Creato da ChampagneSupernova84 il 10/01/2008

L'isola che non c'è

:-)

 

 

Non lo perdonerò mai...

Post n°40 pubblicato il 25 Settembre 2009 da ChampagneSupernova84

 

Trattieniti
tieni duro
non aver paura
non potrai mai cambiare quel che è stato e che non c'è più
Che il tuo sorriso (che il tuo sorriso)
possa risplendere (possa risplendere)
non aver paura (non aver paura) / il tuo destino ti potrà tenere al caldo
Perché tutte le stelle
stanno sbiadendo
cerca solo di non preoccuparti
un giorno le vedrai
prendi quello che ti serve
e continua per la tua strada
e smetti di piangere a dirotto

Alzati (alzati)
forza (forza)
perché hai paura? (Non ho paura)
non potrai mai cambiare
quel che è stato e che non c'è più.
Perché tutte le stelle
stanno sbiadendo
cerca solo di non preoccuparti
un giorno le vedrai
prendi quello che ti serve
e continua per la tua strada
e smetti di piangere a dirotto

Tutti noi siamo stelle
stiamo sbiadendo
cerca solo di non preoccuparti
un giorno ci vedrai
prendi solo quello che ti serve
e continua per la tua strada
e smetti di piangere a dirotto
smetti di piangere a dirotto
smetti di piangere a dirotto.

 
 
 

L'amicizia

Post n°39 pubblicato il 22 Settembre 2009 da ChampagneSupernova84

Pensavo di avere un amico, ma mi sbagliavo.

Questa è la vera amicizia.....

 

 
 
 

Post N° 38

Post n°38 pubblicato il 10 Dicembre 2008 da ChampagneSupernova84

Da una canzone degli Oasis...

"Wake up the dawn and ask her why a dreamer dreams she never dies". ("Sveglia l'alba e chiedile perchè un sognatore sogna e lei non muore mai")

Come la interpretate?




 
 
 

Post n°37 pubblicato il 07 Novembre 2008 da ChampagneSupernova84
YES, WE CAN!!!

Barack Obama






Le parole della canzone sono di Barack Obama: il brano ricalca
pari pari il discorso del candidato democratico alla Casa Bianca dopo
le primarie in New Hampshire.
 
 
 

....

Post n°36 pubblicato il 19 Ottobre 2008 da ChampagneSupernova84


 


 
 
 

Post n°35 pubblicato il 10 Ottobre 2008 da ChampagneSupernova84
"Manuale per scalare le montagne " di Paulo Coelho


