Creato da ericarg il 25/01/2008
by ericablog

FACEBOOK

 
 

Contatta l'autore

Nickname: ericarg
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 65
Prov: EE
 

Tag

 

Ultimi commenti

si, anch'io bevo tè verde e pare sia molto buono! per...
Inviato da: esternoluce
il 14/01/2016 alle 17:01
 
ciao cerco questo libro potreste venderlo? grazie Micaela
Inviato da: Micaela
il 31/08/2015 alle 17:41
 
l'ho letto ed è molto bello
Inviato da: Francesca
il 24/08/2013 alle 14:55
 
Grazzie!
Inviato da: dernières lectures
il 31/07/2013 alle 13:59
 
Pensieri in Libertà
Inviato da: puzzle bubble
il 02/05/2012 alle 23:30
 
 

I miei SITI Preferiti

Il sito di Marbe

Il sito di Caribù

 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

I miei TELEFILM preferiti

 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

COPYRIGHT

© Tutti i post sono proprietà letteraria dell'autrice del blog. E' vietata ogni riproduzione, qualunque sia la forma, se non con il consenso scritto ed esplicito dell'autrice stessa. © Se fossero riscontrati inesattezze, errori o altro nei post del blog, siete cortesemente invitati ad informare ericablog tramite messaggio o email  ; grazie erica

 

Premi Ricevuti

 

Grazie, Osvaldo !

Brillante Weblog, premio per siti e blog che risaltano per la loro brillantezza nei temi e nel design
e con lo scopo di promuovere tra tutti ancora una volta la blogsfera nel mondo.

Grazie, Marbe!

1° PREMIO  CONCORSO The Fastest Reader

 da cenerentola_07 con la seguente motivazione :

un topo di biblioteca,  la sua vita è tra le pagine di qualche libro.

da cenerentola_07 con la seguente motivazione :

 a Erica per il suo altruismo e la sua saggezza.

 

Il mio BLOG è...

 

 

« Gli Italiani son sbadati ???Per Elisa... »

Le donne di Galilei

Post n°228 pubblicato il 24 Giugno 2009 da ericarg
 

 scienziato 

Galileo Galilei, il grande scienziato e filosofo nato a Pisa nel 1564 e morto a Arcetri nel 1642, proprio 4 secoli fa mise a punto il cannocchiale, presentandolo al Doge di Venezia il 25 agosto 1609 come propria invenzione, anche se in realtà era stato costruito in forma più rudimentale pochi anni prima da alcuni artigiani olandesi.
Di lui sappiamo tutto come scienziato, ma la sua vita privata è spesso sconosciuta ai più


Anche se non andarono mai a vivere sotto lo stesso tetto, per dieci anni Marina Gamba fu compagna assidua di GalileoGalilei.

Di lei si conserva un ritratto di Ottavio Leoni  al Louvre . Donna sensuale e dalle forme abbondanti, negli anni felici di Padova gli diede in rapida sequenza le figlie Virginia, “nata di fornicazione” il 13 agosto1600,  e Livia,  il 18 agosto 1601, appena un anno dopo, e infine il figlio Vincenzio, il 14 agosto 1606.

Di questa vicenda si conoscono molti particolari: fu un amore carnale e travolgente, a modo suo fedele, finito con il trasferimento di Galileo da Padova a Firenze nel 1610.

Marina continuerà comunque a ricevere da Galileo, tramite Lorenzo Pignoria, gli alimenti per Vincenzio, fino a quando sarà abbastanza grande per raggiungere il padre nel Granducato di Toscana.

Galileo frequentava con disinvoltura luoghi di piacere e  scrisse il goliardico poemetto “Contro il portar la toga” proprio perché gli dava fastidio essere riconosciuto come professore dell’Università quando faceva le sue scappatelle.

Poco invece si parla dell’ultimo amore di Galileo, quello crepuscolare per Alessandra Bocchineri. Questa tardiva storia d’amore è però ricordata da Paolo Scandaletti, che ha appena ripubblicato,  aggiornata, la  biografia dello scienziato pisano “Galileo privato”, con prefazione di Margherita Hack (Gaspari editore, 236 pagine, euro 14,80).

Alessandra Bocchineri era sorella di Sestilia, moglie di Vincenzio Galilei, il figlio nato da Marina Gamba, che Galileo aveva legalmente riconosciuto, cosa che non fece per le due figlie finite in convento.
La famiglia Bocchineri era originaria di Prato, godeva di mezzi economici e ottima fama. Vincenzio aveva conosciut o Sestilia grazie ai rapporti di amicizia che suo padre Galileo aveva con Geri Bocchineri, fratello di Alessandra e Sestilia, addetto alla segreteria del Granduca diToscana.

