Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 61
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

Meteo Vieste

 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvSifacreditopauradifarmaleLalla3672sanvassmassimo.sbandernogrinco1953HOT3NOT3liguoripasqualegloglogloriettatr20140demis888falegnameria.sidella
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Messaggi del 06/08/2020

Basket Serie C Gold/ Ecco il secondo colpo di mercato della Bisanum Viaggi Vieste

Post n°26806 pubblicato il 06 Agosto 2020 da forddisseche

Basket Serie C Gold/ Ecco il secondo colpo di mercato della Bisanum Viaggi Vieste  

  
 

Il primo nuovo straniero per la prossima stagione è Nick Schlitzer, play/guardia di 198 centimetri, 27 anni, proveniente dal massimo campionato britannico dove nell’ultima stagione ha militato nel Newcastle con una percentuale al tiro del 39% (31,3 da oltre l’arco, 38,6 da 2 e 87,5 dalla lunetta).

 

Giocatore duttile, in grado di giocare nel doppio ruolo, dotato di un ottimo tiro dalla lunga e dalla media distanza, dal 2011 al 2015 ha disputato il campionato universitario statunitense a Philadelphia dove ha avuto una media di 14 punti a partita.

 

Entusiasta di questa nuova avventura, Nick non vede l’ora di incontrare lo staff tecnico e i nuovi compagni di squadra e di scoprire la nostra bellissima Vieste.

 

Welcome Nick.

 
 
 

Vieste - Al via i controlli sulle regolari occupazioni dei suoli pubblici

Post n°26805 pubblicato il 06 Agosto 2020 da forddisseche

Vieste - Al via i controlli sulle regolari occupazioni dei suoli pubblici  

  
 

Partiranno in questi giorni i controlli sul regolare utilizzo del suolo pubblico da parte della attività commerciali viestane. Come si ricorderà, il Governo ha disposto l’esenzione della Cosap (il canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche) per bar e ristoranti, estesa dal Comune di Vieste a tutte le tipologie di negozi; ma per evitare l’uso smisurato e non controllato degli spazi pubblici, è comunque necessaria una richiesta di autorizzazione da presentare agli uffici comunali, con tanto di planimetria indicante le aree occupate. Molte attività commerciali hanno approfittato della gratuità per chiedere l’ampliamento dello spazio pubblico da occupare, tutte autorizzate dal Comune.

 

“A breve partiranno i controlli per verificare il corretto utilizzo degli spazi concessi – comunica l’ispettore della Polizia Locale di Vieste Danilo Forte – in ottemperanza al nuovo articolo 20 del Codice della Strada. Gli eventuali trasgressori saranno puniti con una sanzione che varia da 173 a 695 Euro. Considerato il delicato momento che stiamo attraversando – ha concluso l’ispettore Forte – confido nella correttezza dei titolari di concessione degli spazi pubblici anche vista l’opportunità che hanno avuto di poter chiedere più aree del solito senza dover spendere un centesimo”.

 
 
 

La Regione allarga i lidi. Più spazio agli ombrelloni. Gli stabilimenti potranno usare anche le aree confinanti.

Post n°26804 pubblicato il 06 Agosto 2020 da forddisseche

La Regione allarga i lidi. Più spazio agli ombrelloni. Gli stabilimenti potranno usare anche le aree confinanti.  

  
 

Gli stabilimenti balneari potranno «allargarsi» per un mese, utilizzando - previa autorizzazione del Comune - le aree contigue inu­tilizzate. La giunta regionale lancia una scialuppa di .salvataggio ai ge­stori, in particolare a quelli del Sa­lento, con una delibera che - un po’ come accade con i tavolini di bar e ristoranti - consente di ottenere tem­poraneamente più spazio per sdraio e ombrelloni. Anche se questo, in alcuni casi significherà ridurre la spiaggia libera.

 

L’assessore al Demanio, Raffaele Piemontese, garantisce però che non ci saranno conseguenze negative. «La balneazione libera - dice Piemon­tese - è sempre garantita. Parliamo di aree che possono essere utili, nei 15 giorni centrali di agosto, per evitare che serva la raccomandazione per avere trovare un ombrellone.

 

Vo­gliamo andare incontro ai turisti. La concessione demaniale marittima degli stabilimenti non viene modi­ficata». I sindacati dei gestori hanno infatti protestato per via delle con­seguenze del distanziamento: appli­candolo alla lettera il numero degli ombrelloni diminuisce mediamente del 30-40%, non applicandolo si ri­schiano - come avvenuto - multe e sequestri da parte delle Capitanerie.

 

E così è intervenuta la Regione. L’area da occupare in più deve essere «retrostante, antistante o laterale a quella già concessa, senza aumento del fronte mare»; scritta così gli sta­bilimenti che già occupano tutta la profondità della spiaggia in conces­sione non dovrebbero poter avere nuovi spazi.

 

Tuttavia «per partico­lari ragioni connesse alla specificità del territorio, è possibile prevedere concessioni contigue, purché venga­no comunque assicurati accessi alla battigia con la ricorrenza di almeno 150 metri», insomma anche riducen­do la spiaggia libera.

 

In Puglia (dove le concessioni co­prono il 6% della costa balneabile, ovviamente la parte più bella) le or­dinanze della Regione impongono che gli ombrelloni stiano ad almeno tre metri l’uno dall’altro e abbiano a disposizione non meno di 10,2 metri quadrati, distanze difficilissime da rispettare soprattutto in alcune spiagge del Salente dove il problema si è già verificato: alcuni gestori si sono «allargati» senza autorizzazio­ne e sono stati sanzionati.

 

Grazie alla delibera regionale potranno ottene­re, per ora temporaneamente, le aree inutilizzate. «I turisti - fa notare Fa­brizio Santorsola, presidente regio­nale della Fiba Confesercenti - si so­no già abituati positivamente al di­stanziamento, che permette di stare più comodi. La distanza attuale è quella che dal prossimo anno, nel sistema della classificazione degli stabilimenti, permetterà di avere quattro stelle, mentre tornando alle vecchie distanze le stelle sono tre. Ecco perché è possibile che qualcuno decida di mantenere gli ombrelloni distanziati, anche chiedendo in con­cessione le aree relitte».          

 
 
 

Maltempo, nubifragi sull'Alto Tavoliere. Agricoltura in ginocchio. Pomodori affogati

Post n°26803 pubblicato il 06 Agosto 2020 da forddisseche

Maltempo, nubifragi sull'Alto Tavoliere. Agricoltura in ginocchio. Pomodori affogati  

  
 

 

 

Pomodori ‘affogati’ in Capitanata con i campi allagati dai violenti nubifragi abbattutosi nelle ultime ore, con gravi danni sulla raccolta di pomodoro che era già giunto a maturazione in un provincia che è leader in Italia nella produzione dell’oro rosso. E’ questo l’allarme lanciato dalla Coldiretti che chiede che vengano verificate le condizioni per la dichiarazione dello stato di calamità nei territori del Foggiano colpiti dal maltempo, da San Severo ad Apricena, da Poggio Imperiale  fino a Lesina.

 

“La situazione è drammatica con intere aziende allagate e frenquenti fenomeni estremi come grandine, trombe d’aria e piogge alluvionali che hanno distrutto coltivazioni e vigneti, ma che stanno anche impedendo la raccolta meccanizzata del pomodoro. Dove è possibile salvare il prodotto si procederà con quella manuale, con maggiori oneri per gli agricoltori”, denuncia il delegato confederale di Foggia, Pietro Piccioni.

 

“Occorrono misure urgenti, che il mondo bancario venga incontro in un momento così drammatico – aggiunge Piccioni - alle esigenze delle imprese e che la Regione si adoperi affinché sia dichiarato lo stato di calamità naturale”. Un’estate da dimenticare per l’agricoltura di Capitanata che mette a rischio la stessa stabilità idrogeologica di ampie aree della Capitanata e del Gargano, afferma la Coldiretti sulla base dei dati Isac-Cnr. L’andamento climatico impazzito, poi, si abbatte – conclude la Coldiretti Puglia – su un territorio fragile caratterizzato dal 78% dei comuni pugliesi a rischio frane e alluvioni, di cui  35 ricadono proprio in  provincia di Foggia.