Il blog senza dimora

I fratelli della stazione raccontano...

 

COME POTERVI RIMEDIARE?

 

CIAO RAFF

Sempre con Dio
Sempre per i migranti
Nei nostri cuoriimmagine

 

AREA PERSONALE

 

NON AVERE PAURA DI NIENTE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Adotta un diffusoreMetti l'Intercultura ne... »

Foggia, morire di freddo e di solitudine...

Post n°183 pubblicato il 23 Marzo 2011 da Fratelli_Stazione
 

Cerco un foglio bianco per scrivere e raccontare la storia di Eugenio, una storia di illusioni e speranze interrotte, per una morte “naturale”, in un capannone disadorno della campagna pugliese. Il suo foglio bianco racconterebbe la letteratura di Tolstoj, che Eugenio adorava, e i burrascosi litigi col comune amico Marian, rumeno anch’egli e suo unico confidente, appassionato di letteratura americana, e con un debole per gli aforismi di Ambrosie Bierce.

Non diresti mai che in un capannone su Via Trinitapoli, oltre i binari della ferrovia, sparsi negli stenti di un’esistenza migrante, potessero vivere due letterati. Marian è ingegnere meccanico, ma qui in Italia gli han fatto dimenticare il titolo e, bene che gli vada, fa il meccanico, o il bracciante come tutti gli altri. Eugenio, invece, in Romania faceva l’apicoltore, con una profonda cultura da autodidatta.

Una famiglia mista la sua: moglie ungherese e cattolica, lui rumeno e ortodosso, due figli, uno di ventisei, un altro di ventiquattro anni. Una famiglia che ormai lo vedrà solo in una bara sigillata. Eugenio ci ha lasciato, si è spento uno di questi giorni, guadagnando lo spazio ipocrita dei giornali e forse un posto in Paradiso. Del cordoglio delle istituzioni, dell’indignazione della gente, neanche l’ombra. Solo una lacrima, quella di Marian, sgorga per lui, confondendosi alla pioggia che viene giù copiosa in questa notte.

Forse l’ha ucciso il freddo, che non sta dando tregua a chi dorme nei rifugi di fortuna dalle nostre parti, o forse un arresto cardiaco, cui nessuno ha potuto porre rimedio. Eugenio, infatti, viveva spesso solo. Specialmente negli ultimi mesi non si allontanava mai dal capannone, e sebbene Marian gli chiedesse sempre di uscire, lui preferiva starsene lì, a pensare, a riflettere sulla sua vita, ormai andata a rotoli.

Lavorava un giorno si e tre no, e i sogni di riscatto che l’avevano spinto in Italia erano ormai in frantumi.

Così una tristezza profonda, un malessere complessivo lo teneva in pugno. Era stato per una settimana tutto solo in quel capannone, mangiando quel che poteva, e aveva come sola compagnia il suo gallo, che cresceva nell’aia antistante.

Gli ultimi tempi non era stato bene. Marian gli prese appuntamento col medico della Caritas, ma per una serie di motivi non se ne fece più nulla. Eugenio era davvero stanco, e forse la morte l’ha sollevato da un peso, quello di vivere senza speranze.

Resta nel racconto sconvolto di Marian, scolpito in questo foglio bianco, il perché di una morte assurda, morte di freddo o di solitudine, nel terzo millennio. Resta la speranza di poter fare ancora qualcosa per lui, per dare a Eugenio una degna sepoltura in patria. Cosicché riposi in pace.

Claudio

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Fratelli_Stazione
Data di creazione: 28/01/2007
 

ANCHE TU PUOI FARLO!

 

VICINO CASA TUA

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ADOTTA UN DIFFUSORE

 

ULTIMI COMMENTI

Molto interessante questo post. Per ringraziarti posso...
Inviato da: tecaldi
il 27/01/2016 alle 13:50
 
Mamma mia da quanto tempo non venivo sul blog. Un saluto ai...
Inviato da: Carlo
il 09/05/2010 alle 19:51
 
infatti Ŕ andata bene.. antonio barbone Ŕ salito sul palco...
Inviato da: lau87
il 20/10/2009 alle 14:43
 
A mio modesto parere Ŕ stata davvero una bella serata,molto...
Inviato da: Giuseppe
il 19/10/2009 alle 17:25
 
Il comunicato:...
Inviato da: claudio
il 25/09/2009 alle 09:17
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

tecaldileoricciutoFraviscgiuseppe.bricolismellpunkprisantmariamicaelascarpinobarmelandanel66salvydigylaperuta.antonio1972hopelove10d.lamarcanicolabaldiragsalvatutti81
 

IL SERVIZIO IN STAZIONE

 

FDS E SCAYM

INTERETNICA 2007 - TI ASPETTIAMO!