Creato da ericarg il 25/01/2008
by ericablog

FACEBOOK

 
 

Contatta l'autore

Nickname: ericarg
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 65
Prov: EE
 

Tag

 

Ultimi commenti

si, anch'io bevo tè verde e pare sia molto buono! per...
Inviato da: esternoluce
il 14/01/2016 alle 17:01
 
ciao cerco questo libro potreste venderlo? grazie Micaela
Inviato da: Micaela
il 31/08/2015 alle 17:41
 
l'ho letto ed è molto bello
Inviato da: Francesca
il 24/08/2013 alle 14:55
 
Grazzie!
Inviato da: dernières lectures
il 31/07/2013 alle 13:59
 
Pensieri in Libertà
Inviato da: puzzle bubble
il 02/05/2012 alle 23:30
 
 

I miei SITI Preferiti

Il sito di Marbe

Il sito di Caribù

 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

I miei TELEFILM preferiti

 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

COPYRIGHT

© Tutti i post sono proprietà letteraria dell'autrice del blog. E' vietata ogni riproduzione, qualunque sia la forma, se non con il consenso scritto ed esplicito dell'autrice stessa. © Se fossero riscontrati inesattezze, errori o altro nei post del blog, siete cortesemente invitati ad informare ericablog tramite messaggio o email  ; grazie erica

 

Premi Ricevuti

 

Grazie, Osvaldo !

Brillante Weblog, premio per siti e blog che risaltano per la loro brillantezza nei temi e nel design
e con lo scopo di promuovere tra tutti ancora una volta la blogsfera nel mondo.

Grazie, Marbe!

1° PREMIO  CONCORSO The Fastest Reader

 da cenerentola_07 con la seguente motivazione :

un topo di biblioteca,  la sua vita è tra le pagine di qualche libro.

da cenerentola_07 con la seguente motivazione :

 a Erica per il suo altruismo e la sua saggezza.

 

Il mio BLOG è...

 

 

«  “Pearl Harbor”L' Isola Bella »

Il postino spara sempre due volte

Post n°86 pubblicato il 23 Giugno 2008 da ericarg
 

Il postino spara sempre due volte di Bruno Gambarotta ed la Stampa 193 pagine

Il libro,  una storia vera, realmente accaduta a Torino, è magistralmente narrato da Gambarotta.

Mi è piaciuto molto il suo stile narrativo, la tensione che sostiene tutto il suo raccontare un episodio clamoroso come la rapina del secolo avvenuta alle poste di Torino il 26 giugno 1996 e le sue battute ironiche e ciniche , inserite tra parentesi, che rendono speciale questa narrazione dei fatti così come sono avvenuti, riportati e ricostruiti esattamente partendo dalle cronache giornalistiche del quotidiano La Stampa e dalle pagine tratte dalla sentenza del Tribunale di Torino, dopo un altrettanto clamoroso processo


Gli autori della rapina erano gli autisti del furgone postale che sostituirono i sacchi, con i soldi raccolti nei vari uffici postali della città, l'ultimo giorno del pagamento dell'ICI, con dei sacchi pieni di carta di giornali e fumetti tagliati della stessa misura delle lire di allora


I due giovani ideatori del colpo, dongiovanni da strapazzo della provincia piemontese (alessandrina ed astigiana) che cambiavano compagna in continuazione ed erano pieni di debiti, avevano progettato di fuggire in Costa Rica


Ma il caso volle che si servirono della collaborazione e dell'aiuto di un compagno scambista, di Bussoleno, un uomo dalla vita normale e tranquilla con moglie e figlia, e dal suo amico d'infanzia, di Susa, proprietario di una birreria e con un passato un po' meno limpido


I due Valsusini saranno accusati dell'omicidio degli altri due autisti postali, sempliciotti che si erano fidati, ma che trovarono la morte la notte stessa della rapina e furono ammazzati nel camper del compagno di lavoro, irreprensibile e con due lavori addirittura, ( ed un terzo segreto, l'usura, che gli aveva permesso di acquistare un buon numero di appartamenti e case !!!) a colpi di pistola


La ricostruzione perfetta e brillante dell'inchiesta, del ritrovamento dei corpi in un bosco, avvenuto per caso, del lavoro dei giornalisti, dei magistrati, dei poliziotti e degli avvocati difensori, del successivo processo con la descrizione delle vittime, degli assassini e dei loro complici è magistrale


Un libro da leggere tutto d'un fiato, avvincente, piacevole e in alcusi casi anche divertente, nonostante la storia per nulla piacevole di una rapina, di un duplice omicidio e  di tante vite spezzate, in primis quelle dei due assassini, che avevano premeditato l'uccisione dei due ideatori della rapina !


Per me è stato rileggere una storia che ricordavo dalle cronache del quotidiano che leggo sempre, ma anche seguire delle vicende che si erano svolte a Torino, una città dove ho vissuto i miei anni di università, e a Susa, che conosco bene perchè mio papà era nato lì


E con quale meraviglia ho scoperto che uno dei testimoni, che videro un sabato di luglio l'assassino e la sua giovane compagna lavare il camper incriminato come scena del delitto, era una persona che io conoscevo bene: il benzinaio del palazzo di fronte era infatti un  parente, acquisito per aver sposato una delle mie cugine.
Una sorpresa che non mi aspettavo di certo perchè mai avrei pensato che lui conoscesse degli assassini famosi ( ma così strani !!! )

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

In " Non solo Libri ? " ci sono attualmente ...

naviganti !

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

La colomba della Pace

La colomba della pace vola nel web di sito in sito. Qui è passata il 25 gennaio 2008
 

Hanno detto ...

Fanno un deserto e lo chiamano pace Tacito

Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l'arte di vivere come fratelli  Martin Luther King

Per  un istante le nostre vite si sono incontrate... le nostre anime si sono sfiorate  Oscar Wilde

L'uomo saggio capisce quando deve fermarsi  Anonimo

Beati quelli che hanno fame e sete di giustizia Gesù  di Nazareth

Amico è colui che ti permette di scoprire arcipelaghi inesplorati dentro di te

Non cercare di diventare un uomo di successo, ma piuttosto un uomo di valore Einstein

 

Sono nato

non per partecipare

all'odio

 ma per partecipare

all'amore

Sofocle

 

MONACI BIRMANI 2007

 

MONACI TIBETANI 2008

 

Una Poesia di Gianni RODARI

Ci sono cose da fare ogni giorno :

lavarsi, studiare, giocare, preparare la tavola

a mezzogiorno.

Ci sono cose da fare di notte:

chiudere gli occhi, dormire, avere sogni

da sognare, orecchie per sentire.

Ci sono cose da non fare mai, né di giorno

né di notte, né per mare né per terra:

per esempio la guerra.

 

Il mio SITO

   

le bambole, i pupazzi, gli abiti dei peluches 

 in PupazziePensieri

il sito nato dalla mia arte creativa e dalla mia passione per la grafica e la fotografia

 

Pensieri in Libertà

Pensieri in Libertà  è il  blog che scrivo dall'ottobre 2006

Passate anche di lì se vi va ... 

 

Award Amico Blog

 

Arrivederci a presto !

 Vi aspetto per il  prossimo post ;

un caro saluto

erica

 
 

Ultime visite al Blog

aulincpdeu1paola1.amonteverde333iononsonoio3francis62008nicolacatefederica.iaurora.correnteesternolucefabdineanna_rigoniabfishsrlclzgppgiuericarg
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

bannerino