Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

paco20000laboratoriotvforddissecheQuartoProvvisorioanimegemelle20Quivisunusdepopulolegrin2marzianadgl12pasquale.troiaalosi1poljekprefazione09alecilcarla.bosso
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 10/01/2022

SUPERSTRADA – Dossier: le due ipotesi di tracciato del tratto Vieste – Mattinata Il Gen 10, 2022

Post n°29016 pubblicato il 10 Gennaio 2022 da forddisseche

SUPERSTRADA – Dossier: le due ipotesi di tracciato del tratto Vieste – Mattinata 

 
460
 

L’intervento di completamento della viabilità fra Vico del Gargano e Mattinata ha l’obiettivo di creare un collegamento più rapido tra i centri della zona e alleggerire i flussi di traffico lungo la costa. Lo schema progettuale di base del nuovo collegamento non può quindi essere che un arco, cioè una linea curva che serve i centri vicini al mare e al tempo stesso facilita l’accesso a quelli situati nell’entroterra, attraverso infrastrutture stradali nuove o esistenti, in parte da migliorare e riqualificare.
La collocazione di questo nuovo asse stradale è in un certo senso quasi obbligata, perché determinata dalla posizione degli attuali tratti fino a Vico (SS 693) e fino a Mattinata (SS 89) nonché dai tratti di viabilità esistente che con modifiche puntuali, possono diventare strade di tipo C, categoria cui appartengono anche tutti i tratti di nuova realizzazione previsti

Le strade di tipo C sono strade extraurbane secondarie a unica carreggiata con almeno una corsia per senso di marcia e banchine: nelle C1 le corsie sono larghe 3,75 metri per senso di marcia e sono affiancate da banchine larghe 1,50 metri; nelle C2 le corsie sono larghe 3,50 metri per senso di marcia e le banchine 1,25 metri Il nuovo collegamento che viene così a delinearsi è stato suddiviso in tre Itinerari, cioè tratti:
ITINERARIO 1: tra Vico del Gargano e lo svincolo di Peschici, interamente di nuova realizzazione;
ITINERARIO 2: tra lo svincolo di Peschici e lo svincolo di Vieste, che prevede il miglioramento della SS 89 esistente;
ITINERARIO 3: tra Vieste e Mattinata, che prevede il miglioramento di un primo tratto della SS 89 e la realizzazione di un tratto successivo che oggi non esiste.
Sono state inoltre individuate le seguenti diverse alternative progettuali:
• per l’itinerario 1, che si colloca in un territorio morfologicamente complesso, sono state individuate quattro alternative, la 1A, 1B, 1C e 1D;
• per l’itinerario 2, avendo scelto di adeguare la SS 89 esistente che presenta caratteristiche plano-altimetriche facilmente migliorabili per soddisfare le caratteristiche di a una strada di categoria C1, è stata studiata un’unica soluzione di progetto;
• per l’itinerario 3, dove si è considerata come soluzione ottimale intervenire sull’esistente SS 89 in un primo tratto per poi proseguire con un nuovo tratto nella seconda parte, sono state individuate due alternative di progetto – la 3A e la 3B – che si differenziano nella proporzione tra parte di nuova realizzazione e parte di adeguamento della strada esistente: la 3A e la 3B.
L’itinerario 3 rappresenta la viabilità di collegamento tra lo svincolo di Vieste e Mattinata e attraversa un paesaggio complesso dal punto di vista ambientale, sia per la morfologia (sono presenti diverse scarpate) sia per i vincoli imposti dagli strumenti urbanistici data la presenza di aree di interesse pubblico.
Il tracciato inizia con una rotatoria di interconnessione con la SS 89 direzione Vieste a est, la nuova viabilità di progetto di adeguamento della SS 89 tra Vieste e Peschici a nord (cioè l’itinerario 2) e la viabilità comunale di accesso alla località Rosoli a ovest. Termina con una rotatoria di riconnessione con la Strada Provinciale 53 e l’accesso nord della nuova Strada Statale 688 “Variante di Mattinata” aperta al traffico a dicembre 2004; tale intersezione sarà realizzata tra le località
Mattinatella (a sud) e Baia delle Zagare (a est).
Per questo itinerario sono state valutate due alternative di tracciato, la 3A e la 3B, che si differenziano sostanzialmente per la percentuale in variante, cioè per la parte di strada di nuova realizzazione, rispetto alla percentuale di miglioramento della strada esistente.L’alternativa 3A rende il percorso il più lineare possibile, favorendo quindi la facilità di percorrenza e prevede pertanto un notevole numero di viadotti e gallerie. L’alternativa 3B, invece, rimane quanto più possibile sulla sede esistente della SS 89 e riduce al minimo il numero delle opere da costruire. Data la difficile morfologia del territorio, entrambe le alternative prevedono di adeguare le strade esistenti al tipo C2 – cioè con corsie larghe 3,50 metri e banchine laterali di 1,25 metri – e di realizzare una strada di tipo C1 solo nel nuovo tratto di innesto con la strada 244.
Eventualmente, in alternativa alle suddette ipotesi progettuali, si potrebbe anche ipotizzare di terminare la nuova viabilità a scorrimento veloce a Vieste (dove cioè finisce l’itinerario 2) e prevedere per l’itinerario 3 solo interventi mirati a migliorare la sicurezza stradale e la percorrenza su una delle due viabilità esistenti nel tratto compreso tra Vieste e Mattinata: la SS 89 (strada interna) oppure la SP 54 (strada di costa). Poiché l’impatto economico e ambientale di queste due alternative è irrilevante rispetto alle soluzioni proposte 3A e 3B, non possono essere a quelle comparate e vengono quindi qui solo citate.
Alternativa 3A – L’alternativa 3A ha una lunghezza totale di 16,3 km, dei quali i primi 3,3 km corrispondono a un tratto esistente della SS 89, che viene adeguato a C2 con interventi di miglioramento. Il resto del tracciato è invece completamente in variante rispetto alla sede stradale esistente, cioè in sostanza si tratta di una nuova strada. Sono presenti 9 nuove gallerie, per un totale di 9.577 metri e 15 viadotti, di cui 13 nuovi, per un totale di 2.282 metri compresi i 235 metri dei due
viadotti esistenti.
Il percorso
Lungo il primo tratto sono presenti 3 viadotti lunghi rispettivamente 180, 520 e 55 metri. Successivamente il tracciato cambia rispetto all’esistente con un’alternanza di gallerie anche molto lunghe e di viadotti, che si susseguono fino al termine dell’itinerario nei pressi di Mattinata. In particolare, il percorso interseca in due punti il canale Macinino – scavalcandolo con due viadotti – e più oltre diversi corsi d’acqua minori, che vengono superati con viadotti tra i 100 e i 200 metri di lunghezza.
Il costo
Per l’alternativa 3A è stato stimato un costo complessivo di intervento di 498 milioni di euro.
3.5.2 Alternativa 3B L’alternativa 3B ha una lunghezza complessiva di circa 17,5 km, dei quali i primi 7,5 km corrispondono a un tratto esistente della SS 89 – quindi 4,2 km in più rispetto all’alternativa 3A – che viene adeguato a C2 con interventi di miglioramento, mentre il resto si sviluppa su un nuovo tracciato. Sono presenti 12 gallerie, di cui 8 nuove, per un totale di 8.345 metri (inclusi 575 metri delle 4 gallerie esistenti) e 12 viadotti, di cui 6 nuovi, per 2.105 metri totali inclusi 895 metri dei 6 viadotti esistenti.
Il percorso
L’itinerario incontra una prima volta il canale Macinino dopo il primo km, lo scavalca con un viadotto e si porta a destra del corso d’acqua per poi attraversarlo di nuovo al km 4 con un altro viadotto. In questi tratti incrocia spesso anche gli affluenti  del canale e le interferenze vengono risolte con ponticelli.
Il tracciato costeggia quindi il canale e lo riattraversa ai km 7 e 8, per poi allontanarsene definitivamente. Nella parte terminale incontra diversi corsi d’acqua minori e queste interferenze vengono nuovamente tutte risolte con viadotti o opere minori. L’itinerario termina come per l’alternativa 3A nella nuova rotatoria prevista tra le località Mattinatella e Baia delle Zagare.
Il costo
Per l’alternativa 3B è stato stimato un costo complessivo di intervento di circa 444 milioni di euro.

 
 
 

Puglia / DTV Lunedì 10 Gennaio 2021 Mux Mediaset 1 Uhf 52: Eliminata l'emittente a pagamento Sky Sport Serie A

Post n°29015 pubblicato il 10 Gennaio 2022 da forddisseche

Lunedì 10 Gennaio 2021
Mux Mediaset 1 Uhf 52: Eliminata l'emittente a pagamento Sky Sport Serie A Hd sul canale 473. 

Mux Rai 1 Vhf 5 e Uhf 32 (Puglia) e Vhf 5 - 9 - 11 e Uhf 29 (Basilicata): Inserita la numerazione automatica alle tre emittenti radiofoniche della Tv di Stato:
- Radio Rai Uno Lcn 701
- Rai Radio Due Lcn 702
- Rai Radio Tre  Lcn 703

HbbTv Italia Channel canale 123: nello slot vuoto, presente in questa applicazione, è stata inserita l'emittente Italianissima Tv.

 
 
 

Il bilancio della Capitaneria di porto di Manfredonia nell’anno 2021 Il Gen 10, 2022

Post n°29014 pubblicato il 10 Gennaio 2022 da forddisseche

Il bilancio della Capitaneria di porto di Manfredonia nell’anno 2021

70

L’anno appena concluso ha visto impegnati, senza sosta e nonostante le difficoltà causate dall’emergenza sanitaria ancora in corso, gli uomini e le donne del Compartimento Marittimo di Manfredonia che si estende dai comuni di Zapponeta fino a Marina di Chieuti.

Le molteplici attività poste in essere, svolte sempre con la rigida applicazione dei protocolli sanitari sia nella gestione interne degli uffici che nelle attività esterne, hanno riguardato la tutela dell’ambiente, la verifica delle attività connesse agli usi civici del mare e il legittimo uso del demanio marittimo oltre che la salvaguardia della vita umana in mare con la tradizionale operazione estiva “Mare Sicuro 2021”.

Di particolare interesse è stata la partecipazione dei militari della Guardia Costiera alla Task Force della Prefettura di Foggia finalizzata alla verifica delle misure anti-contagio poste in essere dagli esercizi commerciali e che hanno riguardato anche diverse strutture turistico ricettive presenti lungo la costa garganica.

Nel corso dell’anno appena trascorso sono state effettuate con successo diverse operazioni di soccorso in mare – Search and Rescue (SAR)-, condotte con le motovedette ed i battelli pneumatici in dotazione e coordinati dalla Sala Operativa, presidiata 24h su 24h da personale altamente specializzato. In totale sono state soccorse 36 persone a bordo di 8 unità da diporto e sono stati gestiti 3 eventi complessi di sbarco marittimo/passeggero infortunato con utilizzo di mezzo aereo (MEDEVAC).

Anche per il 2021 il trend delle navi arrivate per effettuare operazioni commerciali nel Porto Industriale di Manfredonia può considerarsi positivo con l’approdo di 98 navi mercantili nel Bacino Alti Fondali, cui è seguita una movimentazione di merci del Porto pressoché invariata rispetto alla precedente annualità (500.000 tonnellate) nonché con destinazione quasi esclusiva in poli industriali della Provincia.

Nell’ambito della gestione del Porto si segnala altresì che sono in corso di ultimazione gli ultimi lavori finalizzati all’entrata in funzione nel Porto Commerciale della ZTL che garantirà, oltre ad una maggiore sicurezza, anche una migliore vivibilità nel compendio portuale.

