Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

MUSICA ITALIANA

 

Benvenuti :)

.

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 60
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 
 

Premio

premio

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

<iframe src="http://www.radiorai.rai.it/dl/portaleRadio/popup/player_radio.html?v=1" width="580px" height="380px" scrolling="no" frameborder=0 style="padding:25px;"></iframe>

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://5.63.145.172/mobile?port=7108

http://ondaradio.info/

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

laboratoriotvforddissecheattimoxattimo_20130adsp1RistrutturazioniRmvirtuale.realemastro.zeroInad2006ioosvaldotujaneEymerikdglIlViolinistaSulTettocarminedavide1966bsxromamaschiopasserottonaa
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Messaggi del 05/06/2019

La Puglia è ancora una regione trendy. Loredana Capone agli operatori turistici: “Siate competitivi, puntando su qualità dell’o

Post n°23746 pubblicato il 05 Giugno 2019 da forddisseche

La Puglia è ancora una regione trendy. Loredana Capone agli operatori turistici: “Siate competitivi, puntando su qualità dell’offerta e sul migliore rapporto possibile qualità/prezzo”. 

 
La Puglia è ancora una regione trendy. Loredana Capone agli operatori turistici: “Siate competitivi, puntando su qualità dell’offerta e sul migliore rapporto possibile qualità/prezzo”.
 
La Puglia è una regione ancora trendy nonostante dieci anni di crescita costante dei flussi turistici, in particolare dall’estero, e il Salento ha ancora grande appeal.L’estate 2019, slittata per via del maltempo, partirà nel migliore dei modi. La conferma arriva da alcuni indicatori di tutto rispetto che incutono fiducia sull’andamento dell’anno in corso per la Puglia, nonostante le previsioni sfavorevoli di alcuni recenti studi. Come ad esempio la ricerca JFC ripresa dal Sole24Ore che descrive uno scenario al ribasso per la regione ma si basa in realtà su un campione ridotto e raccolto in 11 località del balneare pugliese. La conferma di un andamento ancora una volta positivo, arriva da una molteplicità di fonti raccolte dall’Osservatorio regionale sul Turismo: i dati Expedia sulle prenotazioni e il fatturato da gennaio a maggio, i dati SPOT/ISTAT finora trasmessi da un campione di 2.500 strutture ricettive del territorio (il 50% delle attive da gennaio a maggio), i dati Expedia sulle prenotazioni e il fatturato da gennaio a maggio, l’analisi dei prezzi effettuata da Travel Appeal, i dati di Aeroporti di Puglia sul traffico passeggeri negli scali di Bari e di Brindisi, e infine le conferme che giungono dall’approfondita ricerca sull’impatto economico del turismo affidata agli esperti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. I dati Istat/SPOT, parziali e provvisori, trasmessi direttamente da 2.500 strutture ricettive del territorio (il 50% di quelle attive nel periodo da gennaio ad aprile 2019) attestano un andamento pressoché stazionario rispetto all’anno precedente e che tiene conto degli effetti del maltempo che ha inciso sugli short break disincentivando, nei primi mesi dell’anno, i viaggi di prossimità. Per Expedia, invece, l’agenzia leader dei viaggi online, nel periodo da gennaio a maggio 2019 cresce il fatturato delle prenotazioni alberghiere (+23,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) e dell’acquisto di biglietti aerei con destinazione Puglia (+5,1% sul 2018), per un totale di 3,2milioni di dollari, ben il 14% in più rispetto all’anno precedente. Expedia conferma l’aumento di acquisto di camere del +28% rispetto al periodo gennaio/maggio dell’anno precedente per un totale di 10mila notti, mentre l’incremento di acquisti di biglietti aerei è stato del +4,4% con buone performance soprattutto da Stati Uniti, Regno Unito, Svizzera, Germania, Austria e Polonia.Risultati più che lusinghieri che emergono anche dalla fonte Aeroporti di Puglia: +10,5% i passeggeri negli scali di Bari e Brindisi da gennaio a maggio, con +12,5% solo a maggio rispetto all’anno precedente. Puglia sempre più internazionale: +21% il traffico dalla Germania e dal Regno Unito, +24% dalla Francia e +17% dalla Spagna. Ancora a due cifre gli incrementi da Svizzera, Romania e Ungheria. Per quanto riguarda i prezzi, secondo la piattaforma di Travel Appeal - che raccoglie e monitora la presenza digitale delle strutture pugliesi attraverso l’analisi dei siti di recensioni, delle OTA e dei social media più diffusi in Italia come TripAdvisor, Booking.com, Google, Expedia, Hotels.com, TheFork, Facebook, Airbnb, Homeaway e altri – il prezzo medio di una camera in Puglia nel mese di giugno 2019 sarà di 117 euro, il 3,5% in più rispetto all’anno scorso. “La Regione non può certo intervenire nelle scelte libere e imprenditoriali degli operatori del turismo, ma sento di fare un appello agli operatori turistici pugliesi ad essere competitivi, puntando su qualità dell’offerta e sul migliore rapporto possibile qualità/prezzo - commenta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone – La Regione è a fianco degli operatori. L’offerta ricettiva è cresciuta del +7% e del +3% per i posti letto. E crescono anche gli occupati nel comparto turistico, +4% dal 2017 al 2018. E questo anche grazie agli incentivi per la realizzazione o ristrutturazione di strutture alberghiere (Pia turismo e Titolo II). Invitiamo quindi gli imprenditori ad utilizzare gli incentivi a disposizione e a migliorare le loro strutture. Non dimentichiamo che la Puglia nel Mediterraneo compete con destinazioni che sono storicamente mete ambite del turismo internazionale. Non solo, oltre ai paesi del Nord Africa, che dopo un momento di crisi sono oggi nuovamente sfidanti sul piano dell’attrazione turistica, si sono aggiunti alcuni paesi dell’Est Europa che sono diventati nuove mete interessanti. Per questo a maggior ragione l’obiettivo per raccogliere la sfida è puntare assolutamente sulla qualità e su prezzi veramente competitivi”. La Puglia, comunque, non è più una destinazione a esclusiva vocazione balneare ma offre di anno in anno un’offerta sempre più ampia di percorsi culturali, naturali, enogastronomici; gli stranieri la prediligono per i borghi storici e i paesaggi naturali che si dipanano dalla costa all’entroterra, 365 giorni l’anno e non più solo in piena estate. Lo conferma anche l’indagine condotta dagli economisti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia che hanno intervistato in profondità 400 turisti che hanno trascorso un soggiorno in Puglia. Sono sempre meno coloro che scelgono la Puglia per il mare (dal 67% del 2016 al 50% del 2018) mentre aumenta la quota di coloro che optano per un soggiorno itinerante rivolto alla ricerca dei borghi e delle vie del gusto. Il 50,3% degli intervistati pensa di ritornare in Puglia in futuro. Il 26,7% ci tornerà nel 2019 scegliendo la medesima località, mentre il 9,0% sceglierà un’altra località. Tra questi ultimi, le località prescelte sono soprattutto quelle del Gargano e del Salento.

 
 
 

GIORNATA MONDIALE AMBIENTE, Stea: la Puglia c’è

Post n°23745 pubblicato il 05 Giugno 2019 da forddisseche

GIORNATA MONDIALE AMBIENTE, Stea: la Puglia c’è 

 
GIORNATA MONDIALE AMBIENTE, Stea: la Puglia c’è
 
 

Nota dell’assessore dell’Ambiente, Gianni Stea:

 

“C’è un intero pianeta che si sta mobilitando in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente che, con la partecipazione attiva dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, quest’anno si svolge in Cina, ovvero in una delle realtà più complesse per quanto riguarda l’inquinamento dei grandi centri urbani. C’è però una nuovo approccio che può cambiare stili e abitudini estremamente pericolose per la salute dell’uomo e del pianeta. Ognuno deve fare la propria parte. E a questo proposito posso assicurare che la Puglia c’è. Ci stiamo lavorando e i risultati non tardano ad arrivare. Non a caso nel recente rapporto Ispra illustrato in occasione della giornata del mare e della cultura marina, è stato portato quale esempio virtuoso il divieto adottato in tutta la nostra regione dell’uso della plastica sui lidi nella prossima stagione estiva. In tema di plastic free in Puglia siamo partiti dal basso, dalla quotidianità, ma puntando in alto con la legge sull'economia circolare e con il piano dei rifiuti. È un risultato prezioso e anche questa volta siamo all’avanguardia. Così come siamo all'avanguardia in tema di ecofeste a basso impatto ambientale, per le quali è stata messa a disposizione una dotazione finanziaria di 250mila euro per i Comuni e gli organizzatori di eventi. Mentre stiamo partendo, con il coinvolgimento delle marinerie pugliesi, con un progetto per la raccolta della plastica nei mari. Non è un mondo senza plastica quello per cui dobbiamo batterci, ma un mondo senza plastica nei mari, nei fiumi, nei boschi, nello stomaco delle balene, nei parchi dove giocano i nostri figli e nell’acqua che beviamo. Un mondo che usi la plastica con la consapevolezza della pericolosità di questo elemento se non si accompagna ad una gestione corretta e se se ne fa abuso. Infatti solo attraverso un’educazione adeguata si può affrontare in modo efficace la questione, promuovendo una ‘rivoluzione dal basso’ che veicoli su larga scala l’importanza di un approccio green. E in questo tragitto la presenza delle istituzioni, delle università, delle scuole è indispensabile e fondamentale. Non a caso come Regione abbiamo avviato il percorso “Puglia X Natura…A TUXTU con…” previsto all’interno del progetto di educazione ambientale (e di vita) “Il BELLO del nostro RIFIUTO…io lo USO – Consiglieri Rivoluzionari in Partecip(AZIONE. Si tratta di un momento di confronto tra studenti delle scuole pugliesi e rappresentanti di istituzioni, enti, associazioni impegnati sul tema dell’ecologia, in cui sono i più giovani a salire in cattedra per porre quesiti e avanzare proposte ai grandi al fine di cooperare nell’ottica dell’etica delle 3R: Ridurre, Riutilizzare, Riciclare”, è quanto sottolinea in una nota l’assessore all’Ambiente della Regione Puglia, Gianni Stea.

 
 
 

Ci siamo!! Arriva il primo SUSHIYA RESTAURANT. Dove ogni volta che mangi qualcosa aggiungi un giorno alla tua vita.

Post n°23744 pubblicato il 05 Giugno 2019 da forddisseche

Ci siamo!! Arriva il primo SUSHIYA RESTAURANT. Dove ogni volta che mangi qualcosa aggiungi un giorno alla tua vita. 

 
Ci siamo!! Arriva il primo SUSHIYA RESTAURANT. Dove ogni volta che mangi qualcosa aggiungi un giorno alla tua vita.
 
 

Non sappiamo se esiste la felicità. Sappiamo però che esiste il sushi.

 

A Vieste apriamo il prossimo martedì 11 giugno.

 

Mai in vita hai assaggiato dei piatti così: sono come una nuvola!

 

SUSHIYA RESTAURANT

 

Ristorante Giapponese e cinese.

 

Viale XXIV Maggio, 13/A

 

Info: 338/8335691

 

È la massima semplicità che conduce alla purezza….

 
 
 

Vieste/ IL PARCO, SE LO CONOSCI LO CURI.

Post n°23743 pubblicato il 05 Giugno 2019 da forddisseche

Vieste/ IL PARCO, SE LO CONOSCI LO CURI.

