Creato da cirl il 10/02/2008
la vita è...
 

Cirl e red cat

 

I miei link preferiti

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 
passaparola
 

Contatta l'autore

Nickname: cirl
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 62
Prov: PR
 

La mia prima passione

 

La seconda passione

 
 

Ultime visite al Blog

cirlles_mots_de_sablemicramaryLACOCCINELLALILLIlucianapirchioalbachiara.bpsicologiaforenseberger.pimpaChiara.7maribonisterra.8sawijladodicesimastregamanunnmolla3
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« da leggere......OSTAGGI DI CADAVERI »

VERO

Post n°15 pubblicato il 25 Giugno 2009 da cirl

Quanto difficile trovare ormai persone vere.
Quelle persone che dicono quel che pensano.
Che fanno quel che sono.
Siam circondati da una rappresentazione immensa,
dove l'io vero,
fatto di emozioni, sensibilità, affetti, passioni... saperi,
è dimenticato, ripiegato
nel bagagliaio o in soffitta...
o peggio, sepolto dimenticato.
Poche le persone vere, ormai rare.
Tutti che rappresentano qualcosa...
di fatto il nulla... in attesa della pensione.
Anche l'imitazione della rappresentazione,
la sua parodia... sì, va bene...
Una gabbia dove stare... per favore!
La libertà, No!...
è da conquistare!
Ma tu chi sei? Gli chiedi.
Non lo sanno
e rimandano al biglietto da visita:
idioti in giacca e cravatta!...
in gonna e t-shirt.
Scoppiati in quantità.
Una stereotipata nullità che dilaga.
Di vero è rimasta la miseria
di una non vita in non luoghi.
E se ti azzardi ad esser vero
sei annullato, emarginato
dalla società del servizio rappresentativo...
disturbi le manovre, risvegli il pensiero.
I poteri forti dilagano,
tengono per i coglioni, se li hanno,
le figurine messe lì, senza autorevolezza,
nella finzione democratica
a servire l'arancida sbobba quotidiana.
Un sistema di matrioske infinito...
la stupidità che inebria
ogni forma di pensiero.
Successo e potere,
l'unica aspirazione...
Come? Non importa!
E lasciano un luogo di
violenza, depressione e prostituzione.

Le parole han perso di senso e significato
riempiono un'aria fetida.
Pollastri e Porchette allo spiedo,
Grigliate miste,
Follie allo sbaraglio.
La vita ridotta a un depravato reality mediatico
noioso e insignificante, ma voluto.
Lo spettacolino
azzera ogni pensiero,
annebbia ogni visione
reprime ogni volo
incoraggia ogni logora tentazione.
L'ambiente un bidone
con spazzatura contaminante.

Tracce di vita, soli sempre...
a camminare sulla spopolata spiaggia,
a guardare il mare;
correre in una deserta carraia,
nel profumo dell'erba tagliata;
salire sui monti,
per ritrovare l'aria smarrita...
e il bacio di un vero amore.
(Parma, 23/06/2009)

Luigi Boschi

www.luigiboschi.it

 
 
 
Vai alla Home Page del blog