbero

essere ancora in piedi tra 1000 anni...

 
 
 

Le ultime news della scienza..

Post n°3128 pubblicato il 24 Giugno 2020 da blogtecaolivelli

Fonte: articolo riportato dall'Internet

Nel campo magnetico c'è il "seme" che ha

consentito la comparsa di gran parte delle piante

e dei fiori oggi presenti sulla Terra: a ogni sua

variazione sensibile, infatti, ha corrisposto la comparsa

di nuove specie.

È la scoperta realizzata da Massimo Maffei dell'Università

di Torino e pubblicata su "Frontiers of Plant Science".

Maffei, con Angelo De Santis dell'Istituto Nazionale di

Geofisica e Vulcanologia, ha dimostrato che, in concomitanza

con le fasi di inversione dei poli magnetici, si sono verificati

processi evolutivi specifici.

Quello del campo è un fenomeno complesso: non è costante

né uniforme nello spazio, ma con inversioni dei poli che si

verificano periodicamente ogni 300 mila anni.

Protegge la Terra dal vento solare - le particelle cariche provenienti

dalla nostra stella - ma il suo ruolo a favore della vita non si

esaurisce qui.

Influenza, infatti, il mondo vegetale in due modi.

In primo luogo alterando il Dna: durante le inversioni di polarità

tutte le forme di vita sono esposte a una più intensa radiazione

cosmica, capaci di produrre mutazioni genetiche che sono la

base per l'emergere e la selezione di nuove specie.

In secondo luogo, le piante, più che gli animali, sembrano

essere ipersensibili alle variazioni del campo magnetico,

perché dotate di sistemi di "magnetopercezione": sono quelli

che trasmettono i segnali al Dna, inducendo l'attivazione di

numerosi geni e causando cambiamenti nei processi di

accrescimento.

Questi possono alterare i cicli biologici, modificando per

esempio le fioriture.

Il tutto, a sua volta, ha forti ripercussioni sugli insetti impol-

linatori e quindi sui frutti che la pianta produce e, da ultimo,

sulla forza di resistere alle pressioni della selezione naturale.

Lo stress così ingenerato fa sì che solo le specie più forti -

dotate di mutazioni vantaggiose - diventino quelle

dominanti.

"Abbiamo analizzato i dati sulle variazioni del campo tra 86

e 276, 5 milioni di anni fa - spiega Maffei - e li abbiamo

incrociati con quelli sull'origine di nuove piante.

Risultato: esiste una chiara correlazione tra i due

fenomeni".

 
 
 

I misteri dell'archeologia...

Post n°3127 pubblicato il 24 Giugno 2020 da blogtecaolivelli

Fonte: articolo riportato dall'Internet

30 NOVEMBRE 2014

MISTEROilfattostorico.com

TRAPPOLE PER DEMONI SCOPERTE IN INGHILTERRA

Durante alcuni lavori di restauro, diversi segni contro

la stregoneria sono stati scoperti in una stanza costruita

per ospitare l'allora re d'Inghilterra Giacomo I, nella

residenza di Knole House, in Inghilterra.

I simboli erano stati incisi nei mesi successivi alla Congiura

delle polveri, un fallito complotto progettato da un gruppo

di cattolici inglesi contro il re protestante.

Le incisioni avrebbero dovuto tenere lontano gli spiriti malefici;

sono stati datati con la dendrocronologia all'inizio del 1606.

Il tentativo di assassinio del re suscitò un grande scalpore nel

paese.

Avvenuto in seguito a decenni di sconvolgimenti religiosi,

fece moltiplicare le accuse di stregoneria e forze demoniache.

La pratica di incidere linee intersecanti e simboli era considerata

una forma di 'trappola per i demoni': avrebbe allontanato gli

spiriti malefici e prevenuto possessioni demoniache.

Un tale comportamento mostra quanta paura governasse le vite

di tutti i giorni delle persone all'inizio del XVII secolo.

Giacomo I si interessava personalmente alla stregoneria e ai

demoni.

Fece passare una legge al riguardo nel 1604, che rendeva la

stregoneria un reato punibile con la morte.

Scrisse anche un trattato, Demonologia, a supporto della caccia

alle streghe.

I segni sono stati scoperti inaspettatamente dagli archeologi del

MOLA (Museum of London Archaeology) che stavano esplorando

Knole durante un progetto di conservazione di cinque anni.

I segni includono disegni a scacchiera e reti. Si trovavano su

alcune travi, su alcune assi di legno sotto il pavimento e intorno

al caminetto.

La stanza è una delle centinaia del grande complesso di Knole,

e i segni sono rimasti nascosti per secoli.

La dendrocronologia ha datato il legname all'inverno del

1605-06.

Ma siccome il legno venne posato mentre la quercia era ancora

verde - e quindi malleabile - il suo impiego nella costruzione

avvenne durante la primavera o estate del 1606.

"La datazione di questi segni apotropaici, così prossimi alla

Congiura delle polveri, li rende una scoperta rara se non unica",

spiega l'archeologo James Wright.

"Usare l'archeologia per comprendere meglio le paure latenti

dell'uomo comune, accresciute in seguito al complotto, è molto

eccitante".

Ironicamente, lo scopo dei segni non venne mai realizzato.

Thomas Sackville, Lord Tesoriere di Giacomo I, aveva cominciato

il restauro a Knole per la prossima visita del re.

Ma la morte di Sackville nel 1608 avvenne prima del completa-

mento del lavoro, e l'importanza minore di suo figlio alla corte

significarono che Giacomo I non visitò mai Knole.

Le ricerche per scoprire altri segreti a Knole continueranno

fino al 2018.

"È un'opportunità unica per svelare la storia di una delle più grandi

case del paese, dalle travi del soffitto fino alle assi del pavimento",

dice l'archeologa Nathalie Cohen.

 CONDIVIDI: Facebook Google Yahoo Twitter MySpace

TAG: ArcheologiaRestauri

 
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sncomvalerio.palma7maiadenalexander976derosagiuseppeugoangels.jferrullifustiicavallidirosssgm2007gblogtecaolivellivigi74ellistar2012agiroma.rigcalonico
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova