Creato da: pettiross il 12/03/2006
tutto cio che mi incuriosisce

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 12
 

Ultime visite al Blog

Clide71bisou_fatalpettirosscassetta2surfinia60SethidarkmoonDolce.Piccantsweetaquariusnoctis_imagorenzom2008s61porrowhiskynsodaunuomoirrequieto.rmsenzarimpianti59manodipietra
 

Ultimi commenti

Chi pu˛ scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« ............................ »

...................

Post n°2372 pubblicato il 20 Gennaio 2024 da pettiross

E' una giornata fredda e ventosa di gennaio, piove , ma è inverno ed è giusto cosi anche se ieri era tutt'altro che freddo. Sono passate le feste con le loro convulsioni e finalmente ho potuto prendere qualche giorno di ferie e riposarmi un po,godendomi buona musica, buoni libri e la compagnia dei miei gatti. Qualche rara telefonata a persone amiche e per il resto come sempre vivo la mia vita cercando nelle cose che amo un rimedio alla solitudine che a volte pesa , ma la mia libertà ha per me un valore profondo che non ho intenzione di mettere in discussione anche se i giorni sono spesso faticosi ,ho fatto una scelta e va bene così nonostante tutto. Ho ascoltato una bella canzone di Bertoli " Chiama piano "una poesia delicata  sembra scritta per le persone come me, anche se io in realtà non saprei chi chiamare.Ho finito di leggere un bel libro della Dandini £ la vasca del Fuher" avevo dei dubbi, me lo ha prestato mia sorella, il titolo mi inquietava un po, ma in realtà è la storia di una donna libera Elisabeth Miller che si allaccia al movimento surrealista e quindi a nomi famosi nell'arte ma anche ad altre donne pioniere della libertà di essere semplicemente se stesse. Un libro da leggere, scritto bene che ti fa camminare per strade di altre città mai viste , nella triste storia della seconda guerra mondiale, tra i giorni di questa donna molto particolare ed insolita per l'epoca di allora , ma forse anche della nostra attuale, visto per come vedo conciate adolescenti e donne di ogni età che tutto mi sembrano fuorchè libere. La libertà è essere se stesse senza uniformarsi a mode, senza voler apparire per forza . Sono felice della mia invisibilità. E poi il mondo continua ad angosciarmi, guerra , guerra e guerra, e troppo spesso si parla di un terzo conflitto mondiale, fa paura . Vorrei godermi qualche anno di pensione prima che l'umanità si autodistrugga.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963