A]
Scegli la montagna che desideri scalare: non lasciarti trascinare dai
commenti degli altri, che dicono “quella è più bella”, o “questa è più
facile”. Spenderai molta energia e molto entusiasmo per raggiungere il
tuo obiettivo, quindi l’unico responsabile sei tu, e devi essere sicuro
di ciò che fai.
B] Sappi come
arrivare davanti alla montagna: molte volte, si vede la montagna da
lontano – è bella, interessante, piena di sfide. Ma che succede quando
tentiamo di arrivarci? Le strade le girano intorno, ci sono foreste fra
te e il tuo obiettivo, quello che sulla mappa appare chiaro, nella vita
reale è difficile. Quindi, tenta tutte le strade e tutti i sentieri,
fino a che un giorno ti troverai davanti alla vetta che intendi
raggiungere.
C] Apprendi da
chi ha già fatto quel percorso: per quanto tu ti ritenga unico, c’è
sempre qualcuno che ha avuto lo stesso sogno prima e ha finito per
lasciare alcuni segnali che possono facilitarti nel cammino: luoghi
dove legare la corda, viottoli, rami spezzati che facilitano la marcia.
La camminata appartiene a te, e anche la responsabilità, ma non
dimenticare che l’esperienza altrui è di grande aiuto.
D]
I pericoli, visti da vicino, sono controllabili: quando cominci a
salire sulla montagna dei tuoi sogni, presta attenzione all’ambiente
circostante. Ci sono precipizi, è ovvio. Ci sono crepe quasi
impercettibili. Ci sono rocce talmente levigate dalle tempeste che con
il ghiaccio diventano scivolose. Ma se ogni volta saprai dove stai
mettendo il piede, noterai le trappole e saprai aggirarle.
E]
Il paesaggio cambia, quindi goditelo: sicuramente è necessario avere un
obiettivo in mente, cioè arrivare alla cima. Ma, via via che si sale,
si possono vedere altre cose, e non costa niente fermarsi di tanto in
tanto e godersi un po’ il panorama circostante. Ad ogni metro
conquistato, puoi vedere un po’ più lontano, e dunque approfittane per
scoprire cose di cui non ti eri accorto.
F] Rispetta
il tuo corpo: soltanto chi dà al corpo l’attenzione che esso merita
riesce a scalare una montagna. Tu disponi di tutto il tempo che la vita
ti dà, quindi cammina senza pretendere ciò che non può essere dato. Se
procederai troppo in fretta, ti stancherai e rinuncerai a metà. Se
procederai troppo lentamente, potrebbe calare la notte e tu sarai
perduto. Goditi il paesaggio, approfitta dell’acqua delle sorgenti e
dei frutti che la natura ti dà generosamente, ma continua a camminare.
G]
Rispetta la tua anima: non continuare a ripeterti “ce la farò”. La tua
anima lo sa, ciò di cui ha bisogno è usare la lunga camminata per poter
crescere, estendersi sull’orizzonte e raggiungere il cielo. Una
ossessione non è di alcun aiuto nel perseguimento dell’obiettivo e
finisce per annullare il piacere della scalata. Ma attenzione: non
continuare neppure a ripeterti “è più difficile di quanto pensassi”,
perché questo ti farà perdere la forza interiore.
H]
Preparati a percorrere un chilometro in più: il percorso fino alla cima
della montagna è sempre maggiore di quanto tu pensi. Non sbagliarti,
arriva sempre il momento in cui ciò che sembrava vicino è ancora molto
lontano. Ma se sarai preparato ad andare oltre, questo non costituirà
un problema.
I] Gioisci quando
arrivi sulla sommità: piangi, batti le mani, urla ai quattro venti che
ce l’hai fatta, lascia che il vento lassù in cima (perché lassù in cima
è sempre ventoso) purifichi la tua mente, rinfreschi i tuoi piedi
sudati e stanchi, ti apra gli occhi, ripulisca il tuo cuore dalla
polvere. Che bello, ciò che prima era solo un sogno, un panorama
lontano, ora fa parte della tua vita, ce l’hai fatta.
J]
Fai una promessa: approfitta del fatto di avere scoperto una forza di
cui ignoravi l’esistenza per dire a te stesso che, d’ora in poi, la
userai per il resto dei tuoi giorni. Preferibilmente, prometti anche di
scoprire un’altra montagna e di partire per una nuova avventura.
L]
Racconta la tua storia: sì, racconta la tua storia. Dai il tuo esempio.
Di’ a tutti che è possibile, e altri avranno il coraggio di affrontare
le proprie montagne.
 
 
 

Stop and think !

Post n°34 pubblicato il 07 Ottobre 2008 da ChampagneSupernova84

 
 



Un professore, davanti
alla sua classe di filosofia, senza dire parola, prende un barattolo
grande e vuoto di maionese e procede a riempirlo con delle palle da
golf. Dopo chiede agli studenti se il barattolo è pieno.


Gli studenti sono
d'accordo e dicono di sì. Allora il professore prende una scatola piena
di palline di vetro e la versa dentro il barattolo di maionese.


Le palline di vetro riempiono gli spazi vuoti tra le palle da golf.



Il professore chiede di nuovo agli studenti se il barattolo è pieno e loro rispondono di nuovo di sì.



Il professore prende una scatola di sabbia e la versa dentro il barattolo.


Ovviamente la sabbia
riempie tutti gli spazi vuoti e il professore chiede ancora se il
barattolo è pieno. Questa volta gli studenti rispondono con un sì
unanime.



Il professore,
velocemente, aggiunge due tazze di caffè al contenuto del barattolo ed
effettivamente riempie tutti gli spazi vuoti tra la sabbia.



Gli studenti si mettono a ridere in questa occasione.



Quando la risata
finisce il professore dice: "Voglio che vi rendiate conto che questo
barattolo rappresenta la vita. Le palle da golf sono le cose importanti
come la famiglia, i figli, la salute, gli amici, l'amore; le cose che
ci appassionano. Sono cose che, anche se perdessimo tutto e ci
restassero solo quelle, le nostre vite sarebbero ancora piene.



Le palline di vetro sono le altre cose che ci importano, come il lavoro, la casa, la macchina, ecc.



La sabbia è tutto il resto: le piccole cose.


Se prima di tutto
mettessimo nel barattolo la sabbia, non ci sarebbe posto per le palline
di vetro ne' per le palle da golf. La stessa cosa succede con la vita.


Se utilizziamo tutto il nostro tempo ed energia nelle cose piccole, non avremo mai spazio per le cose realmente importanti.



Fai attenzione alle
cose che sono cruciali per la tua felicità: gioca con i tuoi figli,
prenditi il tempo per andare dal medico, vai con il tuo partner a cena,
pratica il tuo sport o hobby preferito.



Ci sarà sempre tempo per pulire casa, per riparare la chiavetta dell'acqua...



Occupati prima delle palline da golf, delle cose che realmente ti importano. Stabilisci le tue priorità, il resto è solo sabbia.



Uno degli studenti alza la mano e chiede cosa rappresenta il caffè.



Il professore sorride e
dice: "Sono contento che tu mi faccia questa domanda. E' solo per
dimostrarvi che non importa quanto occupata possa sembrare la tua vita,
c'è sempre posto per un paio di tazze di caffè con un amico".

 
 
 

Speriamo...:)

Post n°32 pubblicato il 22 Settembre 2008 da ChampagneSupernova84






“Ti ho cercata in mezzo ai volti che vedevo intorno a me

più credevo di trovarti più eri inafferrabile

ogni tanto m’illudevo fossi veramente tu

e sentivo la tua voce anche se già non c’eri più

 

“Ritornerò, ritornerò”

 

Poi una sera d’estate ho aperto gli occhi ed eri lì

le nostre giovani vite quasi indivisibili

forse è stato il troppo amore o l’incoscienza dell’età

aprendo quella porta hai detto “Tutto si sistemerà”

 

“Ritornerò, ritornerò”

 

Ed il tempo se ne andò con te

tra i rimpianti e le lacrime

e i ricordi e la felicità

a l’Amore che non tornerà

 

che quando si perde è perso ormai

chissà un giorno se mi rivedrai

ti batterà il cuore per un po’

solamente per un attimo

 

Sono stato come un cane, mi sono buttato via

con qualunque umiliazione, anche sotto casa tua

la finestra illuminata, lui che ti stringeva a se

io che avrei voluto urlarti e urlare a tutto il mondo che

 

“Ritornerò, ritornerò”

 

Le stagioni poi passarono

i ricordi se ne andarono

restò solo la malinconia

dell’Amore che è fuggito via

Si asciugarono le lacrime

le fotografie e le lettere

cicatrici dentro all’anima

tanto il male si dimentica

 

Ma poi mi sono svegliato e intorno c’era casa mia

d’improvviso non ho più provato alcuna nostalgia

perchè ho visto la mia vita e le persone accanto a me

l’Amore alla fine ha detto il vero nel promettere

 

“Ritornerò, ritornerò”

 
 
 

Post N° 31

Post n°31 pubblicato il 14 Settembre 2008 da ChampagneSupernova84
 
Foto di ChampagneSupernova84

Grrrrrrrrrrrrrrrrrrrr.........Non avete idea di quanto mi piace.....quello che mi fa incavolare è che non capisco se gli interesso....in più, martedì parte per Siviglia...nove mesi :(:(:(. Prima o poi torna, ma non posso aspettare nove mesi una persona che forse nemmeno è interessata a me! Ma poi come faccio ad essere così affezionata ad una persona che vedo così poco, e che vedo solo in palestra......sono tutta scema.

 
 
 

Post N° 30

Post n°30 pubblicato il 06 Settembre 2008 da ChampagneSupernova84




« Ma
io non posso obbligarvi a lottare! Dovrete guardare il compagno che
avete accanto, guardarlo negli occhi. Io scommetto che ci vedrete un
uomo determinato a guadagnare terreno con voi. Che ci vedrete un uomo
che si sacrificherà volentieri per questa squadra, consapevole del
fatto che quando sarà il momento voi farete lo stesso per lui.

Questo è essere una squadra, signori miei! Perciò... o noi
risorgiamo adesso, come collettivo, o saremo annientati individualmente.>>

 
 
 
Successivi »
 

PETER

Vivere può essere una grandiosa avventura!!!









 

BIMBI SPERDUTI

- I bimbi sperduti,chi sono? -Sono bambini caduti dalle carrozine quando le tate non guardavano! Se non vengono reclamati enro 7 giorni vengono spediti alli'isola che non c'è! -Ma sono tutti maschi? -Sì perchè le femmine sono troppo intelligenti per cadere dalle carrozzine
 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 37
Prov: PA
 

M. ALI VS L. ALI

Quanto mi piace questo video!!!

 
 

SPORT ADIDAS

 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

...

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

unamamma1bal_zacsawie72BabiMimmapiuresy23Pasta83falco58dglcassetta2pulcenelcuorelogictekChampagneSupernova84daunfiorebrunaverdonestage5
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.