Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 62
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvmassimiliano650robertoflorioDetectifygino.dellannavega1982otticabofmarcotano69setteluglio1978essepimedWHITESNOW68depascali.rossanamele.filomena
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Messaggi del 01/08/2021

Lo spot “Puglia, una storia d’amore” premiato come il più bello d’Italia Il Ago 1, 2021

Post n°28501 pubblicato il 01 Agosto 2021 da forddisseche

Lo spot “Puglia, una storia d’amore” premiato come il più bello d’Italia 

 
114
 

Il video “Puglia, una storia d’amore”, nel quale c’è tanto di Vieste,  è stato votato “come lo spot migliore fra quelli proposti dalle regioni italiane” dagli esperti del sito “Gazzetta del Pubblicitario”, che si occupa di pubblicità e comunicazione. Lo rende noto con un post su facebook il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

“La Puglia – scrive – è sul gradino più alto del podio anche per lo spot pubblicitario più bello d’Italia. La nostra regione quest’anno non è solo regina del turismo, con il mare più bello e pulito del Paese, ma è anche al primo posto per il video ‘Puglia, una storia d’amore’, prodotto da Pugliapromozione e realizzato dalla regista e sceneggiatrice di Nardò Francesca Muci“.
Il video, in onda dal 20 giugno sui canali tv nazionali, sul web e sui social, è stato realizzato nell’ambito della campagna di comunicazione per la stagione turistica. Racconta, sulle note della Taranta salentina, la storia di un bambino in vacanza in Puglia con la famiglia che, quando scopre che i genitori stanno preparando il rientro a casa, li lega al letto e corre in bici dalla sua innamorata che lo aspetta in riva al mare, promettendole che non partirà più. 
(ANSA).   

 
 
 

VIESTE – Domati gli incendi, azione di contrasto tempestiva ed efficace Ultimo aggiornamento Ago 1, 2021

Post n°28500 pubblicato il 01 Agosto 2021 da forddisseche

VIESTE – Domati gli incendi, azione di contrasto tempestiva ed efficace 

 
148
 
 

Non uno, ma ben tre incendi scoppiati quasi contemporaneamente nella mattinata di oggi nell’entroterra di Vieste. Grazie alla perfetta sinergia tra le squadre di emergenza e protezione civile, tutti e tre i focolai sono stati spenti, nonostante il vento forte e il caldo asfissiante.

 

L’incendio più grande (e per il quale sono tuttora in corso azioni di bonifica), ha riguardato la località “Piana della Battaglia – Mandrione), alle pendici della Foresta Umbra. Qui, secondo una primissima stima da parte dei carabinieri forestali, ben 15 ettari, tra macchia mediterranea e pineta d’Aleppo, sono stati percorsi dal fuoco. Danni più gravi si sarebbero avuti se non ci fosse stato il grande spiegamento di forze, composto da ben cinque squadre della Pegaso, due delle Gev, altrettante dell’Arif, assieme a Vigili del fuoco e carabinieri forestali, oltre che della polizia locale. Una sinergia che è riuscita, nonostante le evidenti difficoltà, ad arginare le fiamme ed evitare che si propagassero ulteriormente, favorite dal vento forte e caldo.

Quasi contemporaneamente sono scoppiati altrui due incendi. Il primo nella zona di “Focareto” e l’altro in località “Resega”. Ma anche in questi due casi, l’ottimo lavoro svolto dalle squadre antincendio e volontari ha permesso di arginare le fiamme.

 

Va detto altresì che i danni sono stati limitati anche grazie al lavoro preventivo svolto dalle squadre di volontari di Protezione Civile di Vieste che, in considerazione della particolare giornata, caldissima e ventosa, già da questa mattina presto erano all’opera per monitorare le zone più a rischio ed intervenire con immediatezza in caso di allarme. Così come si è poi verificato. Per cui va detto grazie a tutti i volontari e alle altre squadre antincendio per l’encomiabile lavoro svolto, in situazioni davvero difficili.

 

 
 
 

Procedure più veloci per tornare in edicola «Dopo anni di tribolazioni e sacrifici dei lavoratori» Il comitato di redazione

Post n°28499 pubblicato il 01 Agosto 2021 da forddisseche

Procedure più veloci per tornare in edicola«Dopo anni di tribolazioni e sacrifici dei lavoratori»

  
Cari Lettori della «Gazzetta», per il 29 prenotate una copia in più
 
 
 
 

BARI - La Gazzetta del Mezzogiorno non chiude, ma interrompe - speriamo sia un periodo il più breve possibile - le pubblicazioni in attesa di tornare dai nostri lettori più forte e rinnovata. Non essere in edicola domani - a causa della mancata accettazione della proroga dall’editore affittuario, ultimo capitolo di una vicenda travagliata iniziata circa tre anni fa tra procure e tribunali - rappresenta un impoverimento culturale del diritto costituzionale all’informazione dei cittadini di Puglia e Basilicata, un vulnus storico che non si era registrato nemmeno durante le due guerre mondiali.

 

Il comitato di redazione auspica che, nelle more dei tempi della procedura fallimentare nella quale è coinvolta la testata e la società editrice, alla quale afferiscono i giornalisti e tutti i lavoratori della Gazzetta, siano perseguite dal Tribunale di Bari e dalle curatele di Mediterranea e Edisud tutte le strade possibili per garantire ai cittadini pugliesi e lucani il più rapido ritorno dell’informazione della Gazzetta nelle edicola. Come? Approntando, grazie a procedure evidentemente straordinarie, la formula necessaria sul piano giuridico per un immediato ripristino della produzione, che garantisca la presenza della testata nelle edicole del territorio.

 

Dopo ormai anni di incertezze e tribolazioni, nonché di stipendi non ricevuti e di una sostanziale precarizzazione dell’esistenza dei giornalisti del Gazzetta, l’unica via per il rilancio della testata passa dal completamento della procedura fallimentare nel minore tempo possibile, affinché l’aggiudicazione della testata consenta ad una compagine imprenditoriale di garantire i livelli occupazionali e salariali dei giornalisti, la continuità del giornale e un serio piano di rilancio.

 

L’invito è quindi ad accelerare, ove possibile, i tempi sia del completamento delle varie tappe della procedura fallimentare sia della predisposizione delle formule adatte al ritorno temporaneo del giornale nelle edicole: ottemperando a questi due passaggi si darebbe una prospettiva alle 140 famiglie di giornalisti e lavoratori del nostro e vostro giornale. I lavoratori hanno subito l’ennesima tegola sulla testa con la beffa di apprendere, a poche ore dalla scadenza del contratto di affitto, la notizia della fine imminente delle attività editoriali. Riteniamo sia arrivato il tempo di dare certezze al giornale e di pretendere verità e correttezza da parte di tutti gli imprenditori interessati a rilevare la testata.

 

Federazione nazionale della Stampa Italiana e Associazioni di Stampa di Puglia e di Basilicata ribadiscono la necessità di moltiplicare gli sforzi da parte di tutti affinché la Gazzetta del Mezzogiorno torni al più presto in edicola.
Nel rispetto delle procedure di legge, il sindacato dei giornalisti ritiene indispensabile verificare senza indugi ogni possibilità e prendere in considerazione tutte le proposte utili a consentire la ripresa delle pubblicazioni. In queste ore, infatti, non sono mancate manifestazioni di disponibilità per assicurare la sopravvivenza del giornale fino alla definizione della procedura fallimentare. Come già in passato, i giornalisti sono pronti a fare sacrifici mettendo a disposizione il loro lavoro pur di garantire la continuità dell'informazione in Puglia e Basilicata.

 

Tocca al tribunale e alle curatele fallimentari verificare la fattibilità di soluzioni ponte dopo il diniego della Ledi alla prosecuzione dell'affitto. Riportare la gazzetta in edicola deve essere una priorità assoluta. Ogni giorno senza il giornale rappresenta un danno non soltanto per i giornalisti e le maestranze, ma anche e soprattutto per le comunità alle quali la Gazzetta dà voce da 134 anni.

 
 
 

Editoria: Moles, non disperdere Gazzetta Mezzogiorno Il sottosegretario auspica soluzioni immediate

Post n°28498 pubblicato il 01 Agosto 2021 da forddisseche

Editoria: Moles, non disperdere Gazzetta MezzogiornoIl sottosegretario auspica soluzioni immediate

Redazione online

31 Luglio 2021

Editoria: Moles, non disperdere Gazzetta Mezzogiorno

Il sottosegretario Giuseppe Moles

Contenuti correlati

Roma - «Sarebbe imperdonabile disperdere un patrimonio di libertà e identità quale la Gazzetta del Mezzogiorno, autorevole voce delle comunità del Sud Italia». Lo dice il sottosegretario all’Editoria Giuseppe Moles in relazione alla vicenda che vede a rischio da domani la prosecuzione delle pubblicazioni dello storico quotidiano. «Non si è difatti ancora conclusa la procedura fallimentare per l’affidamento della società editrice il cui contratto di gestione temporaneo è ormai scaduto. Celerità nella decisione e garanzia dei livelli occupazionali sono un’urgenza - aggiunge Moles - Mi auguro che in queste ore la situazione possa finalmente trovare giusta ed adeguata soluzione».