Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 61
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

Meteo Vieste

 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvzeronuvolettaSifacreditopauradifarmaleLalla3672sanvassmassimo.sbandernogrinco1953HOT3NOT3liguoripasqualegloglogloriettatr20140demis888
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Messaggi del 02/09/2020

Monte S. Angelo/ Da venerdì 4 settembre la 3^ edizione di “Mònde”. Magia e biodiversità, il cammino attraverso la vetusta fagge

Post n°26976 pubblicato il 02 Settembre 2020 da forddisseche

Monte S. Angelo/ Da venerdì 4 settembre la 3^ edizione di “Mònde”. Magia e biodiversità, il cammino attraverso la vetusta faggeta della Foresta Umbra con degustazioni sonore e laboratori per i piú piccoli.  

  
 

Ripercorrere a piedi le antiche vie di pellegrini e crociati, seguendo le tracce della millenaria presenza dell’uomo o immersi nella natura selvaggia del territorio garganico. A “Mònde - Festa del Cinema sui Cammini” - l’unico festival cinematografico che unisce l’esperienza del territorio al suo racconto cinematografico - sarà possibile fare anche questo, grazie ai cammini organizzati dall’Associazione Monte Sant'Angelo Francigena e da MAD-Memorie Audiovisive della Daunia.

 

Durante le tre giornate del Festival, che si terrà dal 4 al 6 settembre 2020 a Monte Sant’Angelo, sarà possibile immergersi nei temi del viaggiare “lento” e del viaggiare tout-court non solo attraverso la proiezione di film a tema e i Walk Show, ma anche partecipando a cammini e passeggiate gratuiti alla scoperta delle aree naturalistiche e di interesse storico del Parco Nazionale del Gargano, che offre una straordinaria varietà di paesaggi e percorsi, alla portata di camminatori più o meno esperti, desiderosi di vivere un’esperienza indimenticabile tra storia e natura.

 

Sabato 5 settembre è in programma il cammino attraverso la Vetusta Faggeta della Foresta Umbra - sito Patrimonio mondiale UNESCO - nel Parco Nazionale del Gargano, per scoprire “Magia e biodiversità” accompagnati dalla guida Matteo Falcone.

 

Il ritrovo è alle 7.30 all’ingresso della Basilica di San Michele Arcangelo, per partire con il servizio navetta gratuito. Lungo il percorso, quasi tutto pianeggiante, sarà possibile ammirare tassi millenari e faggi di notevoli dimensioni. Alle 9.30 si andrà dall’Area Servizio Falascone verso la Caserma Murgia dove, alle 10.30, ci sarà il Live acusticoLe tre fate e lo zampognaro di Pescocostanzo” tratto da “Il Filatoio digitale” del progetto “Le Strade della Fiaba” del Dipartimento Cultura e Turismo Regione Puglia. Perché la Foresta è anche luogo di magia, ispiratore di fiabe e racconti popolari.

 

Alle 11.00 si ripartirà dalla Caserma Murgia in direzione Caserma Sansone, con una sosta al Laghetto D’Umbra. Alle 12.30 nei pressi della Caserma Sansone ci sarà la degustazione sonora che vedrà Paolo Sassanelli, accompagnato dai Rione Junno, omaggiare il cantore del Gargano Matteo Salvatore.

 

Durante il cammino è previsto anche il laboratorio creativo per i più piccoliCon le mani e con il cuore” a cura di Stefania Guerra.

 

Il rientro in navetta a Monte Sant’Angelo è previsto alle 14.

 

Durata del cammino: 3 ore, distanza da percorre 6 km, difficoltà: percorso facile.

 

Due gli appuntamenti in programma domenica 6 settembre: un cammino e una passeggiata guidata.

 

Il villaggio monastico” è il cammino guidato dell’archeologo Giuseppe Rignanese agli Eremi e all’Abbazia di Santa Maria di Pulsano.

 

Gli eremi sono il cuore più intimo dell’aspro territorio garganico: il loro silenzio, il mistero che li avvolge fanno da contrappunto alla trasbordante ricchezza di vicende storiche che ha caratterizzato la vicina Abbazia. Costruita nel VI secolo sul colle di Pulsano per volere del papa-monaco San Gregorio Magno, inserita in uno scenario di rocce grigie su strapiombi di oltre 200 metri, l’Abbazia è stata nei secoli luogo di monaci, anacoreti e cenobiti che si sono dedicati alla contemplazione e all’ascesi. Intorno all’edificio si trovano numerosi eremi (per ora ne sono stati censiti 24), alcuni dei quali ubicati in luoghi davvero inaccessibili.

 

Il ritrovo è alle 8.00 all’ingresso della Basilica di San Michele Arcangelo, per partire con il servizio navetta gratuito verso l’Abbazia di Pulsano. Alle 8.30 ci sarà la discesa verso gli Eremi e alle 11.30 è prevista una pausa ristoro. Il rientro in navetta a Monte Sant’Angelo è previsto alle 12.30.

 

Durata del cammino: 3 ore, distanza da percorre 5 km, difficoltà: solo per esperti.

 

I segni nella storia” è la passeggiata guidata da Michelle Trotta alla scoperta del caratteristico Rione Junno con le sue tipiche case dalle facciate bianche e i vicoli stretti, e del Santuario di San Michele Arcangelo simbolo di Monte Sant’Angelo e inserito nella lista dei beni Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Il ritrovo è alle 17 in Piazza de’ Galganis, dove avrà inizio la passeggiata per raggiungere il Santuario, seguendo una lunga strada tortuosa che culmina con un magnifico belvedere sul Golfo di Manfredonia. Da lì si andrà poi alla scoperta del suggestivo Rione Junno, dove perdersi in piacevoli passeggiate senza meta.

 

Durata del cammino: 1 ora e mezza, distanza da percorre 1,5 km, difficoltà: percorso facile.

 

Ai cammini è necessario portare: acqua, cappellino, scarpe da trekking, pranzo a sacco, guanti, mascherina, gel igienizzante. Prima dell’escursione verranno fornite ulteriori indicazioni sul comportamento da tenere.

 

Affinché i cammini si svolgano in completa sicurezza per tutti, è tassativamente obbligatorio prenotarsi - specificando il nominativo di ogni singolo partecipante unitamente ad un contatto telefonico - inviando una mail a: msafrancigena@gmail.com o contattando il seguente numero: 349.5095969.

 

I cammini sono a numero chiuso.

 

“Mònde – Festa del Cinema sui Cammini” è un’iniziativa della Regione Puglia - Assessorato Industria Turistica e Culturale a valere sulle risorse del Patto per la Puglia FSC 2014-2020 - prodotta da Apulia Film Commission nell’ambito dell’intervento Apulia Cinefestival Network con il contributo di Ente Parco Nazionale del Gargano e del Comune di Monte Sant’Angelo. Soggetto ideatore e organizzatore della manifestazione, per la Direzione artistica di Luciano Toriello, è MAD - Memorie Audiovisive della Daunia.

 

L’evento è realizzato in collaborazione con: Istituto Luce-Cinecittà e Università degli Studi di Foggia e con Ass. Monte Sant’Angelo Francigena e Rete Nazionale Donne in Cammino. Con il patrocinio dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. Mediapartner: Mediafarm e Radio NOVA IONS 97.

 
 
 

Puglia/ Piano Ospedaliero Covid: avviata la verifica

Post n°26975 pubblicato il 02 Settembre 2020 da forddisseche

Puglia/ Piano Ospedaliero Covid: avviata la verifica  

  
 

Il Dipartimento Salute della Regione Puglia ha avviato la verifica del piano ospedaliero Covid, con un esame dello stato dell'avanzamento dell'avvio dei reparti dedicati alla cura dei pazienti affetti da Covid-19.

 

Sono stati esaminati fattori come l'allestimento e la disponibilità di posti letto, il fabbisogno delle terapie intensive, i percorsi clinici e la separazione tra i settori e le attività covid da quelle no-covid.

