Creato da enca4 il 15/02/2010
PENSIERI E PAROLE
 

W. Allen

NON E' CHE HO PAURA DI MORIRE.

E' CHE NON VORREI ESSERE LI'

QUANDO QUESTO SUCCEDE.

W. Allen

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 
 

CANZONE

Che giorno è

E' tutti i giorni

Amica mia

E' tutta la vita

Amore mio

Noi ci amiamo noi viviamo

noi viviamo noi ci amiamo

E non sappiamo cosa sia la vita

Cosa sia il giorno

E non sappiamo cosa sia l'amore

Jacques Prévert

 

I ragazzi che si amano si baciano

In piedi contro le porte della notte

I passanti che passano se li segnano a dito

Ma i ragazzi che si amano

Non ci sono per nessuno

E se qualcosa trema nella notte

Non sono loro ma la loro ombra

Per far rabbia ai passanti

Per far rabbia disprezzo invidia riso

I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno

Sono altrove lontano più lontano della notte

Più in alto del giorno

Nella luce accecante del loro primo amore.

Jacques Prèvert

 

DALLA - CANZONE

 

N. de Chamfort

CHE COSA DIVENTA UN PRESUNTUOSO

PRIVO DELLA SUA PRESUNZIONE?

PROVATE A LEVAR LE ALI AD UNA FARFALLA:

NON RESTA CHE UN VERME.

N. de Chamfort

 

GLI APOSTOLI DIVENTANO RARI,

TUTTI SONO PADRETERNI

A. Karr

 

 

« CIAO, AMICO DIARIOultimo post »

SALVE, AMICO DIARIO

Post n°382 pubblicato il 27 Novembre 2011 da enca4

Salve amico Diario,

non ti ho svegliato, lo so perfettamente, perché tu sei parte di me e, come tutti i veri amici, non dormi se non dormo io, non ti svegli se io non mi sveglio. Se soffro io, soffri anche tu; se io gioisco tu ne sei contento. Altrimenti che amico saresti?

Sto pensando a tante cose che mi vedono principale interprete. Ne avrei fatto volentieri a meno, e tu lo sai, ma la vita è questa. Non abbiamo l’opportunità di cambiare il corso degli eventi e di far girare la ruota a nostro favore quando ci fa più comodo.

La mia, di ruota, sembra che si sia fermata ad aspettarmi. Mi pare, quasi, che sia ormai tutto deciso e che io non debba fare altro che salire su quel carro e, senza chiedere la destinazione finale, accetti  il viaggio che è stato per me programmato da tempo.

Nel 1986 Giovanni Paolo II° presidiava un convegno, in Vaticano, di cosmologia. Erano presenti i più grandi studiosi e scienziati dell’epoca, per la maggior parte in disaccordo con la teoria che l’Universo fosse stato creato da Dio. Il Papa disse: “La chiesa non ha nulla in contrario al fatto che voi studiate il Cosmo e l’Universo tutto, ma non tentiate, così, di scoprire Dio.”  E poi proseguì: “ Dio è dentro ciascuno di noi ed è lì, se volete conoscerlo, che dovete guardare.”

Io, che non sono uno scienziato, che non sono uno studioso così importante da partecipare ad un simile simposio, io che sono una persona come miliardi di altre persone, dove devo cercare Dio?

Tu che mi conosci bene potresti dirmi: “Cercalo in un fiore, in un animale, in un bambino, in un vecchio, in quello che fai tutti i giorni.”

Non vedo Dio in quello che dici. Se guardo un bambino, guardo un bambino che soffre, che ha fame, abbandonato. Sicuramente Dio non è lì. Se guardo un vecchio, vedo un vecchio stanco, solo, malato, abbandonato da tutti, che prega nella speranza che giunga presto la sua fine.  Anche lì io non vedo Dio.

I fiori, le piante, gli animali, noi stessi, sono, secondo me il risultato chimico, fisico, geologico di una normale crescita che la terra ha avuto nel corso di miliardi di anni. Non vedo Dio in tutto questo.

“Dio è amore, ama tutti voi, nessuno escluso”. Questo mi è stato sempre detto e ricordato, specialmente in questi ultimi anni. Ma se fosse così, Dio, non permetterebbe che uno qualsiasi dei suoi figli soffra. Qual è quel padre che accetta di sapere che uno solo dei suoi figli possa soffrire?

Quello che sto scrivendo non riguarda solo me, ma riguarda tutti noi esseri umani.

Pochi giorni fa mi è stato detto: “Accetta la tua situazione con il sorriso. Aiutati con la preghiera”

Io ho risposto: “Io non sono San Francesco.”

Lo dico, adesso, perché sento che il mio tempo si sta avvicinando sempre più. Vedo segnali e situazioni che mi fanno capire quanto sia stupido farsi delle illusioni, sperare. Io non spero più. Io vorrei solamente che il tutto avvenisse, presto, durante il sonno. Vorrei non accorgermi di ciò che mi sta succedendo in quel momento. Ma so che come nessuno sa a che ora precisa nasciamo, nessuno di noi può conoscere l’ora precisa della nostra fine.

E forse è meglio così.

Enrico

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: