Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 62
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvEmozionarmi2decarolistefanoLaStanzaChiusamassimiliano650robertoflorioDetectifygino.dellannavega1982otticabofmarcotano69setteluglio1978essepimed
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Messaggi del 05/07/2021

Il dramma di Vieste in un tratto di mare con divieto di balneazione, la bambina tradita da forte corrente.

Post n°28414 pubblicato il 05 Luglio 2021 da forddisseche

Il dramma di Vieste in un tratto di mare con divieto di balneazione, la bambina tradita da forte corrente. La ricostruzione della Guardia Costiera

Sono in corso le attività d’indagine, coordinate dalla Procura della Repubblica di Foggia che ha disposto il trasporto della salma in obitorio


Condividi su

Una giornata drammatica per Vieste e tutta la provincia di Foggia, orfana di una bambina di soltanto 12 anni, morta annegata nelle acque del Gargano. La ricostruzione dei fatti in una nota stampa diramata dalla Guardia Costiera, Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste. “Alle 10:50 – scrivono – la Sala Operativa dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste ha avviato una vasta operazione di ricerca e soccorso nelle acque di competenza quando un passante, allarmato dalla presenza di tre bambini a nuoto tra l’Isola del Faro e Marina Piccola nonostante il mare agitato, ha segnalato il tutto tramite il numero per le emergenze in mare 1530.

Immediato l’avvio delle ricerche da parte del personale della Guardia Costiera che, valutando il basso fondale e la necessità di immediato intervento, tramite l’utilizzo di un gommone privato ormeggiato dinanzi agli Uffici, senza esitare ha raggiunto il luogo della segnalazione riuscendo a trarre in salvo due fratellini, C.D. e C.F., rispettivamente di 11 e 8 anni. Gli stessi, nonostante lo shock, hanno confermato la presenza di una terza persona, la loro cuginetta di 12 anni. Poi sono stati affidati alle cure dei sanitari.

 

Dalla Sala Operativa è stato predisposto un piano di ricerca in mare e lungo il litorale costiero con pattuglie a terra, coinvolgendo altresì la Polizia Locale del Comune di Vieste e la locale Stazione dei Carabinieri. In mare, quindi, è stata inviata l’unità appositamente predisposta per la ricerca e soccorso (SAR – Search and Rescue) CP 880, il battello costiero A74 in forza all’Ufficio Locale Marittimo di Rodi Garganico coordinando l’intervento di altre imbarcazioni e natanti di privati cittadini volenterosi a fornire il proprio contributo.

Il tratto di mare in questione, peraltro interessato da un divieto di navigazione e balneazione, anche in condizioni normali presentava una forte risacca che rendeva difficoltosa lo svolgimento di attività natatoria. Tale condizione è stata ancor più resa pericolosa dall’immediato alimentarsi di una forte corrente e conseguente mare agitato, che ha reso necessario estendere l’area di ricerca anche verso il litorale più a sud di Vieste.

Vista la necessità di impiegare anche mezzi aerei – riporta ancora la nota –, il coordinamento delle operazioni è stato assunto dal MRSC (Centro di Coordinamento Regionale) della Guardia Costiera di Bari che ha disposto l’invio sul posto di due elicotteri, rispettivamente un AW 139 CP proveniente dalla Base Aerea Guardia Costiera di Pescara ed un elicottero specializzato dei Vigili del Fuoco proveniente da Bari, che hanno integrato il dispositivo terrestre e navale presente sul posto ed impiegato nelle ricerche.

Contestualmente all’imminente arrivo del Nucleo Sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Taranto, il corpo esanime della bambina è stato ritrovato sugli scogli di Marina di Vieste ed immediatamente trasportato in banchinaAll’arrivo, il personale del 118, già presente sul posto, ha effettuato le previste manovre di primo soccorso, con esito negativo e constatando, purtroppo, l’avvenuto decesso.

