Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 62
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheloredana_popalaboratoriotvcaterina216lisa.dagli_occhi_blucintoliantonioghito71LUPOGATTO222tempestadamore_1967Stratocoversvecchietto0Signorina_Golightlymichele.procewhiskynsoda
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

 

« ATLETICO VIESTE – Con Gi...Continua il “cammino di ... »

Tra zona rossa e arancione l’occasione per riflettere Siamo infatti agli sgoccioli dell’Avvento e si avvicina il Natale.

Post n°27437 pubblicato il 22 Dicembre 2020 da forddisseche

Tra zona rossa e arancione l’occasione per riflettereSiamo infatti agli sgoccioli dell’Avvento e si avvicina il Natale. Quest’anno però sembra più una quaresima, non meno triste e pesante dell’altra Quaresima, quella di marzo

Michele Partipilo

21 Dicembre 2020

presepe

Foto d'archivio

Da oggi l’Italia entra in zona arancione. Colore insolito per il periodo e che non trova riscontro né in natura, dove dominano i toni brulli dell’inverno, né nelle tradizioni legate al rosso delle candele o al verde intenso degli abeti. La zona arancione è una stonatura che ci porterà ahimè verso la zona rossa dei tre giorni di Natale. Siamo infatti agli sgoccioli dell’Avvento, tempo per dedicarsi spiritualmente – e non solo – al Dio che si fa uomo. Quest’anno però sembra più una quaresima, non meno triste e pesante dell’altra Quaresima, quella di marzo. Non piace a nessuno, ma questo è il tempo che ci è dato di vivere.

È naturale cercare un capro espiatorio. Il governo incerto, i ministri incompetenti, gli scienziati litigiosi, i presidenti delle Regioni e i sindaci malati di protagonismo, gli ospedali male attrezzati, medici e infermieri insufficienti. La lista delle doglianze potrebbe continuare a lungo e tuttavia non servirebbe a cambiare la situazione, a darci un sorriso, a farci dimenticare la tristezza di vivere distanti da tutti, senza un abbraccio né una stretta di mano. Le responsabilità esistono, ma non vanno confuse con il «nemico», con il virus che ormai da un anno si è insinuato nell’esistenza di ciascuno, ovunque egli si trovi.

Del resto basta guardarsi intorno: altri Paesi, cui spesso sono tributati elogi per efficienza e capacità organizzativa, sono messi male al pari dell’Italia. Anzi, qualcuno anche di più. Allora bisogna rassegnarsi, anche se questo non vuol dire arrendersi.

Occorre accettare la sfida del presente e farsi carico dell’impegno a fronteggiarla al meglio, ciascuno nel suo piccolo e con le sue armi. Certo, è difficile non perdere la testa quando vedi andare in fumo i sacrifici di una vita per aprire un bar, gestire un negozio, lanciare un ristorante, avviare un agriturismo. Su questo fronte si può fare molto, non solo con gli aiuti di Stato, ma anche inventandosi forme nuove di servizi e di commerci. In fondo le scoperte sono arrivate quasi sempre per caso, per rispondere alle esigenze del momento. Crisi per gli antichi greci voleva dire anche cambiamento. È quando siamo messi alla prova che riusciamo a dare il meglio di noi stessi, a scoprire energie che neppure pensavamo di possedere. Non basta implorare i contributi pubblici, che pure devono esserci, anche se sono debiti che stiamo caricando sulle spalle di figli e nipoti, occorre anche offrire idee e strategie, campo in cui noi Italiani possediamo una marcia in più data da fantasia e creatività.

L’altro giorno nel consueto appuntamento nella Cattedrale di Napoli, non si è «sciolto» il sangue di San Gennaro. In molti vi hanno tratto segni di allarme e preoccupazione. La tradizione vuole che il mancato prodigio sia un cattivo presagio. È curioso che anche chi abitualmente afferma di non credere al «miracolo» ora se ne preoccupi. È la fragilità umana che viene a galla in momenti come questi, quando vacillano le certezze date dalla routine quotidiana, dall’illusione di governare le nostre vite, dalla presunzione di poter essere padroni del nostro tempo. E invece scopriamo all’improvviso che non è così e che anche Scienza e Tecnica, dispensatrici di tante certezze, ora annaspano, vagano a vista, procedono più per congetture che per confutazioni.

Se questo stramaledetto virus, che ha lastricato di cadaveri e privazioni i nostri giorni, potrà avere un merito sarà quello di averci ricordato i nostri limiti. L’ha fatto nella maniera più violenta e paradossale possibile: un invisibile microrganismo per tenere sotto scacco l’umanità. Dovremo riflettere su questo per mutare la nostra concezione di persone al centro della natura. Il Covid insegna che possiamo essere solo persone «nella» natura, ovvero mettendo da parte l’istinto dominatore esaltato dal progresso tecnologico e scientifico. Occorre recuperare una funzione mitigatrice della morale e della religione. Stare un po’ più soli in queste feste magari ci aiuterà a farlo e forse anche a farci capire la solitudine di chi da molti anni vive ogni giorno in solitudine.

Non si tratta di recuperare una funzione consolatrice della religione, che pure ha, ma di chiedersi perché religioni come il cristianesimo e l’ebraismo vanno avanti da migliaia di anni. A questo proposito due sottolineature di fatti certamente minimi, ma rivelatori della mentalità che cambia. Il primo.

Da qualche tempo ha preso piede la moda importata dagli Stati Uniti di indicare l’anno leggendo la doppia cifra: questo che resta ancora per pochi giorni è il venti-venti, cui seguirà il venti-ventuno. Un vezzo? Certamente, ma anche la cancellazione di un terminus a quo, del punto di partenza che ha sconvolto l’umanità, poiché venti-venti è una cifra anonima, un numero insignificante con una mera funzione ordinatrice, come il bigliettino della fila dal salumiere.

Il secondo è racchiuso in questa voglia della Chiesa cattolica di aggiornare i sacri testi. Operazione forse lodevole sul piano culturale, ma che non tiene conto del vissuto delle persone e, talvolta, neppure della comunicazione.

Durante la messa della «notte» di Natale sarà letto il salmo 9 del profeta Isaia, quello che comincia così: «Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce…». Bene, per la prima volta chi andrà a messa ascolterà la nuova versione: «Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce…». Un passato prossimo invece di un passato remoto. Per aderenza alla versione originale si dirà. Peccato, perché quel passato remoto recava un alone di certezza, era perentorio, potente. Il passato prossimo colloca ogni azione nella quotidianità effimera. Non è un caso se il giornalismo da tempo ha messo da parte il passato prossimo, privilegiando il cosiddetto «presente storico» o, appunto, il passato remoto.

Piccole cose, piccoli pensieri che passano per la mente quando si è costretti a stare in casa dalla zona arancione.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog