Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 62
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechetonizetapupiratofrancotrottalaboratoriotvprefazione09loredana_popacaterina216lisa.dagli_occhi_blucintoliantonioghito71LUPOGATTO222tempestadamore_1967Stratocovers
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Messaggi del 16/02/2021

RODI/ IL CONSERVATORIO PUNTA A TORNARE DA GIUGNO ALLA MUSICA IN PRESENZA

Post n°27780 pubblicato il 16 Febbraio 2021 da forddisseche

RODI/ IL CONSERVATORIO PUNTA A TORNARE DA GIUGNO ALLA MUSICA IN PRESENZA

«Il Conservatorio di Musica “Umberto Giordano” sezione di Rodi Garganico è decisamente un fiore all’occhiello del Gargano»: così il presidente in carica del Conservatorio di Foggia, Saverio Russo, docente di Storia Moderna dell’Università di Foggia che si occupa, tra l’altro, di storia eco­nomica e sociale del Mezzogior­no.

L’attenzione verso la sede di Rodi e gli investimenti finora rea­lizzati denotano la consapevolezza dei vertici del Conservatorio della funzione culturale che un presidio di alta formazione ha su tutto il territorio del nord Gargano. Dal febbraio del 2019 l’immobile che lo ospita, di proprietà della Provin­cia, è stato concesso in comodato ad Conservatorio “Giordano” che quindi provvede al pagamento del­le utenze e alla manutenzione. Sono stati numerosi e proficui gli interventi degli ultimi anni: dal miglioramento della rete telema­tica ai lavori nell’auditorium in­terno, compreso l’ampliamento dell’accesso che lo collega all’auditorium esterno a sua volta ristrutturato. Sono stati anche mon­tati pannelli fono-assorbenti in molte aule per migliorarne l’acu­stica. Altra bellissima iniziativa voluta dalla direzione è stata la concessione di tablet in comodato a quanti tra gli studenti non pos­sono acquistarli, così da garantire parità di accesso alla didattica a distanza attivata dal Conserva- torio per le materie teoriche e collettive. «Il nostro obiettivo per il 2021 – spiega Russo – è in primo luogo quello di tornare a svolgere le attività concertistiche che co­stituivano ormai un appuntamen­to fisso della stagione estiva: la XVI edizione del Rodi Jazz Fest a fine giugno e la III edizione del Campus Orchestra nella prima decade di settembre. Inoltre il no­stro programma, rinviato dallo scorso anno quando riuscimmo a realizzare, causa Covid, una solo iniziativa, in Foresta Umbra, è quello di portare le nostre attività musicali anche nelle altre località del Gargano, in sinergia con il Parco nazionale. Sarà l’andamen­to epidemiologico dei prossimi mesi a dirci quanto di questo programma sarà realizzabile». In un’ottica di crescita è au­spicabile più consapevolezza e col­laborazione da parte degli am­ministratori locali e dell’intera comunità i quali hanno, insieme al Conservatorio, un ruolo fon­damentale a sostegno dei giovani studenti della sezione di Rodi per la maggior parte provenienti pro­prio dalle cittadine garganiche.

«La sezione staccata di Rodi rappresenta per il territorio del nord Gargano ima risorsa straor­dinaria in quanto unico presidio universitario presente – rimarca Russo -. Pertanto la sua esistenza ha un valore non solo artistico-musicale, ma culturale a trecentosessanta gradi». In effetti l’attenzione mostrata alla sede di Rodi e gli investimenti finora rea­lizzati partono dalla consapevo­lezza della funzione culturale di questo presidio di alta formazione in un’area particolarmente deli­cata del territorio. «Abbiamo fatto negli anni passati e faremo il massimo per la valorizzazione di questa nostra struttura, perché sia percepita come una risorsa non solo di Rodi, ma di tutto il Gar­gano» conclude Russo.

Anna Lucia Sticozzi

 
 
 

MANFREDONIA/ DALLA PROTESTA ALL’ASSOCIAZIONE COSTITUITA “IO SONO PARTITA IVA”.

Post n°27779 pubblicato il 16 Febbraio 2021 da forddisseche

MANFREDONIA/ DALLA PROTESTA ALL’ASSOCIAZIONE COSTITUITA “IO SONO PARTITA IVA”.

A due mesi dalla manifestazione in piazza «Io sono partita Iva», che ha visto la partecipazione di decine di operatori commerciali di Man­fredonia, tra ristoratori, titolari di bar e di liberi professionisti con partite Iva, i promotori dell’iniziativa hanno annun­ciato di essersi costituiti in associazione con il nome «Io sono partita Iva» e di aver eletto gli organi direttivi. Oltre all’istan­za che in quell’inizio di dicembre li aveva portati ad inscenare la pacifica protesta (ovvero il diritto di essere ascoltati dalle istituzioni comunali, regionali e nazio­nali per tutte le decisioni che riguardano la loro categoria penalizzate dalla pan­demia), l’associazione ne porterà avanti altre richieste, con l’obiettivo di occu­parsi di ogni esigenza o problematica riguardante il settore dell’horeca e il mondo delle figure professionali che ruo­tano intorno ad esso. «Proseguiremo in maniera strutturata non solo nell’azione di tutela degli in­teressi e dei diritti delle partite Iva, ma anche e soprattutto» ha detto il neo pre­sidente Michele Bisceglia «per contri­buire al processo di sviluppo e di cam­biamento del territorio». Lavoro di squa­dra e sinergie costruttive per tutelare e sostenere le centinaia di piccole imprese commerciali, di somministrazione, ar­tigiane e imprenditoriali alle quali fa capo gran parte del pii (prodotto interno lordo) di Manfredonia e, allo stesso tem­po, per essere protagonista del territorio e della sua prossima ripresa. Il nome, il simbolo e i volti dei membri del consiglio direttivo, nelle intenzioni dei fondatori diverranno punto di ri­ferimento per il tessuto economico si- pontino attraverso la condivisione dei valori fondanti della partecipazione, del­la solidarietà, della trasparenza: le fon­damenta e il collante morale del consesso associativo a cui hanno dato vita. Il presidente e legale rappresentante pro-tempore di «Io sono partita Iva» è Michele Bi­sceglia, affiancato dal vicepresi­dente Nicola Pesante e dal segre­tario Benedetto Mangano. Ciascu­na delle categorie di attività pre­senti nell’associazione avrà un rappresentante.

«Desidero innanzitutto ringra­ziare tutti gli amici soci che hanno voluto affidarmi questo incarico: Manfredonia può e deve crescere» ha commentato Bisceglia «e noi ci siamo per fare la nostra parte. Avevamo bisogno di organizzarci e lo abbiamo fatto, insieme ora potremo contare di più ed essere parte anche dei processi decisionali. L’associazione na­sce dalla comunione di intenti di un gruppo di persone che condividono la passione per il proprio lavoro e l’at­taccamento al bene della città, è aperta a tutti e avrà ima sola voce. Nelle prossime settimane inizierà il lavoro di pianifi­cazione e programmazione delle attività e degli interventi».

A.M.V.