 

E' stato impostato un lavoro che riguarda le aree vaste in modo da garantire l'efficienza dei flussi di ricovero, per permettere il regolare proseguimento delle attività sanitarie ordinarie nelle strutture ospedaliere e del territorio non interessate dall'emergenza Covid. "Il lavoro di affinamento - fa sapere la Regione Puglia - proseguirà nei prossimi giorni e permetterà di affrontare eventuali picchi di richiesta sanitaria per l'emergenza Covid senza bloccare le attività ordinarie".

 
 
 

Vieste/ Paesaggi, arte e ambiente con Collateral Maris

Post n°26974 pubblicato il 02 Settembre 2020 da forddisseche

Vieste/ Paesaggi, arte e ambiente con Collateral Maris  

  

Torna un appuntamento che da tre anni si prefigge l’obiettivo di esplorare le bellezze del territorio attraverso paesaggi, mostre, sapori ed espe­rienze che ne valorizzino il fascino e la storia.

 

A raccontare “Collateral Maris” (parte domani e si conclude il sabato) sono Nicla Del Frate e Francesca Partisan. “È la terza edizione del festival - spiegano - Siamo sem­pre state legate alla festa di Stella Maris, che non è molto calcolata dal com­parto turistico, ma è importante per i pescatori.

 

È una festa bellissima, che an­drebbe rivalutata e abbiamo pensato che il contributo avrebbe potuto essere affiancare dei contenuti collaterali che potessero mettere in relazioni paesaggi ed eventi. Il paesaggio rimane centrale. L’idea originale è quello di unire l’arte e il paesaggio, per unire il paesaggio importantissimo che abbiamo appunto.

 

Per quanto riguarda questa edizione abbiamo voluto farla comunque, anche se la festa di Stella Maris non ci sarà. Abbiamo voluto mantenere una continuità con il nostro festival, in quanto l’amministrazione comunale ha potuto appog­giarci per alcuni eventi, mentre altri sono autofinanziati.

 

A Vieste non è stato fat­to niente questa estate e volevamo fare qualcosa per il paese, per valorizzarlo. Non volevamo lasciare un buco in questa annata particolare. Inauguriamo il fe­stival con Maria Mazzotta e quest’anno è stata candidata come interprete fem­minile al Premio Tenco. La presentazione è invece affidata a Franco Salcuni, Legambiente”.      ,

 

Il percorso del festival non si lascia scoraggiare e nonostante le possibilità a di­sposizione siano meno ampie delle precedenti edizioni, Nicla e Francesca han­no deciso di raccontare anche quest’anno la loro terra, il valore dell’ambiente e l’importanza di salvaguardare la bellezza offerta dal territorio.

 

Un percorso dai colori vivaci e dai sapori decisi, che sposa per una sera anche il festival Mónde. “Apriamo la parte fotografica con un progetto dedicato al ruolo dei pescatori e dei pescherecci nella lotta contro la plastica in mare - continuano - Il lavoro di Antonio Tartaglia documenta un programma usato da un’associazione di San Benedetto, che ha raccolto 27 tonnellate di plastica nell’Adriatico.

 

Ci sarà un la­boratorio creativo per bambini con Silvana Ninivaggi, una scenografa che ha collaborato con la Rai, insieme all’associazione Seconda Stella a Destra. Inol­tre, l’associazione Mythos crearà un percorso apposito sulle popolazioni. So­no ricercatori topici e cercano continuamente posti e storie che persino la gen­te del posto non conosce.

 

Arriviamo al 5, al mattino in Foresta Umbra per un’im­mersione nella natura in collaborazione con Mónde, con cui condivideremo il momento finale con Luisa Arena. Durante questa passeggiata Nicla farà intro­duzione ad una pratica giapponese che ognuno può applicare nella vita di tutti i giorni.

 

Il progetto del festival è nato in principio con l’idea di creare una colla­borazione territoriale senza i soliti campanilismi dove ognuno fa ciò che può a casa sua e non si collabora. Chiudiamo con il poeta Cinaski. Grazie all’aiuto di tutti siamo riusciti a mettere su il programma.

 

Manderemo in onda il 3 dato che non abbiamo potuto fare queste cose dal vivo un Dj set all’alba che mandere­mo la mattina per inaugurare il festival. Ad occuparsene è Dj set Tempeo”. Tema di quest’anno è “Sublevare”. “L’anno scorso era “Sotto la superficie”, con cui volevamo raccontare questioni sociali importanti -concludono Nicla Del Fra­te e Francesca Partisan - Prima che scoppiasse il caso Covid avevamo deciso di dedicare questa edizione al tema del sollevare, in latino sublevare, che si de­clina come liberare qualcosa dai pesi, dal dolore, sollevarsi nel senso di reagi­re o di combattere per qualcosa.

 

All’inizio l’abbiamo scelto perché nel 2019 ci sono state rivolte sociali in Cile, in Europa. Avevamo notato questo solleva­mento e abbiamo infine pensato che il tema andava bene anche per l’era post- Covid e di prendere consapevolezza di quello che ci dicono e vogliono farci cre­dere”.

 

E aggiungono: “Noi facciamo questo festival perché ci piace creare qual­cosa per questo posto, ma credo che la gente dovrebbe partecipare, un tenta­tivo almeno, che diventa consapevolezza da parte delle persone che sosten­gono la realtà e le idee che portano qualcosa al territorio, se i cittadini sosten­gono queste idee c’è più possibilità di farle proliferare”.

 

Il sogno di due appassionate garganiche di vivere la propria terra e farla cono­scere.

 

Silvia Guerrieri

 

l’attacco

 

 

 

CALENDARIO DEGLI EVENTI

 DAL 3 AL 5 SETTEMBRE a VIESTE 

Mostra: “FISHING FOR PLASTIC” di Antonio Tartaglia| free
Molo Est pescherecci – Porto di Vieste
————

 GIO. 3 SETTEMBRE 

h 18.00 –
UN FARO PER I NAVIGANTI:STORIE DI MOZZI, MARINAI E SIRENE // con Silvana Ninivaggi
Laboratorio Creativo per bambini
a cura di Ass. Seconda stella a destra
————
h 19.00 – AMOREAMARO / MARIA MAZZOTTA DUO
live voce e fisarmonica vista tramonto

 VEN. 4 SETTEMBRE 

h 19:00 – PERCORSI DI BELLEZZA: I GERMOGLI DEL TEMPO
Visita guidata tematica del centro storico di Vieste
a cura di Ass. Mythos Cultura
————

 SAB. 5 SETTEMBRE 

h 08.30 – COLLATERAL IN

 

CONTRA MONDE // CAMMINI IN NATURA
passeggiata alla scoperta della biodiversità della Foresta Umbra
mini laboratorio di Mikusano Mitakara
Concerto
Degustazione Birra del Gargano
————
h 18.00 – PAROLE D’ALTROVE
reading poetico musicale con Vincenzo Costantino/Cinaski
Degustazione vini Cantine Merinum

 

 

 

Altri eventi o dettagli potranno essere aggiunti, quindi seguiteci e sosteneteci prenotando il vostro posto ai nostri eventi!

 

Website http://collateralmarisfestival.it

 

Facebook http://www.facebook.com/collateralmarisfestival/

Email collateralmaris@gmail.com

 
 
 

Perdiamo oggi uno stimatissimo medico, un uomo saggio, un amico fraterno. Ci ha lasciato Giancarlo Troja. Domani a Vieste, al c

Post n°26973 pubblicato il 02 Settembre 2020 da forddisseche

Perdiamo oggi uno stimatissimo medico, un uomo saggio, un amico fraterno. Ci ha lasciato Giancarlo Troja. Domani a Vieste, al cimitero, la messa di commiato e la tumulazione alle ore 10,00.  

  

Aveva 71 anni. Un abbraccio ad Enza, Narda,  Francesca a alla famiglia tutta.

 

Grande,

 

nessuno di noi avrebbe mai immaginato che questo giorno sarebbe arrivato così velocemente e che saremmo stati qui a ricordare insieme la bella persona che sei stata, il tuo coraggio, il tuo entusiasmo, la tua determinazione, la tua curiosità, la tua allegria, il tuo altruismo, la tua generosità.

 

Si può fare ogni genere di errore, ma finché sei generoso, come Tu lo sei stato, sincero e fiero, non puoi fare del male al mondo né addolorarlo sul serio.
 Le amicizie non sono mai spiegabili e non bisogna spiegarle.

 

Ma, è certo che l'amicizia non riguarda chi conosci da più tempo. Riguarda chi è entrato nella tua vita, ha detto "Sono qui per te" e lo ha dimostrato. È un amico chi indovina sempre il momento in cui abbiamo bisogno di lui.

 

L’amicizia non è un modo di dire che accompagna alcuni momenti della vita, è tu lo hai saputo bene, ma il filo conduttore tenace e sommerso che guida la vita e ne evita la dispersione.

 

Dovremmo invertire i saluti, e dirci non addio ma arrivederci quando ci allontaniamo definitivamente in punto di morte.

 

Di più non sappiamo dire; però davanti alla disperata euforia dei nostri giorni, dove l’essere sparisce nel nulla e si gode la vita al consumo, una strana allegria ti prende nel sapere che la morte restituisce i remoti attraverso l’amore.

 

Come l’estate di san Martino, c’è pure l’estrema allegria della morte.

 

La morte non ci separa, grande Giancarlo, ma ci ricongiunge.  Così ci riabbracceremo…per sempre!  

 

fraternamente

 

i tuoi amici di Vieste

 

Ora il silenzio più difficile da ascoltare…

 
 
 

Vieste/ Bartolomeo Solitro conferma la sua presenza alla decima edizione del Rally Porta del Gargano

Post n°26972 pubblicato il 02 Settembre 2020 da forddisseche

Vieste/ Bartolomeo Solitro conferma la sua presenza alla decima edizione del Rally Porta del Gargano  

  
 

Il driver di Viste conferma come da programma 2020 la sua presenza alla gara di casa.

Si aggiunge al nutrito parco partenti in particolare di R5 Bartolomeo Solitro che come da programma già anticipato in precedenza. Si preannuncia una decima edizione all’insegna delle grandi battagli per le posizioni di vertice il tutto garantito nelle prescrizioni delle norme anticovid. Una manifestazione rallistica organizzata tra le mille diffiicoltà e restrizioni ma il gruppo di lavoro organizzativo ha fatto un ottimo lavoro.

 

Bartolomeo Solitro dopo la prova del Rally di Pico sarà ai nastri di partenza della decima edizione del Rally Porta del Gargano su una Skoda Fabia R5,della Step Five Motorsport di Marco Perniconi, e sotto la supervisione della scuderia Project Team. .
Al suo fianco non poteva mancare il suo fido navigatore Alberto Porzio.

Bartolomeo dice:”Sono molto contento di disputare la gara di casa per l’ennesimo anno siamo presenti come da programma 2020, vista la categoria sarà una grande battaglia, speriamo di far bene. Faccio un grande saluto a tutti i concorrenti dei questa decima edizione del Rally Porta del Gargano augurando a tutti un buon soggiorno sulla nostra favolosa terra. Ringrazio in modo particolare tutto lo staff di Mattiperlecorse per il grande contributo sul piano della comunicazione.

 

Sante Raduano e Giorgia Ascalone al 10° Rally Porta del Gargano
Tornano a condividere l’abitacolo l’equipaggio composto da Sante Raduano e Giorgia Ascalone.

L’occasione della decima edizione della manifestazione rallistica targata ASD Piloti Sipontini ha creato i presupposti per questo grande ritorno che vede Sante Raduano tornare al volante e la bravissima Giorgia Ascalone che tra tanti impegni non ha voluto mancare a questa edizione numero dieci.
Tutto pronto per questo equipaggio già collaudato e vincitore di vari trofei tra cui coppa italia e trofeo regionale negli anni scorsi torna a sfrecciare tra le splendide ps di questo magnifico Gargano.

 

Sante e Giorgia prenderanno il via a bordo di una Ford Fiesta rally 4 classe r2 sotto la supervisione tecnica del Team JME di Marco Savini sotto i colori della famigerata scuderia Project Team.

 

Sante dice:” Contento di ritornare a correre dopo il periodo non bello che abbiamo attraversato ma con un po’ di ansia perché fermi da un’anno e al debutto con un auto tutta nuova da scoprire in gara. Contento di ritrovare Giorgia alle note.