Nel corso della stagione estiva, la Capitaneria ha garantito la propria costante presenza sulle spiagge nell’ambito dell’operazione nazionale “Mare Sicuro 2021”. L’impegno maggiore ha riguardato il fenomeno della navigazione sottocosta ed in zona riservata alla balneazione da parte di natanti ed imbarcazioni da diporto. Il Focus operativo di questa stagione balneare è stato in particolare rivolto agli acquascooter, stante anche il numero di segnalazioni aventi ad oggetto questo tipo di unità navale, con l’effettuazione di un’intensa attività preventiva e repressiva, effettuata anche mediante pattuglie terrestri presenti nei sorgitori di Mattinata e Manfredonia e che ha permesso di ridurre sensibilmente il fenomeno della navigazione sotto costa da parte dei conduttori di tale mezzo. L’attività a tutela dell’ecosistema marino e costiero, nelle sue diverse sfaccettature – tra il contrasto all’abusivismo edilizio sul demanio marittimo e la gestione contra legem dei rifiuti – anche grazie al coordinamento diuturno e prezioso della Procura della Repubblica di Foggia e l’ausilio del Nucleo Operativo Polizia Ambientale (NOPA) della Direzione Marittima di Bari, è stata quella più pagante sotto il profilo tecnico-operativo, con l’elevazione di 21 (ventuno) notizie di reato. In particolare si menzionano due operazioni di polizia demaniale, effettuate rispettivamente nel Comune di Manfredonia e di Lesina, ove due titolari di stabilimenti balneari avevano abusivamente occupato un’area totale di 6.000 mq tramite l’illecito posizionamento di attrezzature balneari (ombrelloni e sedie sdraio) e di manufatti sprovvisti di qualsivoglia titolo edilizio-urbanistico, paesaggistico e demaniale. Nell’ottobre 2021 si è conclusa, con l’applicazione di 14 misure cautelari (arresti domiciliari) per disastro ambientale e combustione illecita di rifiuti ed il sequestro preventivo di 10 impianti di mitilicoltura (ed altre aree a terra ad esse riconducibili) per un totale di 30 milioni di metri quadrati, la complessa indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia denomi nata “Gargano Nostrum” e sviluppata dal Nucleo Speciale d’Intervento del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto unitamente a personale di questo compartimento marittimo. L’indagine, iniziata nell’ottobre del 2019, trae origine da diverse segnalazioni relative alle retine in plastiche utilizzate nella mitilicolture ed abbandonate massivamente lungo tutto il litorale del Nord Gargano. L’attività ha permesso di contestare a diversi titolari di impianti di mitilicoltura il mancato smaltimento di decine di tonnellate di rifiuti plastici che, una volta depositati sul fondo e spiaggiati, hanno determinato una grave alterazione delle matrici ambientali e degli ecosistemi relativi.

Sono circa 250 le ispezioni svolte lungo tutta la filiera della pesca, partendo dalla cattura di specie protette o dall’utilizzo di attrezzi non consentiti ad opera di pescherecci fino ad arrivare alla somministrazione al dettaglio di prodotto ittico non tracciabile derivante dalla pesca abusiva. L’insieme dell’attività ispettiva, svolta in sinergia con il 6°Centro Coordinamento Area Pesca di Bari, ha portato in totale al sequestro di n°14 attrezzi da pesca non autorizzati e 6.075 kg di prodotto ittico, comminando sanzioni che ammontano ad un totale di circa 115.000,00 euro.

