Creato da estremalatitudine il 19/06/2008

estremalatitudine

racconti di vita, di sesso

 

 

« corto 100 - auguri a tuttecorto 102 »

Corto 101

Post n°436 pubblicato il 09 Marzo 2015 da estremalatitudine

La signora, dopo il divorzio, passò momenti non belli. Depressione. Paure. 

Poi passati i mesi, quasi un anno, si riprese e si disse che gli uomini non meritavano tanto.

Grazie a Dio suo marito e la sua famiglia le avevano lasciato abbastanza da potersi permettere qualsiasi sogno e lei, lei uno alla volta si tolse tutti gli sfizi.

Una bella auto, cambiò casa, cambiò domestica e poi, poi iniziò a viaggiare.

Fu una volta lontano, ben lontano da casa che si disse che era arrivato il momento di togliersi anche quello sfizio.

Chiamò il suo amministratore fidato e gli ordinò per quella sera di radunare nel salotto della suite che occupavano quanti più giovani attori potesse. Dovevano essere talentuosi? Chiese l'amministratore. Ma certo, fu la risposta.

Quella sera la sala era piena di venti ragazzi tra i venti e i trentanni. Si ricordò che il suo marito, grande tifoso di calcio, le aveva detto una volta che gli atleti raggiungono la piena matutità fisica e atletica tra i ventisette e i ventiotto e allora chiese quanti tra i presenti avessero quella età.

Forse qualcuno barò, ma quasi la metà rispose di sì. Gli altri furono invitati ad uscire.

A quel punto dopo un breve discorso, molto fumoso e assai poco concreto, la signora pregò i ragazzi di cavarsi nudi, cosa che loro in qualche minuto fecero.

"Per il film che stiamo organizzando è fondamentale che il protagonista sia ben dotato" disse.

"Un film porno?" chiese una voce. "Per favore esca. Come si permette?!?"

Un altro lasciò la sala.

"Come dicevo serve come dire un buon fisico e quindi siete pregati di voler mostrare quel che avete pronto per l'uso." Qualcuno chiese spiegazioni. La cameriera glielo spiegò paziente.

Dei nove rimasti, un paio o poco più si dichiararono incapaci o non disposti alla prova.

Anche questi furono licenziati, dopo aver ben pagato il loro disturbo e il loro silenzio.

Gli altri si prepararono. La cameriera della signora, che continuava a stare seduta in posa molto elegante su una poltrona di pelle rossa, passò di fianco a tutti con un righello e misurò ciò che c'era da misurare.

Dei sei che erano rimasti i due più scarsi furono scartati. Le differenze, salvo in un unico caso, erano davvero minime, ma un criterio bisogna pur averlo, no?

"Adesso per avere la parte, la prova di resistenza. Mettetevi comodi e masturbatevi. Chi resiste di più avrà la parte."

"Scusi, signora, con rispetto parlando, ma di che film si tratta?"

"il copione vi verrà dato a suo tempo e solo al vincitore. Queste sono le regole. Se non vi piacciono saremo lieti di accompagnarvi all'ingresso."

I quattro in silenzio presero a fare ciò che era stato richiesto loro.

La signora e la cameriera in silenzio osservavano quei visi che si contraevano e quelle mani veloci che andavano su e giù. La signora in cuor suo sperava vincesse un partecipante che oltre ad avere tutto quel che serviva la turbava con uno sguardo che sembrava aver capito e intuito ogni cosa. Quello era certamente il più maschio di tutti. Si disse che con ogni probabilità avrebbe barato. Non poteva lasciarsi andare uno che a quella età metteva in imbarazzo solo con lo sguardo una donna come lei.

La prova finì. Non vinse quello con cazzo più grosso, ma non vinse neanche quello che piaceva a lei.

A tutti fu chiesto comunque di lasciare un recapito che si sarebbe fatto sapere loro.

La sera dopo la signora invità a cena il vincitore, chiacchierarono e poi lei gli chiese nuovamente di spogliarsi. Scopare con quel ragazzo fu fantastico, tanto era dotato sia in quantità che in durata. Non finiva mai. Lei venne un numero impressionante di volte, finché con il permesso di lei lui la innondò di seme caldo.

Dopo tre giorni, di pomeriggio la cameriera chiamò quello dallo sguardo strano, che appena arrivato si impose con una personalità che metteva i brividi.

la signora finì la nottata legata alla spalliera del letto, pancia sotto, con la testa adagiata sul cuscino e lui, lui inginocchiato di fianco a lei che lei ordinava di succhiarlo ancora, che anche lui durava, durava, durava. "Succhia, su da brava!" E lei, nonostante fosse stravolta da due ore di sesso tirava fuori la lingua e lo cercava, lo leccava, cercava di mangiarlo ancora, mentre lui le dava delle piccole pacche a palmo aperto sulla schiena e, quando riusciva, sul bel sedere sodo.

Dopo quindici giorni, il giorno prima della partenza, essendosi confidata con quello circa la sua prima esperienza dopo quella specie di provino, lui le ordinò di chiamare anche il vincitore e in tre ebbero una notte che la signora non dimenticò mai.

Tornò in Italia e per un bel pezzo non ebbe più desideri. Poi, certo...

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

TAG

 

QUEL CHE C'È E QUEL CHE NON C'È

Qui ci sono storie di sesso. Non necessariamente tutte eccitanti, ma a volte sì. Non necessariamente tutte esplicite, ma a volte sì.

Qui non c'è vita vera, ma solo letteratura, ovvero vita attraverso la tastiera.

Se non vi va di leggere di questi argomenti, lasciate stare.

Se vi interessano, spero di riuscire ad essere all'altezza delle vostre attese.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Signorina_Golightlydnicola1964pietro.alzari1VeraImXfettaxdonneover40dgljimmy_makedamjan.naciniemilio_dibenedettopa.ro.lejuschidonnasofia69sagredo58giogio696rocco55_1
 

FACEBOOK

 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom