Cureprimarie

Considerazioni e riflessioni sulla medicina del territorio

 

ORARI DI AMBULATORIO

Ambulatorio di Flero -Via S.Martino 33

tel. segretaria 0302761962 (8.00-9.45)

-su appuntamento tutti i giorni, tranne il sabato, 8.45-10

-accesso libero: Lun-Merc-Ven 17-19

E-mail: giuseppe.belleri@crs.lombardia.it

Ambulatorio di Fenili Belasi (Capriano d.c.)

Via Chiesa 31

Tutti i giorni, tranne mercoldì e sabato, 10.45-12.15

Su appuntamento dalle 11 alle 11.40

Tel. infermiera 3331790880 (10.30-12)

 

SPAZIO WEB DEDICATO AGLI ASSISTITI DEL SSN

http://digilander.libero.it/bellegi0/

Tel. cellulare 3288337643

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fra.doctorladyred1mauri.laudaliuf.08castolfacoconaamauri.claemilytorn82roelefmapabAntonioAPapagnitrigroambrosiadossi88sali29giorgiagambarelli
 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

 

« La tormentata storia del...Il governo torna alla ca... »

Staffetta generazionale a rischio paternalismo

Post n°74 pubblicato il 27 Giugno 2015 da bellegi0

Il graduale passaggio di consegne tra medici pensionandi e giovani colleghi prospettato dall'Ente pensionistico medico (part time a fine carriera, con dimezzamento del massimale e parziale anticipo della pensione per coprire i mancati compensi, che andrebbero ad un giovane medico da affiancare al massimalista) può forse funzionare sul piano economico, ma non regge su quello deontologico, relazione e della responsabilità professionale (http://www.fimmgroma.org/news/news/italia/9315-enpam-part-time-a-fine-carriera,-ecco-come-sar%C3%A0).

Come può Il medico titolare continuare a gestire formalmente i 1500 assistiti in carico, "subappaltandone" nel contempo la metà ad un giovane "garzone" di bottega, che tra l'altro non è stato formalmente scelto dalla gente. Che fine fanno il rapporto di fiducia tra curante e assistiti e il principio della libera scelta del cittadino? E la responsabilità professionale della gestione della salute della popolazione a chi compete? Con questa soluzione si crea un rapporto ambiguo tra medico pensionando e giovane collega, analogo a quello dell'associazionismo vigente all'inizio degli anni ottanta.

All’indomani del varo della prima riforma sanitaria, la “mitica” 833 del 1978, si pose il problema dei supermassimalisti, ovvero dei mutualisti/ condotti anziani che avevano accumulato fino a 3-4000 assistiti, specie nelle zone rurali meno appetibili. Per convincerli rientrare nel massimale di 1500-1800 scelte, rinunciando agli assistiti in eccesso senza ricorrere alla ricusazione, fu inserito nella convenzione un consistente aumento della quota capitaria in modo da compensare la perdita economica derivante dalla consistente riduzione del numero di “mutuati”.

Onde evitare il trauma della ricusazione per migliaia di “mutuati” in alcune regioni, come la Lombardia, fu escogitato il cosiddetto “associazionismo”, in base al quale l’anziano mutualista veniva affiancato da un giovane medico, scelto a sua discrezione e a prescindere da graduatorie, punteggi di merito etc..., per assistere i pazienti eccedenti il massimale di scelta.  Una pessima soluzione, di stampo clientelare e paternalistico/nepotistico, penalizzante per i medici neo-inseriti in base alla graduatoria convenzionale, che venivano ad essere collocati in ambiti territoriali del tutto virtuali, poiché il rapporto ottimale era falsato dalla presenza dei medici associati, in sovrappiù rispetto alla “pianta organica” ufficiale.

Oggi i giovani medici di allora, passati dall’altra parte della barricata generazionale in posizioni dirigenziali sindacali e nell’ente previdenziale, ripropongono a distanza di 30 anni una formula ambigua per favorire il passaggio di consegne tra generazioni; lo scarsissimo appeal della proposta ENPAM  è testimoniato dalle reazioni dei colleghi usciti dalle scuole di formazione in MG, timorosi di essere ridotti al rango di “portaborse” o addirittura di dover subire una sorta di “caporalato”, senza tutele e regole. Tutto dipenderà dai criteri in base ai quali verrà scelto il giovane medico da “associare” all’anziano professionista. Di sicuro sarà favorevole alla proposta ENPAM la cerchia parentale del medico pensionando, nello spirito del familismo nazionale.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: bellegi0
Data di creazione: 08/09/2012
 

MI PRESENTO....

Sono un medico di Medcina Generale che esercita la professione dal 1981 in un paese alle porte di Brescia in medicina di gruppo. Da anni svolgo anche l'attività di animatore di formazione nei ranghi della SIMG (Societa' Italiana di Medicina Generale), di ricercatore in Medicina Generale (audit, governo clinico, formazione sul campo, ricerche epidemiologiche ed osservazionali) tutor del tirocinio valutativo per l'esame di stato e docente alla scuola di formazione in Medicina Generale di Brescia.

Ho collaborato con le principali riviste Italiane della MG, come Occhio Clinico, Medicinae Doctor e rivista SIMG. Dall'inizio del secolo modero e partecipo alle discussioni pubbliche su Mailing Lista locali (rete UNIRE di Brescia), nazionali e sui gruppi professionali di FaceBook. I miei interessi spaziano dalla metodologia clinica alla psicologia cognitiva, alle medical humanities in generale, con paticolare riferimento alla diagnosi e all'errore in MG.

Sito Web personale: www.giuseppebelleri.it

 

INDIRIZZI SI POSTA ELETTRONICA E NUMERI DI TEL.

-Studio di Flero tel 0302761962

e-mail: giuseppe.belleri@crs.lombardia.it

-Abitazione tel. 0302762039

e-mail: giusbel@teletu.it

-Spazio WEB

http://digilander.libero.it/bellegi0/

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.