Nonostante l’enorme sforzo profuso, anche da diversi volontari che sono accorsi sul luogo ed hanno messo a disposizione dell’Autorità Marittima le proprie imbarcazioni ed il proprio contributo, la collaborazione tra le diverse istituzioni e l’impiego di un dispositivo aeronavale completo, le operazioni di salvataggio della bambina hanno quindi avuto esito negativo. Sono in corso le attività d’indagine, coordinate dalla Procura della Repubblica di Foggia che ha disposto il trasporto della salma presso l’obitorio per i successivi accertamenti a cura del medico legale.

La tragedia occorsa in data odierna – concludono dalla Guardia Costiera di Vieste – rende doveroso rammentare di non sottovalutare mai le condizioni meteomarine che, come nel caso di oggi, possono mutare repentinamente nonché consultare le Ordinanze emesse dagli Enti competenti per evitare situazioni di pericolo o rischio già note”.

 
 
 

VIESTE – Ritrovata priva di vita la ragazzina scomparsa in mare Ultimo aggiornamento Lug 5, 2021

Post n°28413 pubblicato il 05 Luglio 2021 da forddisseche

VIESTE – Ritrovata priva di vita la ragazzina scomparsa in mare 

 
2.029
 

E’ stata ritrovata poco fa, priva di vita, poco distante dal luogo in cui era scomparsa, la ragazzina dispersa questa mattina in mare nella baia di Marina Piccola a Vieste.

 

A recuperare il cadavere della piccola sono stati gli uomini della Guardia costiera che, unitamente a vigili del fuoco, carabinieri, polizia locale, tanti volontari (in particolare noleggiatori di gommoni) e l’ausilio di un elicottero di Alidaunia, hanno setacciato per lunghe ore tutta la zona. Il corpo della bambina è affiorato nello specchio acqueo tra il faro e la scogliera di San Francesco, dove la corrente marina è alquanto forte. Purtroppo non c’è stato nulla da fare: la piccola è morta per asfissia da annegamento.

Una volta recuperato, il corpicino è stato caricato su un gommone per essere trasferito al porto dove era ad attendere un’ambulanza del 118 che lo ha portato al pronto soccorso per gli accertamenti medico-legali.

 

La magistratura ha aperto un’inchiesta per fare piena luce su quanto accaduto. Le indagini sono condotte, oltre che dalla Guardia costiera, dai carabinieri della locale tenenza.

 
 
 

Radio e Tv. RSGP: coordinamento FM tra Italia, Slovenia e Croazia attraverso passaggio DAB+ di alcune stazioni.

Post n°28412 pubblicato il 05 Luglio 2021 da forddisseche

Radio e Tv. RSGP: coordinamento FM tra Italia, Slovenia e Croazia attraverso passaggio DAB+ di alcune stazioni. Ma gli sloveni non ci credono 
 
  







 
Nanos RSGP antenne - Radio e Tv. RSGP: coordinamento FM tra Italia, Slovenia e Croazia attraverso passaggio DAB+ di alcune stazioni. Ma gli sloveni non ci credono
 

Il 16 giugno 2021 a Bruxelles si è tenuto l’incontro nell’ambito del RSGP (Radio Spectrum Policy Group) RSPG21-028 Final Radio Spectrum  27th Progress Report of the RSPG Sub-Group on cross-border coordination, che, tra le altre cose, ha trattato problematiche di carattere interferenziale radiotelevisive tra Italia, Croazia e Slovenia. Ipotizzando uno switch-over di alcune emissioni da FM a DAB+

 RSGP: target coordinamento interferenziale concreto 

Gli esiti dell’incontro, che riportiamo qui, hanno visto l’impegno dei paesi ad intervenire per favorire il coordinamento radioelettrico, attraverso soluzioni tecniche e strategiche che potrebbero anche condurre ad approcci inediti.

Comparto Tv solo dopo giugno 2022 

Relativamente alle interferenze televisive, l’Italia ha insistito sull’impossibilità di conseguire soluzioni definitive prima della conclusione del processo di refarming della banda 700 MHz, prevista entro il giugno/luglio 2022.

