Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 61
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

Meteo Vieste

 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvyarisdgl5rivoluzionannawintour0andrea.sollaiamistad.siempreroughnesscassetta2fedele.belcastropupiratocicobyvecchietto0Galadrielle1
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Messaggi del 11/11/2020

Gioia del Colle, gara di solidarietà per salvare circo ingabbiato da mini lockdown Il sindaco ha comunicato a Togni che...

Post n°27285 pubblicato il 11 Novembre 2020 da forddisseche

Gioia del Colle, gara di solidarietà per salvare circo ingabbiato da mini lockdownIl sindaco ha comunicato a Togni che può restare a Gioia tutto il tempo necessario, senza pagare nessuna tassa di occupazione di suolo pubblico

  
Gioia del Colle, gara di solidarietà per salvare circo ingabbiato da mini lockdown
 
 
 
 

GIOIA DEL COLLE - Sono bloccati a Gioia del Colle da tre settimane. «Viene il tempo di fermarsi», canta Renato Zero nel brano «Il circo». Manco a farlo apposta. Ma sotto il loro tendone è arrivata la solidarietà di una città intera.

Un carrozzone di 50 dipendenti, più famiglie con figli al seguito, tra cui bambini piccoli. E ancora 45 animali, di cui 35 cavalli e 14 specie esotiche: zebre, cammelli. E per fortuna non ci sono i leoni. «Li avevamo spostati al sicuro nei nostri allevamenti, altrimenti sarebbe stato un problema ancora più serio», dice Vinicio Togni, anni 63, proprietario del circo «Lidia Togni», uno dei più importanti al mondo, eredità preziosa della sua mamma. Parla con le lacrime agli occhi ringraziando quanti li stanno aiutando. «Non ce lo aspettavamo, siamo davvero commossi».

Ieri mattina sotto il tendone di uno dei circhi più premiati al mondo (tra cui il Festival internazionale di Montecarlo), primo in Italia per qualità, è arrivato l’assessore alla Cultura, Lucio Romano. Ha portato un vassoio di dolci di pasta di mandorla, un simbolo per onorare la domenica, ma soprattutto per far sentire la vicinanza dell’amministrazione («Perché il circo ha un prestigioso valore culturale», dice l’assessore).

Il sindaco, Giovanni Mastrangelo, ha comunicato a Togni che può restare a Gioia tutto il tempo necessario, senza pagare nessuna tassa di occupazione di suolo pubblico. «Cosa non scontata», dice Togni alla «Gazzetta», perché in altre parti d’Italia non è successo. Con l’assessore c’era l’imprenditrice Francesca Di Matera che, insieme ad altre aziende del posto, ha portato nei giorni scorsi cibo agli animali. Foraggio, balle di fieno. E soprattutto c’era Rosanna D’Aprile, presidente del Centro d’Ascolto «Dal Silenzio alla Parola» che insieme alla parrocchia di Santa Lucia ha donato viveri e medicinali.

Una raccolta è stata attivata anche nella parrocchia Immacolata, su mobilitazione di Caritas e catechisti (tutti i giorni dalle 17 alle 19) e dall’associazione «Amici di Carlo» che, prima del Covid, ogni sabato preparava 70 pasti caldi per i bisognosi. «Non vogliamo soldi, accettiamo solo cibo per le nostre famiglie e per gli animali - dice con grande dignità Togni - ma accogliamo l’aiuto solo se non viene sottratto ad altre famiglie che ne hanno bisogno più di noi».

La sua preoccupazione grande sono gli animali: «Ora la situazione è sotto controllo, ma non sappiamo per quanto». Nei giorni scorsi è arrivato anche il sostegno dei veterinari della Asl mentre centro d’ascolto e Comune si stanno mobilitando per le vaccinazioni, soprattutto per gli anziani e i soggetti più fragili.

Togni è addestratore di cavalli. Con lui ci sono la moglie Daniela, anni 38, cilena d’origine, ma da 20 anni in Italia. Hanno tre figli: la 17enne Giorgia volteggia sul trapezio e fa il quarto anno delle superiori. Mattina e pomeriggio si allena almeno per due ore. Poi c’è Vinicio Junior (pugliese a tutti gli effetti dato che è nato all’ospedale «Miulli» di Acquaviva) che ha 15 anni e ama i cavalli come il padre. Anche lui fa la superiori. Perché i figli dei circensi vanno a scuola, cambiando istituto a seconda degli spostamenti, ma ci vanno. Con ottimi risultati. La più piccola, Sofia, ha 5 anni e già inizia a esercitarsi in «spaccate» anche se la carriera di famiglia per tutti non è mai stata una imposizione.

Il circo Togni è in Puglia per un tour che li avrebbe portati in giro per la provincia di Bari e poi anche a Taranto per il periodo natalizio. Ma gli ultimi decreti hanno interrotto tutto e non possono partire. Come puoi tornare a casa quando la tua casa viaggia ogni giorno con te? Una vita itinerante bloccata in uno spiazzo poco fuori città, al di là del ponte della ferrovia, dove le ultime palazzine lasciano spazio alle prime masserie della campagna. Quasi una nemesi per chi è abituato ad essere sempre in giro.

Un contrappasso psicologico difficile da destreggiare. Ma i circensi non si perdono mai d’animo, nel carrozzone «tempo per piangere no, non ce n’è». Continuano ad allenarsi come se si dovesse andare in scena ogni giorno. Soprattutto per farsi trovare pronti quando si potrà ripartire. Con un’intenzione ben precisa: «Al primo spettacolo ospiteremo gratuitamente le famiglie bisognose di Gioia - promette Vinicio Togni - Sarà un modo di dire grazie a questa città che ci ha accolto superando ogni pregiudizio».

 
 
 

VIESTE – Anche quest’anno “#ioleggoperchè” all’Istituto comprensivo Il Nov 11, 2020 101 Condividi L’Istituto Comprensivo “Rod

Post n°27284 pubblicato il 11 Novembre 2020 da forddisseche

VIESTE – Anche quest’anno “#ioleggoperchè” all’Istituto comprensivo

101

L’Istituto Comprensivo “Rodari-Alighieri-Spalatro” di Vieste aderisce, anche quest’anno, all’iniziativa nazionale #ioleggoperché. ■
Al via la quinta edizione della grande iniziativa sociale che ha portato sino ad ora oltre 1 milione di libri nuovi nelle biblioteche scolastiche di tutta Italia.
Da sabato 21 novembre a domenica 29 novembre 2020 parte #ioleggoperché, il grande progetto sociale che coinvolge lettori di ogni età, librerie e scuole, la più grande iniziativa nazionale di promozione della lettura, organizzata dall’Associazione Italiana Editori in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Mibact e Cepell.
“#ioleggoperché riparte con forza ed entusiasmo per avvicinare i ragazzi alla lettura, far loro comprendere il fascino di immergersi nel mondo della fantasia e della immaginazione – sottolinea il Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini”.
Al centro dell’iniziativa ci sono i libri, le persone, tutti gli organismi e le iniziative che hanno a cuore la lettura e, in generale, la cultura. L’Istituto comprensivo “Rodari-Alighieri-Spalatro” di Vieste coglie questa occasione per sostenere il valore educativo e creativo della lettura.
Un grande lavoro di squadra che, a partire dagli editori e dalle Istituzioni, coinvolge ancora una volta librerie, biblioteche, media, tutte le tv (Rai, Sky, La7, Mediaset TgCom24) e privati cittadini per formare i lettori di domani. Tutti insieme per arricchire il patrimonio di libri delle scuole italiane!!
Si rafforzano le azioni comuni di promozione della lettura, a partire dalla sinergia con Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole. La settima edizione, in programma dal 16 al 21 novembre, anticipa e annuncia le giornate clou di #ioleggoperché in un ideale passaggio di testimone che vede nella fine di una campagna l’inizio dell’altra.
Tutti i cittadini sono invitati a donare un libro alle biblioteche delle classi dei plessi della scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Vieste.
Da sabato 21 a domenica 29 novembre ci si può, dunque, recare presso la libreria gemellata con l’istituto, la Cartolibreria Disanti, per l’acquisto del dono librario e indicare la classe e l’ordine scolastico a cui è destinato, #ioleggoperché́ 2020 è quest’anno “a prova di Covid-19”: per agevolare le donazioni è possibile donare anche a distanza al link https://www.ioleggoperche.it/dona-a-distanza#libreria-map