Quando, nell’estate del 1630, si innamora di Alessandra, Galileo ha 66 anni e molti acciacchi.
Lei è una bella trentenne ma non le manca l’esperienza: uno dopo l’altro, tre mariti, Nati, Rasi e Buonamici, l’hanno già lasciata vedova, ha frequentato la corte ducale di Mantova, è stata al seguito di Eleonora Gonzaga ed ha vissuto a Vienna.

Abituato ad apprezzare soprattutto la carne, Galileo in Alessandra scopre il fascino dell’intelligenza femminile.
Di lei scrive, dopo ripetuti incontri ad Arcetri:

sì rare si trovano donne che tanto sensatamente discorrino come ella fa”.

L’amore tra il vecchio scienziato e la giovane e raffinata donna di corte è soprattutto intellettuale. Alessandra all’inizio cede al fascino di Galileo, poi saggiamente si ritrae per evitare uno scandalo che sarebbe pericoloso per entrambi.
Ma Galileo insiste nel chiederle incontri:

Né mi opponga rispetto alcuno o sospetto o timore che mi possa per ciò sopraggiungere qualche turbolenza: perché in qualunque senso sia da terze persone ricevuto questo incontro o abboccamento, o sia giocondo o sia discaro, poco m’importa, essendo io assuefatto a soffrire e sostenere come leggerissi mi pesi cariche molto più gravi”.

Alessandra, con Geri e Sestilia, sarà tuttavia vicina a Galileo nei tempi bui del processo per eresia e lo assisterà con affetto assai più dello stesso Vincenzio, che nemmeno risponde ai messaggi del padre. Ad Alessandra, ormai a pochi giorni dalla morte, giorni “lunghissimi per il continuo ozio e brevissimi per la relazione ai mesi e agli anni decorsi, né altro mi resta di consolazione che la memoria delle amicizie passate,de lò le quali poche cose mi restano” , Galileo rivolge il pensiero e porge un invito estremo, che lei respinge con gentile imbarazzo:

Io delle volte tra me medesima vo stipolando in che maniera io potrei fare a trovare la strada innanzi che io morissi a boccarmi con Vostra Signoria e stare un giorno in sua conversazione, senza dare scandalo o gelosia a quelle persone che ci hanno divertito da questa volontà”.

Ed ecco la risposta di Galileo:

un cordialissimo grazie dell’affetto tanto cortese ch’ella dimostra verso la mia persona, e dell’ufficio di condoglienza col quale ella mi visita nelle mie miserie e nelle mie disgrazie. La prego a condonare questa mia non volontaria brevità e le bacio con affetto cordialissimo le mani”.

E’ il Natale del 1641, l’ultimo di Galileo,che morirà l’8 gennaio, quindici giorni dopo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

In " Non solo Libri ? " ci sono attualmente ...

naviganti !

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

La colomba della Pace

La colomba della pace vola nel web di sito in sito. Qui è passata il 25 gennaio 2008
 

Hanno detto ...

Fanno un deserto e lo chiamano pace Tacito

Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l'arte di vivere come fratelli  Martin Luther King

Per  un istante le nostre vite si sono incontrate... le nostre anime si sono sfiorate  Oscar Wilde

L'uomo saggio capisce quando deve fermarsi  Anonimo

Beati quelli che hanno fame e sete di giustizia Gesù  di Nazareth

Amico è colui che ti permette di scoprire arcipelaghi inesplorati dentro di te

Non cercare di diventare un uomo di successo, ma piuttosto un uomo di valore Einstein

 

Sono nato

non per partecipare

all'odio

 ma per partecipare

all'amore

Sofocle

 

MONACI BIRMANI 2007

 

MONACI TIBETANI 2008

 

Una Poesia di Gianni RODARI

Ci sono cose da fare ogni giorno :

lavarsi, studiare, giocare, preparare la tavola

a mezzogiorno.

Ci sono cose da fare di notte:

chiudere gli occhi, dormire, avere sogni

da sognare, orecchie per sentire.

Ci sono cose da non fare mai, né di giorno

né di notte, né per mare né per terra:

per esempio la guerra.

 

Il mio SITO

   

le bambole, i pupazzi, gli abiti dei peluches 

 in PupazziePensieri

il sito nato dalla mia arte creativa e dalla mia passione per la grafica e la fotografia

 

Pensieri in Libertà

Pensieri in Libertà  è il  blog che scrivo dall'ottobre 2006

Passate anche di lì se vi va ... 

 

Award Amico Blog

 

Arrivederci a presto !

 Vi aspetto per il  prossimo post ;

un caro saluto

erica

 
 

Ultime visite al Blog

aulincpdeu1paola1.amonteverde333iononsonoio3francis62008nicolacatefederica.iaurora.correnteesternolucefabdineanna_rigoniabfishsrlclzgppgiuericarg
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

bannerino