DAB+ e FM 

Più complessa la situazione per FM e DAB+. Per la banda VHF (DAB+), il gruppo adriatico e ionico di RSGP pianificherà un nuovo incontro con l’obiettivo di finalizzare l’accordo e sottoscriverlo. Successivamente, l’Italia definirà il proprio piano VHF.

 Al palo 

Per le interferenze FM, il consesso RSGP ha rilevato come, allo stato, non siano “stati compiuti progressi con Croazia e Slovenia anche per i casi prioritari individuati da questi due paesi”.

Le soluzioni 

Tra le soluzioni avanzate, merita attenzione quella che l’Italia adotti un (altrettanto inedito e tardivo, visto che è atteso quantomeno dal 1991) piano di coordinamento frequenziale per la banda FM che consenta di negoziare con Slovenia e Croazia un accordo sullo sfruttamento concertato della modulazione di frequenza, “garantendo un accesso equo e ottimizzato della capacità per ciascun paese”.

 L’Italia allochi gli interferenti in FM sul DAB+ 

Rilevante la citazione che il Piano dovrebbe comportare “il passaggio di alcune emittenti FM alla piattaforma DAB+”. Difficile in questo immaginare come si possa, da parte dell’Italia, assegnare priorità di attribuzione delle frequenze coordinate all’esito della concertazione. Anche perché è giuridicamente insostenibile che ciò possa avvenire sulla base della mera occupazione senza un processo competitivo di assegnazione (bando di attribuzione del diritto d’uso).

Lo scetticismo sloveno… 

Scetticismo è poi stato manifestato dalla Slovenia, che ha rilevato come sugli attuali mux DAB+ italiani una quota di capacità trasmissiva sia occupata da nuovi programmi e non già da emissioni già presenti in FM. Ciò, secondo gli sloveni, limiterebbe l’efficacia della soluzione di migrazione di emissioni FM sul DAB+ per assenza concreta di spazio.

 … da respingere al mittente 

Considerazione in realtà del tutto inadeguata, posto che il refarming della banda 700 MHz consentirà la liberazione di frequenze televisive per lo sviluppo della radio digitale aumentando notevolmente la capacità trasmissiva disponibile. Anche se, effettivamente, una gestione più accorta della capacità trasmissiva per soddisfare prioritariamente il symulcasting di quanto presente in FM sarebbe asupicabile. (M.L. per NL)

 
 
 

Foggia,monete d'oro e reperti preziosi in casa: nei guai marito e moglie Il valore dei reperti, già sequestrati

Post n°28411 pubblicato il 05 Luglio 2021 da forddisseche

Foggia,monete d'oro e reperti preziosi in casa: nei guai marito e moglieIl valore dei reperti, già sequestrati e affidati alla Soprintendenza, è di oltre quindicimila euro

Redazione online

05 Luglio 2021

Foggia,monete d'oro e reperti preziosi in casa: nei guai marito e moglie

Foggia - Finiscono nei guai due coniugi foggiani con la passione proibita per l'archeologia. Alcuni giorni fa, i carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Foggia, coadiuvati dalle gazzelle del 112,  hanno perquisito un appartamento nel quartiere Ferrovia e lì hanno trovato 54 reperti archeologici risalenti presumibilmente al periodo tra il VI e III secolo a.c. del valore complessivo di circa 15mila euro. IN casa di marito e moglie c'erano olle, brocche e piccoli vasi in terracotta oltre a 15 monete e una medaglia d'oro del periodo tra il IV secolo a.c. e il XX secolo, per un valore complessivo che oscilla tra i 5000 e gli 8000 euro.

Fondamentale è stata la collaborazione con il personale della Sovraintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Foggia e Barletta-Andria-Trani, che ha definito i reperti d’interesse storico-archeologico e con un esperto in numismatica ha inquadrato il materiale in un preciso arco cronologico e fatto una stima del suo valore economico.

Marito e moglie rispondono di impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato. I reperti sono stati affidati alla  Sovraintendenza.