Un nuovo progetto dell’Ipssar Mattei Vieste, alle classi di Accoglienza proposto dal Dirigente Scolastico, Paolo Soldano. Da un po’ di anni l’indirizzo del’istituto, ha subito una riduzione di nuove iscrizioni ad un’importante figura professionale nel mondo del turismo. Spesso gli alunni scelgono di spendere i propri anni di studio, verso la cucina e la sala per facili sbocchi di lavori,trascurando la fondamentale importanza dell’accoglienza.

La promozione e la conoscenza del proprio territorio diventa indispensabile per la scelta della propria meta turistica. Gli alunni delle classi seconde che hanno scelto l’indirizzo di Accoglienza sono stati invitati a seguire dalla Prof.ssa Orti Huelin Pilar  un progetto di formazione, dal titolo il Parco: Se lo conosci, lo curi. La finalità è quella di acquisire consapevolezza della ricchezza del proprio territorio facendolo proprio e adoperandosi per la sua difesa e salvaguardia,promuovendo e incentivando un turismo solidale e sostenibile.L’obiettivo principale quello di conoscere il Parco Nazionale del Gargano in tutte le sue caratteristiche storico,artistico,ricreativo e sportivo.

Parco nazionale del Gargano è un'area naturale protetta istituita dalla legge n. 394 del 6 dicembre 1991 che interessa 18 comuni:Cagnano Varano,Carpino,Ischitella, Isole Tremiti,Lesina,MattinataPeschiciManfredoniaVieste,Monte Sant’Angelo,Rignano Garganico, Rodi Garganico,Sangiovanni Rotondo,San Marco in Lamis,San Nicandro Garganico,Vico del Gargano,Vieste,Apricena/Serracapriola

ll Parco Nazionale del Gargano racchiude in poca estensione una vasta biodiversità spaziando tra gli habitat più diversi che compongono la natura del Mediterraneo. Queste caratteristiche delineano una considerevole diversità di fauna.Mare,boschi,laghi e zone umide si alternano a borghi e centri storici dove si respira un’atmosfera autentica e pregna di devozione,grazie agli antichi santuari che hanno fatto di questa zona un crocevia di culti e di culture.Questa è la guida ideale per presentare il nostro territorio al mondo turistico,per passeggiare tra le orchidee spontanee,per respirare aria pulita ed incontaminata nel polmone verde della Foresta Umbra,per ammirare la meravigliosa costa calcarea,per individuare alcuni esemplari tra i tanti uccelli che nidificano a ridosso dei laghi.Il Parco Nazionale del Gargano è un caso emblematico di natura antropizzata e mistica dove San Michele Arcangelo e San Pio vigilano e custodiscono i propri tesori di una terra preziosa.

                                                                 Tiziana Vescera

 
 
 

La cattedrale di Altamura accoglierà la salma di Mons. Castoro

Post n°23742 pubblicato il 05 Giugno 2019 da forddisseche

La cattedrale di Altamura accoglierà la salma di Mons. Castoro 

 
La cattedrale di Altamura accoglierà la salma di Mons. Castoro
 
 

Sarà traslata dal Cimitero nella cattedrale di Altamura la salma di mons. Michele Castoro, che dal 2009 al 2018 è stato arcivescovo di Manfredonia – Vieste – San Giovanni Rotondo, presidente di Casa Sollievo della Sofferenza e segretario generale dei Gruppi di preghiera di Padre Pio.

 

Lo ha annunciato questa mattina, durante la riunione della Conferenza Episcopale Pugliese, l’arcivescovo Giovanni Ricchiuti, pastore della Diocesi di Altamura – Gravina – Acquaviva delle Fonti, che presiederà una solenne Concelebrazione Eucaristica per la benedizione della tomba alle ore 19,00 del 25 giugno prossimo, in coincidenza del 14° anniversario dell’ordinazione episcopale di mons. Castoro, avvenuta ad Altamura il 25 giugno 2005.

 

teleradiopadrepio