In totale sono n°609 i processi verbali di contestazione amministrativa elevati dai militari della Guardia Costiera, con la conseguente emanazione, da parte dell’Ufficio Contenzioso, di n° 210 ordinanze di ingiunzione di pagamento per un totale di sanzioni comminate che supera i 120.000,00 euro. Il Comandante della Capitaneria di Porto di Manfredonia, C.F. (CP) Giuseppe TURIANO, ha infine commentato: “Rivolgo un sincero ringraziamento a tutto il personale, civile e militare, della

Capitaneria di Porto di Manfredonia e di tutti gli Uffici dipendenti. I risultati conseguiti, grazie anche alla collaborazione messa in campo con le Amministrazioni locali, la Prefettura, la Questura e la Procura della Repubblica di Foggia oltre che la consueta e proficua sinergia con l’Arma dei Carabinieri e la Guardia di Finanza, sono da stimolo per l’anno appena entrato che sicuramente richiederà uno sforzo comune per il conseguimento di nuovi e ambiti risultati.

 
 
 

u

Post n°29013 pubblicato il 10 Gennaio 2022 da forddisseche

 
 
 

SUPERSTRADA – Pronto il progetto, mercoledì 12 la presentazione a Foggia (il 2 febbraio a Vieste) Il Gen 10, 2022

Post n°29012 pubblicato il 10 Gennaio 2022 da forddisseche

SUPERSTRADA – Pronto il progetto, mercoledì 12 la presentazione a Foggia (il 2 febbraio a Vieste) 

 
176
 

Con la conferenza stampa in programma mercoledì 12 gennaio alle ore 11,30 a Palazzo Dogana a Foggia, si apre di fatto il dibattito pubblico per il completamento della Strada a Scorrimento Veloce del Gargano. Nell’occasione verrà illustrato il dossier di progetto relativo alla realizzazione di un nuovo collegamento stradale a scorrimento veloce tra Vico del Gargano e Mattinata.

La procedura prevede, inoltre, l’organizzazione di quattro incontri informativi territoriali, dedicati a presentare il progetto ai cittadini dei Comuni direttamente interessati dal tracciato: Vico del Gargano, Peschici, Vieste e Mattinata. Dal momento però che l’infrastruttura in oggetto non è di interesse unicamente dei soli quattro Comuni sopracitati, ma anche di tutti i Comuni facenti parte del Parco Nazionale del Gargano, il progetto di Dibattito prevede un ciclo di incontri di approfondimento online che avranno l’obiettivo di contestualizzare le ricadute dell’intervento in un contesto di area vasta sotto il profilo socioeconomico; archeologico, ambientale e paesaggistico; e riguardo i tempi e le modalità realizzative. Inoltre, si prevede di realizzare due tavoli tecnici che avranno il compito di monitorare lo svolgimento del Dibattito con gli enti successivamente coinvolti dalle fasi autorizzative.

 

A Vieste il dibattito pubblico è previsto nella giornata di mercoledì 2 febbraio 2022 alle ore 17,30 presso il cine teatro Adriatico. Il dibattito pubblico è un confronto con la cittadinanza che ha lo scopo di discutere le ragioni dell’opera, la sua opportunità e raccogliere osservazioni e proposte utili a migliorare le alternative progettuali studiate da ANAS Spa. Importante sarà il parere dei cittadini che se dovessero ritenere non necessaria l’opera, quest’ultima non si farà. Saranno soprattutto loro a decidere. È aperto a tutti coloro che vogliono partecipare e deve essere organizzato affinché tutti gli interessati possano ricevere informazioni complete, ottenere chiarimenti dai progettisti, indicare criticità da approfondire e proporre soluzioni migliorative.

 
 
 

VIESTE – Aggiornamento Covid: volano i contagi, 140 al 6 gennaio Il Gen 10, 2022

Post n°29011 pubblicato il 10 Gennaio 2022 da forddisseche

VIESTE – Aggiornamento Covid: volano i contagi, 140 al 6 gennaio

328

Attività di sorveglianza provincia di Foggia. Contagi e osservazione al 6 gennaio 2022 – Città di Vieste:
140 positivi (+33 rispetto al 4 gennaio).
Aggiornamento pervenuto alle ore 18:00 in data di sabato, 8 gennaio 2022.
Fonte: Prefettura di Foggia.