Post N° 31

Post n°31 pubblicato il 28 Agosto 2006 da fataalbertina

ciao amiconi siete andati in vacanza? io si in sicilia!!!!!!!!!

ci si legge presto  ciaoo!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 30

Post n°30 pubblicato il 06 Maggio 2006 da fataalbertina
Foto di fataalbertina

Chissà se vere Sirene vivono ancora tra di noi? Però nel passato ci sono stati numerosi avvistamenti di sirene. Jacopo Noierus scrive infatti che nel 1403 una sirena, catturata nello Zuider Zee, fu portata ad Haarlem, e nonostante provasse inizialmente un certo fastidio e molta vergogna a portare vestiti, tuttavia si lasciò lo stesso vestire e imparò successivamente anche a vestirsi da sola, col tempo imparò pure quasi alla perfezione i modi umani, a mangiare come un'olandese, a filare e ad impegnarsi in altri lavori femminili. Era di modi semplici e gentili e visse fino a tarda età; ma non riuscì mai a imparare l'olandese. Le poche volte che parlava lo faceva solo nel suo linguaggio, forse troppo differente da quello umano per poter essere tradotto. Così non potè raccontare nulla sugli usi e costumi del popolo del mare. Un vero peccato dato che si dispongono solo di pochissime notizie sugli usi domestici e sugli argomenti di conversazione delle sirene medioevali. Negli archivi reali del Portogallo vi sono ancora i documenti relativi al diverbio insorto tra la corona e il Gran Maestro dell'ordine di San Giacomo in merito al diritto di proprietà sulle Sirene abbandonate dal mare sulle spiagge del Gran Maestro. La lite si concluse in favore del Re: "Sia sancito che le Sirene e gli altri mostri marini che saranno gettati dalle onde sulle spiagge del Gran Maestro entrino a far parte della proprietà del Re". Questo proverebbe che a quel tempo le Sirene erano abbastanza numerose. Però una delle testimonianze forse più attendibili è quella del capitano John Smith, quello della storia di Pocahontas, il quale a quei tempi era ritenuto persona degna di fede. "A questo punto, non posso non ricordare" dice "la meravigliosa creatura di Dio, che vidi con questi occhi nell'anno 1910. Una mattina, al primo spuntar del sole, mi trovavo sulla spiaggia, non lontano dal porto di Saint John, quando vidi un mostro marino che nuotava velocemente verso di me. Ella era d'aspetto seducente: gli occhi, il naso, le orecchie, le guance, la bocca, il collo, la fronte ed il viso nel suo insieme sembravano quelli di una splendida fanciulla; i capelli dai riflessi azzurri le ricadevano lunghi sulle spalle...". Anche dalle opere di Gessner, Rondeletius, Scaliger e di tanti altri sembra abbastanza chiaro che, al loro tempo, gli avvistamenti di Sirene erano abbastanza comuni (almeno quanto gli avvistamenti di UFO ai nostri giorni) e, certo per questa ragione, godevano discutibile reputazione presso le persone colte: dato che tutto ciò che è comune può sembrare a volte di scarso valore, come dimostra efficacemente la stessa parola "volgare". Questa considerazione aiuta forse anche a spiegare la loro appendice ittica poiché le Sirene più antiche somigliavano agli uccelli. La trasformazione dovette aver luogo, immagino, al tempo di sant'Agostino, quando numerosi pagani cominciarono ad ostentare abiti e caratteri nuovi, non sempre con proprio vantaggio, e dovette coinvolgere anche le Sirene nate nelle acque dell'Ellade, che avremmo potuto supporre più rispettabili e più conservatrici delle altre. ... Nulla attraversò mai la piccola Grecia senza uscirne rinnovato e purificato: mille correnti torbide affluirono verso l'Ellade da ogni parte del mondo per defluire in modo splendido, come un fiume limpido e tranquillo che doveva fecondare il mondo. Così avvenne anche per le Sirene: come tante altre cose, esse erano solo un prodotto importato, una delle nuove idee che, al seguito delle correnti commerciali, erano riuscite ad insinuarsi tra i Greci e ne alimentavano la fantasia artistica. Oggi, che conosciamo qualche cosa di più dell'antica civiltà di paesi che ebbero rapporti con la Grecia, come l'Egitto e la Fenicia, siamo in grado di apprezzare meglio il genio ellenico, che fu veramente prodigioso nella trasformazione di tutto ciò che aveva preso in prestito da altri. ... E' risultato chiaro che le Sirene non erano indigene della Grecia, ma appartenevano a cicli non ellenici e più primitivi: "restarono" come dice Butcher "parole straniere prese a prestito in una lingua, mai perfettamente assimilate". Come avvenne per tante altre concezioni animistiche, comuni a molti mari e terre, esse furono trascinate nell'Ellade e vi furono purificate. Le Sirene greche vengono raffigurate con i caratteri dell'eterna giovinezza: se ne stanno su scogli circondati dal mare con la lira in mano, o sorgono dalle acque lucenti, percuotono i cimbali e scompaiono.

(Tratto da: La terra delle Sirene - Norman Douglas)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

le sirene

Post n°29 pubblicato il 20 Marzo 2006 da fataalbertina
Foto di fataalbertina

Le Sirene sono un'altra personificazione dei pericoli del mare, demoni marini, metà donne e metà uccelli; il loro padre era il dio-fiume >Acheloo e la madre la musa Melpomene, oppure la musa Tersicore. Sono menzionate per la prima volta nell'Odissea, dove sono in numero di due; tradizioni posteriori ne nominano quattro, oppure, più spesso, tre, chiamate, nell'accezione più comune, Ligia Leucosia e Partenope, dalla quale il nome antico di Napoli. Nella tradizione sono musiciste squisite e, secondo Apollodoro, una suonava la lira, un'altra cantava, la terza teneva il flauto.Secondo la leggenda l'isola delle Sirene era posta lungo la costa dell'Italia meridionale, al largo della penisola di Sorrento; con il fascino della loro musica esse attiravano i marinai che passavano nelle vicinanze; le navi si avvicinavano allora pericolosamente alla costa rocciosa e si fracassavano; e le Sirene divoravano gli imprudenti.Secondo la leggenda gli Argonauti passarono loro vicino, ma Orfeo cantò tanto melodiosamente, che i marinai della nave "Argo" non ebbero voglia di ascoltarle. Solo Bute si lanciò in mare, ma fu salvato da Afrodite.Anche Ulisse solcò quelle acque ma, preavvertito da Circe, ordinò ai suoi uomini di tapparsi le orecchie con la cera; lui stesso si fece legare a un albero della nave, vietando ai compagni di slegarlo, qualunque supplica avesse loro rivolto. La storia racconta che le Sirene, indispettite dal proprio insuccesso, si buttarono in mare e affogarono.

Circa la loro origine e le loro ibride sembianze, le versioni sono diverse. Ovidio sostiene che un tempo esse erano donne comuni, ma chiesero agli dei il beneficio delle ali, per cercare sui mari una loro compagna rapita da Plutone. Secondo altri, erano state trasformate da Demetra, quale punizione per non essersi opposte al rapimento di sua figlia. Oppure che Afrodite le aveva private della bellezza, perché disdegnavano i piaceri d'amore.Nelle leggende successive furono considerate divinità dell'aldilà e per questo motivo sono spesso raffigurate sui sarcofagi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 28

Post n°28 pubblicato il 20 Marzo 2006 da fataalbertina
Foto di fataalbertina

un aiuto... D A  D I F F O N D E R E ! ! ! Stiamo cercando persone che possano donare il sangue ad un Bambino che deve fare 4 trasfusioni al giorno (= 4 donazioni).Il problema maggiore che stanno affrontando i suoi medici è che questo bimbo ha il gruppo sanguigno più raro di tutti: Gruppo 0 Rh negativo, ossia può avere il sangue solo dal suo stesso gruppo. Si può chiamare direttamente al "Bambin Gesù" (tel: 0668591) e chiedere del Dottor Di Carlo (specificare "del centrotrasfusionale" perché ce ne sono due). Se non vi interessa personalmente , fate girare l'email Grazie Maria Grazia Bombonato Segreteria di Direzione Dipartimento di Medicina, Chirurgia e Odontoiatria Università degli Studi di Milano Azienda Ospedaliera San Paolo Via A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO tel. 02/50323002 fax 02/50323001 -------------------------------------------------------------------------------- COPIATE E INCOLLATE ANCHE NEL VOSTRO BLOG...LA VITA DI UN BAMBINO E' UN FIORE CHE NON PUO' APPASSIRE COSI'... copiato da dolce_poesia grazie di cuore

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 27

Post n°27 pubblicato il 16 Marzo 2006 da fataalbertina
Foto di fataalbertina

ci leggiamo presto...un saluto a tutti...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

toorresaSahasrara1Eruditorepigra_pigrissimafataalbertinacinzia34
 

Ultimi commenti

cyclarthrosis, masseuse, buy cialis from Canada...
Inviato da: toorresa
il 25/03/2009 alle 01:33
 
ciaooooo! )O( macchè vacanze.... sigh!
Inviato da: maurydgl7
il 29/08/2006 alle 21:02
 
ciao fata
Inviato da: poo0
il 28/08/2006 alle 22:22
 
taaanto che non ti saluto, sembre dolci le tue piccole...
Inviato da: thule1
il 27/08/2006 alle 13:33
 
ciao fatina dove sei finita?
Inviato da: solcacieli
il 30/07/2006 alle 10:27
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom